Pubblicato il: 13 giugno 2018 alle 8:00 am

Parte il Bif Roadshow, il tour dell’integrità aziendale promosso da Transparency Italia Le grandi imprese private italiane, da Enel a Generali, si impegnano a diffondere sul territorio le esperienze, le buone pratiche e le politiche anticorruzione più efficaci per il settore privato

di Giuseppe Picciano.

Milano, 13 Giugno 2018 – E’ stato presentato a Milano il Bif Roadshow 2018, la nuova iniziativa di Transparency International Italia, realizzato in collaborazione con le aziende del Bif, il Business Integrity Forum, che ha l’obiettivo di diffondere sul territorio italiano le esperienze, le buone pratiche e le politiche anticorruzione più efficaci per il settore privato.
Il Bif è un progetto di Transparency Italia che riunisce 14 tra le più grandi aziende italiane: Acciai Speciali Terni, Assicurazioni Generali, Edison, Enel, Falck Renewables, Fastweb, Luxottica, Pirelli, Rina, Saes-Group, Snam, Terna, Tim e Vodafone. L’impegno condiviso è quello di portare avanti dei progetti comuni per ridurre la corruzione e migliorare la trasparenza nelle pratiche di business, con la speranza di creare spirito di emulazione a beneficio anche di altri portatori d’interesse, come le piccole e medie imprese con le quali intrattengono rapporti commerciali.
«Il settore privato italiano è caratterizzato per oltre il 90% da piccole e medie imprese che, per mancanza di competenze specifiche, faticano a implementare al meglio i giusti strumenti e a comunicare il loro impegno contro la corruzione – spiega Giovanni Colombo, responsabile per il settore aziende private di Transparency Italia – siamo molto felici di questa iniziativa e della collaborazione delle grandi aziende del Bif, perché grazie al loro impegno abbiamo l’opportunità di raggiungere tante realtà più piccole e offrire loro la nostra esperienza. Grazie alle attività portate avanti in questi ultimi due anni, possiamo ora confrontarci anche con altri attori importanti quali la Pubblica  amministrazione, associazioni di categoria, attori della CSR, fino anche agli enti governativi».
I valori di integrità, trasparenza e anticorruzione rappresentano dei principi importanti nella competitività di mercato di cui anche le Pmi si devono dotare, in quanto strumenti rilevanti al fine di creare fiducia nei processi di selezione commerciale dei business partner. Consapevole di questo, il Bif si è mosso da tempo realizzando il kit dell’integrità per le Pmi, che alcune delle aziende del Forum hanno già diffuso nella propria catena di distribuzione. Il kit così pensato fornisce strumenti di grande utilità, quali la Carta dei principi etici generali, un sistema di segnalazione (Whistleblower) e il Patto di Integrità per rapporti di business partnership. Il Bif Roadshow si presenta, quindi, come un’ulteriore opportunità di divulgazione di questi strumenti di integrità aziendale sul territorio italiano, presentando in prima persona lavori ed esperienze, nel tentativo di diffondere una cultura di trasparenza e anticorruzione.
Il BIF 2018 partirà da Terni e farà le seguenti tappe: Terni, 13 giugno, in collaborazione con Ast: «Contro le zone d’ombra e la corruzione per una cultura della legalità». Interverrà la Snam, azienda Bif, portando la propria testimonianza sulle azioni intraprese per la diffusione dell’integrità nei rapporti con i fornitori.

A Genova, il 5 luglio, in collaborazione con Rina e ospitato dalla Camera di Commercio di Genova il seminario avrà per tema «Integrità per promuovere fiducia e prosperità nel territorio. Il ruolo delle aziende private, del settore pubblico e della società civile». Interverranno Edison e Tim, aziende BIF, con testimonianza di altre buone pratiche in azioni di diffusione dei temi dell’integrità.

A Palermo, il 19 settembre in collaborazione con Enel e in via di definizione il tema sarà «E’ meglio perdere un contratto piuttosto che agire contro la legge». Questa frase è la migliore sintesi del concetto di legalità: una parola che non significa solo rispetto di regole e procedure, ma riassume un insieme di valori e di comportamenti coerenti.

neifatti.it ©