Pubblicato il: 22 novembre 2017 alle 1:00 pm

Niente coppa per la Nazionale? Consoliamoci, si fa per dire, con il Quidditch A giugno Firenze ospitera' il campionato mondiale del gioco fantastico praticato da Harry Potter

di Angela Faiella.

Firenze, 22 Novembre 2017 – Siete pronti a tifare Italia? Dal 27 giugno al 2 luglio a Firenze si svolgerà l’IQA World Cup. Si scontrenno ben 31 squadre rappresentanti altrettante nazioni per divenire campioni del mondo. Stiamo parlando del Quidditch, il famoso sport praticato da Harry Potter. Lo sport fantastico è divenuto realtà in America dal 2005 e ha preso piede in Europa nel 2010. Inventato con il nome di muggle Quidditch (Quidditch babbano) nel 2005 al Middlebury College di Middlebury (Vermont) ha elementi del rugby, del dodgeball e del calcio.

Le regole sono molto simili a quelle che segue Harry nei vari film con tanto di boccino e scope. I giocatori sono sette per ogni squadra: 3 cacciatori, due battitori un portiere ed un cercatore. Tutti hanno una scopa tra le gambe durante la partita che complica il gioco perché per la maggior parte della partita si portà utilizzare una sola mano.

Alle estremità del campo sono posti degli anelli difesi dal portiere. Lo scopo del gioco è fare goal negli anelli avversari e catturare il boccino. Ogni goal ha un valore di 10 punti.

Oltre al pallone per segnare negli anelli avversari vi sono tre palle diverse. Qualora si colpisca con una di queste l’avversario quest’ultimo non può più partecipare al gioco. Deve lasciare la palla e la scopa, tornare ai propri anelli senza interferire con il gioco e toccarne uno prima di poter tornare in campo.

Il boccino volante di cui parla J.K. Rowling nel gioco babbano è un assistente dell’arbitro vestito d’oro o di giallo con una palla da tennis in un calzino posto dietro la schiena. Entra in gioco dopo 17 minuti e non può più uscire dal campo. I cercatori dovranno provare a prendere il boccino che cercherà di allontanarli e difendersi.

Chi cattura il boccino guadagna 30 punti e conclude la partita che dura tra i 20 e i 30 minuti.

In Italia questo sport ha preso piede nel dicembre 2011 e nel 2013 a Monza è nata ’Associazione Italiana Quidditch A.S.D (in breve AIQ). Oggi è possibile praticarlo in più di 30 città da nord a sud iscritte all’ IQA (International Quidditch Association).

I sogni dei babbani appassionati allo sport inventato da J.K. Rowling possono avverarsi.

neifatti.it ©