Pubblicato il: 4 gennaio 2018 alle 8:00 am

Biodiversita’: l’instabilita’ politica e’ causa di perdita delle specie Un recente studio dimostra che una governance inefficace è causa del declino di molte specie rispetto a qualsiasi altra misura di "impatto antropogenico". Anche le aree protette fanno poca differenza nei paesi che lottano con la stabilità socio-politica

di Teresa Terracciano.

Londra, 4 Gennaio 2018 – I risultati della ricerca mostrano anche che le aree protette mantengono la diversità della fauna selvatica, ma solo se situate in paesi che sono ragionevolmente stabili politicamente con solide strutture giuridiche e sociali.

Un team internazionale di scienziati ed esperti di conservazione, guidati dall’Università di Cambridge, ha analizzato oltre 2,4 milioni di dati di 461 specie di uccelli acquatici in quasi 26.000 diversi siti di indagine in tutto il mondo. È stato utilizzato questo grande set di dati per ricostruire i cambiamenti delle specie situati in nazioni e regioni. I risultati sono stati confrontati con gli indicatori di governance, che misurano tutto, dai tassi di violenza, lo stato di diritto, alla corruzione politica, oltre a dati come il prodotto interno lordo (PIL) e le prestazioni di conservazione.

Il team ha scoperto che il declino degli uccelli acquatici era maggiore nelle regioni del mondo in cui l’amministrazione è, in media, meno efficace: come l’Asia occidentale e centrale, il Sud America e l’Africa sub-sahariana.

Le quote totali più salutari delle specie sono state osservate nell’Europa continentale, sebbene anche qui i livelli delle specie chiave siano in picchiata.

Questa è la prima volta che l’efficacia della governance nazionale e i livelli di instabilità socio-politica sono identificati come indicatori globali significativi per la biodiversità la perdita di specie.

«Anche se la copertura delle aree protette continua ad aumentare, i nostri risultati suggeriscono che una governance inefficace potrebbe minare i benefici di questi sforzi di conservazione della biodiversità» afferma il dottor Tatsuya Amano di Cambridge, che ha diretto lo studio presso il Dipartimento di Zoologia dell’Università. «Ora sappiamo con certezza che la governance e la stabilità politica sono vitali per lo sviluppo di future politiche e pratiche ambientali».

«Il nostro studio dimostra che il monitoraggio degli uccelli acquatici può fornire utili insegnamenti su ciò che dobbiamo fare per fermare la perdita di biodiversità » ha detto il co-autore Szabolcs Nagy, coordinatore del African-Eurasian Waterbird Census at Wetlands International.

«Un’amministrazione politica inefficace è strettamente associata alla mancanza di tutela ambientale e agli investimenti, portando alla perdita di habitat », ribatte Amano.

Lo studio ha anche rivelato una relazione tra la velocità della crescita del PIL e la biodiversità: più il PIL pro capite cresceva, maggiore era il declino delle specie di uccelli acquatici.

La diversità a livello locale più colpita si è riscontrata in Sud America, con una perdita annuale dello 0,95% pari a un calo del 21% in tutta la regione per 25 anni. Il dottor Amano è anche sorpreso di trovare gravi perdite di specie in tutte le aree interne dell’Asia occidentale e centrale.

I ricercatori sottolineano che la cattiva gestione delle risorse idriche e la costruzione di dighe in parti dell’Asia e del Sud America hanno causato l’essiccazione permanente delle zone umide in alcune regioni, come in Iran e Argentina, comprese nelle aree designate come protette.

La ricerca suggerisce che iniziative guidate da gruppi locali e indigeni possono essere più efficaci dei governi nella protezione degli ecosistemi, nonché costituire un possibile approccio di conservazione per le regioni che soffrono di instabilità politica.

Fonte per approfondimenti: Tatsuya Amano, Tamás Székely, Brody Sandel, Szabolcs Nagy, Taej Mundkur, Tom Langendoen, Daniel Blanco, Candan U. Soykan, William J. Sutherland. Successful conservation of global waterbird populations depends on effective governance. Nature, 2017; DOI: 10.1038/nature25139

neifatti.it ©