Pubblicato il: 25 settembre 2017 alle 6:58 am

Ladri a 80 anni, segno dei tempi? A Genova viene arrestato un 87enne mentre ruba in un’auto. Le cronache sono piene di ottuagenari arrestati per furto. I casi più eclatanti nel Regno Unito

di Giulio Caccini.

Genova, 25 Settembre 2017 – Sarà solo un caso se Giovanni, l’87enne fermato mentre tenta di rubare nelle auto, è conterraneo di Renato Rinino, noto anche come Renè o Lupin della Riviera, diventato famoso in tutto il mondo per avere rubato alcuni gioielli della corona britannica nel 1994? Entrambi liguri. Rinino è morto giovane nel 2003, a 41 anni, ucciso per gelosia. Giovanni, che compie furti da quando aveva meno di 20 anni, dice che non può smettere.

Quando, qualche giorno fa, i poliziotti lo hanno fermato in via Canevari, nel quartiere di Marassi a Genova, per giustificarsi ha detto: «Non ho una pensione e non so fare altro per avere i soldi per mangiare».

Gli agenti intervenuti hanno pizzicato l’87enne mentre stava ancora rovistando dentro l’abitacolo di una macchina, trovandolo in possesso di due forbici utilizzate per forzare i nottolini di ben tre vetture. Lo hanno arrestato. Processato per direttissima, il giudice ha convalidato l’arresto e lo ha rimesso in libertà. Quando è stato liberato agli agenti ha anche rivelato: «Non posso promettere che non lo farò più».

Giovanni è considerato il decano dei ‘topi d’auto’. Per anni sono passati dalle sue mani autoradio, poi cd, auricolari, caricabatterie di cellulari. Refurtiva che rivendeva ai ricettatori nei vicoli di Sottoripa, vicino al Porto Antico. Rubava in coppia con un complice coetaneo, un senza fissa dimora morto qualche anno fa. “Spadini” e fili di ferro i suoi arnesi del mestiere. Quando è stato fermato, ha implorato: «Non mi arrestate, non voglio farlo sapere ai miei familiari che rubo ancora».

Spulciando tra le cronache, anche non recenti, vengono fuori svariate storie di ladri ottantenni che hanno esercitato anche con grande abilità la loro professione fino alla fine.

Lo scorso mese di aprile, un ottuagenario famoso per la sua destrezza nel furto, è morto in carcere a Roma. Era “specializzato” in mountain bike, veniva arrestato spesso, soprattutto in centro e in Prati.

I furfanti più famosi e che hanno rubato fino alla tarda età, probabilmente appartengono alla storia del Regno Unito, dove ha operato, per esempio, un certo Peter Scott, morto a 82 anni. Si considerava un “Robin Hood” ma era soprannominato anche “il ladro della star” perché aveva derubato Soraya Khashogghi e lo Scià di Persia, la regina madre (la mamma di Elisabetta II) e Sofia Loren, Shirley McLane e Judy Garland, Liz Taylor e Maria Callas, Lauren Bacall e Viviene Leigh, oltre ad alcune delle migliori gioiellerie d’Inghilterra. Ma anche Bruce Reynolds, scomparso a 81 anni ma nello stesso anno di Scott, era diventato famoso in tutto il mondo per aver rapinato un treno postale con dentro 2,6 milioni di sterline.

Niente a che vedere con quelli come Giovanni, la malavita italiana della terza età, di piccolo cabotaggio, ancora legata a furtarelli e scippi. Come il caso dell’85enne che aveva rubato il portafoglio a una signora in un tabaccaio nel centro di Benevento. Furto con destrezza per un bottino di 50 euro.

neifatti.it ©