Pubblicato il: 20 maggio 2018 alle 7:30 am

Veicoli commerciali: aprile con segno meno per le vendite Mercato ancora in flessione per le immatricolazioni dei veicoli commerciali in Italia. La conferma arriva dai dati diffusi pochi giorni fa dall’Unrae, l’Associazione delle Case automobilistiche estere

di Fabrizio Morlacchi.

Roma, 20 Maggio 2018 – Se il 2018 si è aperto nel segno della crescita, con gennaio e febbraio caratterizzati dal segno più per le immatricolazioni, marzo ha segnato un’inversione di tendenza, che trova conferma in aprile. E’ quanto emerge dalle rilevazioni mensili relative alle vendite di veicoli commerciali nel nostro Paese (autocarri con ppt fino a 3,5 t). A diffondere ed elaborare le stime è il Centro Studi e Statistiche dell’UNRAE, l’Associazione delle Case Automobilistiche estere. Il calo delle vendite, in particolare, è pari al 3,9 per cento, con 12.920 veicoli immatricolati rispetto ai 13.441 venduti nell’aprile 2017. C’è da dire che già un anno fa, nell’aprile 217, il dato relativo alle immatricolazioni ha fatto registrare un sostenuto calo rispetto al 2016: -7,6 per cento.

Uno sguardo al dato del quadrimestre

Guardando a un arco temporale più ampio, relativo ai primi quattro mesi dell’anno, i dati dicono che il primo quadrimestre 2018 si chiude con immatricolazioni a quota 57.520 unità, in territorio positivo dell’1,8 per cento, confrontandosi con le 56.483 del gennaio-aprile 2017. Le performance di marzo e aprile, quindi, incidono solo relativamente sull’andamento complessivo del settore. “Sulla base delle nostre ultime previsioni – spiega Michele Crisci, Presidente dell’UNRAE – il mercato dei veicoli commerciali nel 2018, dovrebbe assestarsi su livelli leggermente inferiori alle 200.000 unità immatricolate, e sostanzialmente in linea con i 194.260 veicoli venduti nel 2017”.

Parco furgoni in revisione

“Il rinnovo del Superammortamento e la Sabatini – aggiunge Crisci, eletto alla guida dell’associazione proprio poco tempo fa – dovrebbero continuare ad accelerare il processo di svecchiamento del parco anche per l’anno in corso e, a fronte di un secondo semestre in cui il mercato dovrebbe stabilizzarsi, visto il confronto con lo stesso periodo dello scorso anno che aveva registrato una flessione complessiva di oltre il 10 per cento, riteniamo che il 2018 potrebbe raggiungere le 196.000 immatricolazioni (+1 per cento)”. Furgoni e veicoli nuovi, sicuri e competitivi rappresentano l’offerta migliore per portali come Giffi Noleggi che offrono la possibilità di avvalersi del noleggio furgoni per piccole, grandi necessità.

I dati relativi alle radiazioni

Il Centro Studi e Statistiche UNRAE, inoltre, ha preso in considerazione anche l’analisi dettagliata del fenomeno delle radiazioni dell’intero 2017. Ne emerge, a dati completi, che nel corso del 2017 le cancellazioni di veicoli commerciali dal Pubblico Registro Automobilistico sono cresciute a ritmo sostenuto, facendo registrare un incremento del 7,9 per cento. Una tendenza che si presenta in modo più marcato rispetto a quella fatta registrare dal mercato delle autovetture, con 92.000 unità, quasi 7.000 in più delle 85.268 dell’anno 2016. Andando più nel dettaglio, a fronte di una riduzione dei veicoli più anziani, segno che comunque resiste anche un discorso di natura economica alla sostituzione di tali mezzi, sono cresciute le radiazioni dall’Euro 3 in poi. Forte è stata la crescita di quelle di veicoli Euro 6 determinata, soprattutto, dal volume delle esportazioni, per un tema di smaltimento dello stock di km0. Tale stock a fine anno 2017, secondo le elaborazioni del Centro Studi UNRAE, superava le 11.000 unità.

neifatti.it ©