Pubblicato il: 12 marzo 2019 alle 8:05 am

Cambio climatico: c’è anche Napoli nell’équipe che ne studia gli effetti alle Canarie Oggi verranno illustrati i primi risultati del progetto di ricerca internazionale svolto presso l'Itc di Pozo Izquierdo

di Dario De Simone.

Napoli, 12 Marzo 2019 – C’è anche Napoli in uno dei progetti di ricerca internazionali sugli effetti del cambiamento climatico. La prima parte dei risultati verrà illustrata oggi alle 15 presso l’Aula Magna del Dipartimento di Farmacia dell’Università Federico II. Ad aprire la giornata di seminari sarà Francesco Pisapia (foto), giovane scienziato napoletano attualmente in forza all’Istituto tecnologico di Pozo Izquierdo (Gran Canaria).

Il Mimar è un progetto europeo che studia gli effetti del cambiamento climatico sull’ecosistema marino delle isole atlantiche e le conseguenze sulla salute umana. E’ realizzato in partnership con Mauritania, Senegal, Capo Verde, Isole Canarie e Madeira.

Nella squadra di cinque persone che sta lavorando nei laboratori di Gran Canaria ci sono ben tre italiani. Pisapia è stato scelto in seguito alla Laurea in Chimica e tecnologia farmaceutica alla Federico II e alle esperienze accumulate nel corso degli anni, in particolare in Francia nel laboratorio di ricerca Phycotoxines dell’istituto di ricerca Ifremer di Nantes.

Proprio la presenza di Pisapia nel gruppo di lavoro ha consentito di avviare la partnership con il dipartimento di Farmacia della Federico II di Napoli che figura come collaboratore esterno grazie anche all’alta specializzazione degli strumenti tecnologici. Agli incontri parteciperanno la professoressa Carmela Dell’Aversano, docente di Chimica organica e tossicologia, la dottoressa Luciana Tartaglione, e i docenti spagnoli Felix Acosta e Patricia Assunção.

neifatti.it ©