Pubblicato il: 3 dicembre 2018 alle 7:00 am

L’Aurora come chiave per comprendere i processi energetici nello spazio Uno studio approfondito ha rivelato nuovi modi di comprendere la fisica delle emissioni di energia esplosiva

di Teresa Terracciano.

Londra, 3 Dicembre 2018 – Le aurore sono il segno di processi fisici che agiscono come schermi televisivi, mostrando ciò che accade a milioni di chilometri dalla Terra, dove il campo magnetico del nostro pianeta si estende in una lunga coda rivolta verso il Sole.

Da qualche parte nell’enorme volume di spazio in cui si estende la magnetosfera terrestre, questo rilascio di energia avviene attraverso un’instabilità che è davvero difficile da individuare. Essi causano perturbazioni per cui particelle cariche emergono nell’atmosfera terrestre su onde elettromagnetiche, rilasciando grandi quantità di energia illuminando l’aurora.

“Perle aurorali” che si formano lungo un arco. (Credit: ESA)

Nel 2012, il team di ricercatori ha scansionato gran parte del cielo e ha trovato il materiale perfetto in Alaska. Utilizzando i nuovi dati della telecamera MOOSE (Multi-spectral Observatory Of Sensitive EM-CCDs), hanno monitorato l’aurora mentre si muoveva verso il polo nord per un periodo di quattro minuti.

L’aurora è iniziata come una linea di “perle aurorali” lungo un arco che è cresciuto esponenzialmente in luminosità e dimensioni. Queste increspature crescenti sono il segno distintivo di un’instabilità nello spazio.

Confrontando queste caratteristiche dettagliate dell’aurora con la teoria dello stato dell’arte, il team potrebbe restringere l’area dello spazio dove l’instabilità è più probabile.

Il metodo permette di prevedere che cos’è l’instabilità e dove si trova nello spazio. Infatti, la regione che abbiamo identificato è incredibilmente piccola in termini spaziali – solo una piccola frazione del volume della Terra.

“Non vediamo l’ora di individuare questo epicentro nello spazio e scoprire cosa lo rende instabile” ha concluso il dottor Rae, Università di Reading.

Fonte per approfondimenti: AA.VV. A diagnosis of the plasma waves responsible for the explosive energy release of substorm onset. Nature Communications, 2018; 9 (1) DOI: 10.1038/s41467-018-07086-0

neifatti.it ©