Pubblicato il: 29 agosto 2018 alle 1:30 pm

Confermata presenza di ghiaccio ai poli della Luna Dai dati del NASA's Moon Mineralogy Mapper instrument, gli scienziati hanno identificato segnali che dimostrano definitivamente che c'è acqua ghiacciata sulla superficie della Luna

di Teresa Terracciano.

Mountain View, 29 Agosto 2018 – Un team di scienziati, guidati da Shuai Li dell’Università delle Hawaii e dalla Brown University, con Richard Elphic del Centro di ricerca Ames della NASA nella Silicon Valley, California, ha utilizzato i dati del Moon Mineralogy Mapper (M3) della NASA per identificare tre firme specifiche che dimostrano definitivamente c’è ghiaccio d’acqua sulla superficie della Luna.

La nave spaziale Chandrayaan-1, lanciata nel 2008 dall’Indian Space Research Organization, era equipaggiata per confermare la presenza di ghiaccio sulla Luna, raccogliendo dati che non solo hanno rilevato le proprietà riflettenti che ci aspettiamo dal ghiaccio, ma sono stati in grado di misurare direttamente il modo tipico in cui le molecole assorbono la luce infrarossa, in modo che possa distinguere tra acqua liquida o vapore e ghiaccio solido.

La maggior parte del ghiaccio giace nell’ombra dei crateri vicino ai poli, dove le temperature più calde non superano -250 gradi Fahrenheit (-150°C circa). A causa dell’inclinazione molto piccola dell’asse di rotazione della Luna, la luce solare non raggiunge mai queste regioni.

La distribuzione del ghiaccio superficiale al polo sud della luna (a sinistra) e al polo nord (a destra), rilevato dal Moon Mineralogy Mapper della NASA. Il blu localizza la posizione del ghiaccio. Questa è la prima volta che gli scienziati hanno direttamente osservato prove definitive di acqua ghiacciata sulla superficie della Luna. (Credit: NASA)

Con abbastanza ghiaccio in superficie – nei primi pochi millimetri – l’acqua sarebbe accessibile come una risorsa per le spedizioni future da esplorare e persino rimanere sulla Luna, e potenzialmente di più facile accesso rispetto all’acqua rilevata al di sotto della superficie della Luna.

Approfondire le ricerche sul ghiaccio della Luna, come è arrivato e su come interagisce con il più ampio ambiente lunare sarà un obiettivo chiave della missione NASA e i partner commerciali, mentre ci sforziamo di tornare ed esplorare il nostro vicino più prossimo.

NASA/Jet Propulsion Laboratory

Fonte per approfondimenti: Shuai Li, Paul G. Lucey, Ralph E. Milliken, Paul O. Hayne, Elizabeth Fisher, Jean-Pierre Williams, Dana M. Hurley, Richard C. Elphic. Direct evidence of surface exposed water ice in the lunar polar regions. Proceedings of the National Academy of Sciences, 2018; 201802345 DOI: 10.1073/pnas.1802345115

neifatti.it ©