Pubblicato il: 11 luglio 2018 alle 8:00 am

In Valtellina il ponte tibetano più alto d’Europa La struttura sospesa a 140 metri e definita “Ponte nel Cielo” verrà inaugurata a settembre in Val Tartano

di Pierluca Mandelli.

Morbegno, 11 Luglio 2018 – Vi sono notizie discordanti sul ponte tibetano più lungo del mondo. C’è chi sostiene si trovi in Italia, in Piemonte tra Cesana Torinese e Claviere: 478 metri, ad un’altezza da terra di circa 30 metri e un tempo di percorrenza di circa un’ora e mezza. E chi, invece, in Svizzera. Per lo Zermatt Tourism, il ponte sospeso Charles Kuonen di nuova apertura in Svizzera è il più lungo ponte pedonale del mondo che misura 1.491 piedi (494 metri).

L’area dove probabilmente si trovano le costruzioni sospese più spettacolari è la Cina. Ed è qui che si trova il ponte pedonale più alto del mondo: misura 300 metri d’altezza, quanto la torre Eiffel, è lungo 430 metri e largo 6 e si trova nel Parco nazionale della foresta di Tianmenshan.

Un nuovo record sta per entrare nelle classifiche del genere e apparterrà al nostro Paese. In Bassa Valtellina, infatti, verranno realizzate due nuove ed emozionanti attrazioni in alta quota: una rail zip line e il ponte tibetano più alto d’Europa.

La zip line, unica nel suo genere, ma adatta a tutti, correrà nella Valle del Bitto di Albaredo, ad un’altezza da 5 a 50 metri dal suolo, scendendo lungo un pendio con i volatori agganciati in sicurezza a un carrello che scorre lungo un binario. Partendo dalla quota di 1.500 metri per raggiungere 950 metri ad Albaredo per San Marco: 700 metri di emozioni in un percorso a pendenza elevata, ma a velocità attenuata dall’andamento a zig-zag lungo vallette e boschi nel Parco delle Orobie, in un’incontaminata valle montana.

L’attività innovativa, che avrà un minimo impatto dal punto di vista naturalistico e paesaggistico, consentirà a bambini e adulti un’esperienza dalle sensazioni emozionanti, ma non adrenaliniche.

In Val Tartano invece sono partiti i lavori per realizzare la passerella più alta d’Europa, sospesa a 140 metri di altezza: da Campo, a quota 1.034,88 metri, per arrivare agli 1038,77 metri di Frasnino.

Il “Ponte nel Cielo”, posizionato sopra il torrente Tartano, permetterà scorci mozzafiato sulla Bassa Valtellina. Ben 234 metri di lunghezza, che varranno il primato nazionale per ponti tibetani che non necessitano di imbracatura, che potranno essere percorsi con l’unico accorgimento di indossare scarpe adatte.

Questione di poche settimane ormai, fanno sapere dal Consorzio Turistico Porte di Valtellina. La struttura verrà inaugurata a settembre e sarà costituita da quattro grandi funi che sostengono l’impalcato in grigliato metallico, con camminamento in assi di larice provenienti dai boschi della Val Tartano. Ma già da questo mese i turisti possono ammirare lo spettacolare cantiere dei lavori, senza dimenticare che la struttura potrà contare a breve sull’apertura della tangenziale di Morbegno e sulla rotonda d’uscita proprio all’imbocco della valle. Per informazioni: www.portedivaltellina.it.

neifatti.it ©