lunedì, Agosto 8, 2022
HomeSaluteBenessereAbbronzatura intensa e durevole? La formula magica è a tavola

Abbronzatura intensa e durevole? La formula magica è a tavola

A cura della dottoressa Teresa Esposito*.

Oltre a regalare il colorito dorato, i raggi UV producono i radicali liberi che attaccano le cellule di collagene ed elastina, le ossidano, accelerando l’aging cutaneo. Quindi, proteggersi dal sole e favorire un’intensa abbronzatura è possibile anche con i cibi giusti da portare a tavola. Innanzitutto c’è bisogno di incrementare l’apporto di frutta e verdura di colore giallo  e arancione. Consumare pesce e frutti di mare, cucinati in modo semplice e non far mai mancare la vitamina E.

Frutta e verdura di colore giallo e arancione. Carote, albicocche, nespole, pesche, melone, barbabietole rosse: la loro tinta indica una particolare ricchezza di betacarotene, precursore della vitamina A, che favorisce direttamente la produzione di melanina. Stimolando l’attività dei meloniciti (le cellule della melanina), il betacarotone è in grado di sviluppare un’abbronzatura profonda. Come possiamo contrastare l’effetto ossidante dei raggi UV? Con mirtilli, uva e lamponi che sono ricchi di polifenoli, agenti in grado di svolgere una potente azione anti-ossidante, contrastando l’effetto del photo-aging. Inoltre regolano la microcircolazione cutanea, diminuendo la sensazione di calore.

Pesce e frutti di mare, ricchi di acidi grassi e omega 3, proteggono dal sole, riparando le fibre di collagene ed elastina, inoltre zinco, selenio e i sali minerali contenuti nel pesce, riparano le cellule dall’azione ossidativa. Il risultato? Pelle liscia e abbronzata uniformemente. Il pesce va consumato almeno 3-4 volte alla settimana. Mai farsi mancare la vitamina E. Soprattutto se si ha la pelle secca e delicata, che in estate si disidrata particolarmente. Lo trovi nel germe di grano, nell’olio d’oliva, nelle mandorle e nell’avocado.

Re pomodoro. Ma tra i vegetali il vero re dell’abbronzatura è il pomodoro, che contiene una sostanza particolare (il licopene) ad azione protettiva. È stato studiato che il licopene si assimila meglio se si consumano pomodori cotti. Via libera dunque agli spaghetti al pomodoro, emblema della Dieta mediterranea!

Consumare cibi ricchi di betacarotene non vuol dire solo assicurarsi un’abbronzatura dorata, ma anche una maggiore protezione dalle scottature solari. Ne sono ricchi peperoni, prezzemolo, rucola, radicchio, spinaci, mango. Il betacarotene filtra i raggi UV e neutralizza gli effetti nocivi dei radicali liberi, grazie all’azione antiossidante.

Ma la pelle si rigenera anche grazie a tutte le virtù contenute nella soia. Benefica per la pelle, è la genisteina, contenuta in essa; una particolare sostanza che favorisce il ricambio cellulare. Arricchisci la tua insalata con i germogli di soia oppure consuma regolarmente cibi a base di soia, come latte, yogurt, biscotti ecc.

Attenzione, non è finita qui, non solo frutta e verdura! Anche la carne apporta il suo contributo ad un’intensa e dorata abbronzatura. Una porzione di filetto di manzo contiene 7 mg di zinco necessari per avere il giusto apporto di azione protettiva. Quindi? Dieta mediterranea docet!

*Medico chirurgo – dietologa

neifatti.it ©

ARTICOLI CORRELATI

I più recenti