Pubblicato il: 30 aprile 2019 alle 8:00 am

In Usa consegne a domicilio con furgoni robot Il servizio parte da Houston, dove la più grande catena di drogherie utilizza mezzi speciali, ecologici e autonomi. Consegne h24

da New York, Stanley Ruggiero Tucci

30 Aprile 2019 – Il futuro è già qui. The future is here, oggi. Non è più soltanto la proiezione onirica di un film di Alex Proyas. Faremo gli acquisti online e dopo qualche ora macchine robot consegneranno la merce a domicilio.

Kroger, il più grande droghiere del Texas, con quasi 3mila punti vendita, ha lanciato un servizio di consegna self-driving di alimentari a Houston.

I funzionari della compagnia in settimana hanno presentato la prima di dozzina di veicoli di consegna autonomi programmati per Houston. Sono mezzi Toyota Priuses equipaggiati con telecamere, sensori e software per computer auto-guida. Gli acquirenti del negozio Meyerland di Kroger’s che vivono in determinate zone della città, possono ordinare generi alimentari sul sito Web della società e fare in modo che i loro acquisti arrivino in una Prius autonoma. Il droghiere di Cincinnati prevede di portare il servizio di consegna autonomo al suo Buffalo Speedway store entro la fine dell’anno, con l’intenzione di espandere il programma in tutta la città.

“Stiamo creando un’esperienza di acquisto perfetta per i nostri clienti in modo che possano ottenere qualsiasi cosa, sempre e ovunque”, ha dichiarato Marlene Stewart, presidente della divisione Houston di Kroger.

L’introduzione di veicoli autonomi per la consegna fa breccia nelle feroci guerre commerciali di Houston, che si sono intensificate dopo che il gigante dell’e-commerce Amazon, nel 2017 ha acquistato per 13,7 miliardi di dollari, Whole Foods, la catena del cibo bio più famosa negli Stati Uniti con sede a Austin nel 2017. L’acquisizione ha provocato onde d’urto nel settore alimentare, spingendo concorrenti come come Walmart, HEB e Kroger a impegnarsi in una feroce corsa agli “armamenti tecnologici” per offrire sempre più convenienti opzioni di ritiro e consegna di generi alimentari per attirare gli acquirenti.

Kroger, già l’anno scorso ha lanciato la sua tecnologia “Scan, Bag and Go” nell’area di Houston, consentendo ai clienti di utilizzare uno scanner palmare wireless o uno smartphone per scansionare e trasportare la spesa mentre fanno acquisti nel negozio. Ha inoltre stretto un accordo con la società tecnologica Ocado, con sede in U.K., per l’utilizzo di robot automatizzati per selezionare, ordinare e imballare ordini di generi alimentari online nei centri di distribuzione.

Nel gennaio 2018, Kroger ha collaborato con Nuro, una startup di consegna self-driving con sede a Mountain View, in California, per sviluppare un servizio di consegna di generi alimentari. Nuro, fondata nel 2016 da una coppia di veterani di Google, ha raccolto 1 miliardo da investitori, tra cui la società di capitale di rischio Silicon Valley Greylock Partners e il conglomerato di aziende giapponesi SoftBank, per rendere le consegne di veicoli autonome a prezzi accessibili per il consumatore di massa.

“Riteniamo che questa tecnologia non sia solo per un gruppo elitario di persone, ma per tutti”, ha dichiarato Dan Mitchell, responsabile delle operazioni di prodotto e coinvolgimento della comunità di Nuro.

Da adesso la consegna ‘robotizzata’ viene effettuata con veicoli elettrici compatti, dotati di comparti accessibili mediante il codice che viene fornito con l’acquisto al cliente. Il servizio funziona 24 oremus 24, 7 giorni alla settimana. Prevede un costo fisso di 5,95 dollari senza limite minimo di spesa ed è accessibile attraverso il sito Kroger.com o la App dedicata della catena di drogherie.

neifatti.it ©