Pubblicato il: 23 luglio 2018 alle 8:00 am

Scoperta di antichi utensili in Cina I Sapiens hanno lasciato l'Africa prima di quanto sappiamo? Nuovi interrogativi si propongono al mondo scientifico

di Teresa Terracciano.

Pechino, 23 Luglio 2018 – Antichi utensili e ossa scoperti in Cina dagli archeologi suggeriscono che i primi umani lasciarono l’Africa e arrivarono in Asia prima di quanto si pensasse.

I reperti dimostrano che i nostri antenati più antichi hanno colonizzato l’Asia orientale oltre due milioni di anni fa. I resti sono stati trovati da una squadra cinese guidata dal professor Zhaoyu Zhu dell’Accademia delle Scienze Cinese e comprendeva il professor Robin Dennell dell’University of Exeter. Gli utensili sono stati scoperti in una località chiamata Shangchen nel sud dell’altopiano del Loess (o Löss). I più vecchi sono datati circa 2,12 milioni di anni, e sono circa 270.000 anni più vecchi di 1,85 milioni dei resti scheletrici e utensili di pietra di Dmanisi, in Georgia, che in precedenza rappresentavano la prima prova di umanità al di fuori dell’Africa.

I manufatti includono una tacca, raschietti, ciottoli, pietre forma a martello e pezzi appuntiti. Tutti mostrano segni di utilizzo: la pietra era stata intenzionalmente sfaldata. La maggior parte era fatta di quarzite e quarzo che probabilmente proveniva dalle colline dei Monti Qinling, da 5 a 10 km a sud del sito, e da ruscelli. Sono stati trovati anche frammenti di ossa di animali di 2,12 milioni di anni fa.

L’altopiano di Loess cinese copre circa 270.000 chilometri quadrati, e negli ultimi 2,6 milioni di anni tra 100 e 300 metri di polvere soffiata dal vento – nota come loess – si è depositata nella zona.

Gli 80 manufatti in pietra sono stati trovati prevalentemente in 11 diversi strati di terreni fossili che si sono sviluppati in un clima caldo e umido. Altri 16 articoli sono stati trovati in sei strati di loess sviluppati in condizioni più fredde e più secche. Questi 17 diversi strati di loess e di terreni fossili si sono formati durante un periodo durato quasi un milione di anni. Questo dimostra che i primi tipi di umani occuparono l’Altopiano cinese in diverse condizioni climatiche tra 1,2 e 2,1 milioni di anni fa.

Gli strati contenenti questi strumenti di pietra sono stati datati collegando le proprietà magnetiche degli strati a cambiamenti noti e datati nel campo magnetico terrestre.

Il professor Dennell ha dichiarato «La nostra scoperta significa che ora è necessario riconsiderare i tempi in cui i primi umani hanno lasciato l’Africa».

Fonte per approfondimenti: Zhaoyu Zhu, Robin Dennell, Weiwen Huang, Yi Wu, Shifan Qiu, Shixia Yang, Zhiguo Rao, Yamei Hou, Jiubing Xie, Jiangwei Han, Tingping Ouyang. Hominin occupation of the Chinese Loess Plateau since about 2.1 million years ago. Nature, 2018; DOI: 10.1038/s41586-018-0299-4

neifatti.it ©