Pubblicato il: 16 settembre 2017 alle 8:00 am

Leggiamo ‘L’amante’ (L’amant, 1984) di Marguerite Duras, scrittrice dalla prosa ostica, che nasconde più che raccontare Romanzo brevissimo, quasi interamente autobiografico . «Presto fu tardi nella mia vita» confessa l’autrice ricordando la sua adolescenza vissuta in fretta

di Caterina Slovak.

Roma, 16 Settembre 2017 – I paesaggi sono quelli magnifici della foce del Mekong e le trafficate vie di Saigon, in Vietnam, l’Indocina francese degli anni Trenta, dove nasce questa passione dolce e violenta, una passione di carne, sangue e anima.

I personaggi principali, presentati solo come “la ragazza” e “il cinese”, si incontrano a bordo di un traghetto che attraversa il lento corso del Mekong, la ragazza indossa un vecchio vestito di seta ed un cappello da uomo, il rossetto sulle labbra e scarpe con i tacchi. È di una bellezza acerba e sorprendente. E’ una francese di quindici anni – ma al cinese racconterà di averne 17 – frequenta un istituto femminile a Saigon ed è di estrazione poverissima; lui è un trentenne elegantissimo in un vestito di lino chiaro come il cappello. Un gioco di sguardi, il cinese le offre una sigaretta e lei «No, grazie, non fumo».

Il viaggio è breve e la ragazza scende per andare a scuola. L’uomo invece è atteso da una Limousine; le offre un passaggio, lei accetta. Scambiano qualche frase.

Ma il giorno seguente lui l’ aspetta  fuori del collegio, e tacitamente si dirigono in una camera presa in affitto nel quartiere cinese, la “Casa dello scapolo”; nasce così la loro relazione, che diventerà amore, un amore ostacolato in tutti i modi dalle rispettive famiglie, un legame che non riesce a dissolversi nonostante le differenze e le difficoltà. Un amore carnale, fatto di corpi avvinghiati e ricerca di affetto.

I protagonisti del libro  sono due personaggi opposti che si desiderano, che non riescono a farne a meno di quel desiderio, nonostante lei sia un’adolescente curiosa, calcolatrice, che non riesce a lasciarsi andare ai sentimenti, che pensa di poter giostrare le persone, ma che poi non riesce realmente a ribellarsi alle regole imposte dal mondo e dalla società. Lui è un giovane capace di  amare con tutto se stesso. La ama, lei si lascia amare. Quando, tre anni dopo, si separeranno, lei  scoprirà di averlo amato.

Il sesso tra di loro è l’unico modo per poter dar libero sfogo alle loro personalità complesse e contraddittorie, è l’unico modo di poter far esplodere le loro frustrazioni e cercare di farsi capire, è l’unico vero modo che hanno per raggiungere il cuore dell’altro senza esserne feriti, nonostante il dolore che si avverte nei loro continui rapporti fisici. Ma le aspettative delle famiglie sono diverse e le rigide convenzioni sociali prevalgono, e quello che era un rapporto sincero diventerà corrotto dal denaro e finirà per essere irrimediabilmente compromesso dal matrimonio combinato di lui con una ricca donna cinese e dalla partenza di lei per la Francia.

L’amante ha fatto scandalo per la crudezza e il realismo estremo, per l’argomento e le parole, ma che, in certi passaggi, racchiude una dolcezza unica, quando Marguerite Duras si abbandona ai propri pensieri, facendo risaltare l’aspetto autobiografico dell’opera, che è il tema portante del libro.
Un romanzo fatto di salti temporali tra gli anni, gli avvenimenti e i ricordi. Un romanzo intenso, forte, sconvolgente.

L’amante è un romanzo complessofatto di tante riflessioni difficili da seguire nel loro percorso, ma avvincenti e talmente intime da far sentire l’esigenza di trattare ogni minima emozione con cura e tatto. Il lettore riesce a conoscere quasi come da vicino i personaggi e la loro psicologia: le cose non dette, le attese, i capricci, l’amore consumato in albergo… E poi l’amato Vietnam, le ricostruzioni sontuose dell’Indocina, il respiro dei vasti i paesaggi, la minuzia dei particolari e l’atmosfera d’ambiente quasi magica.

Alla pubblicazione il romanzo conosce un gran successo, si  aggiudica subito il Premio Goncourt e ispira il costosissimo film di Jean-Jacques Annaud del 1991.

neifatti.it ©