Pubblicato il: 3 maggio 2019 alle 8:00 am

La Commissione per la revisione della Carta di New York chiede aiuto ai cittadini La Carta della città è una sorta di Costituzione municipale e probabilmente subirà cambiamenti importanti quest'anno. Ecco perché è importante

da New York, Stanley Ruggiero Tucci

3 Maggio 2019 – La carta di New York City sta subendo la sua revisione più completa e importante in 30 anni e i newyorkesi possono contribuire a modellare questo percorso.

La carta della città è una sorta di Costituzione municipale. Il quadro per il governo della città, controlla il modo in cui la città spende i dollari delle tasse e modella il processo decisionale sui cambiamenti ai quartieri. L’autorità dei pubblici ufficiali è definita attraverso la carta, così come i processi attraverso i quali tali uffici sono ritenuti responsabili.

I principali cambiamenti sono stati apportati alla carta nel 1989, quando, sul retro delle loro schede elettorali, i newyorkesi hanno votato per eliminare il Board of Estimates, un ufficio che aveva il controllo sul bilancio della città, uso del territorio, contratti, franchising e gestione dell’acqua. Questo cambiamento è stato un enorme rimodellamento del governo della città. Gli elettori inoltre hanno annullato la posizione di presidente del consiglio comunale, creando al suo posto gli uffici del presidente del consiglio e dell’avvocato pubblico.

Le attuali revisioni della carta verranno di nuovo votate con le elezioni generali, dopo mesi di consultazioni e dozzine di incontri pubblici da parte di una apposita Commissione di 15 persone, composta da nominati dal sindaco, Relatore del Consiglio, controllore della città, avvocato pubblico e ciascun presidente del distretto. Quest’anno la commissione ha esaminato una varietà di diversi uffici e processi all’interno delle più ampie categorie di governance, finanza, elezioni e uso del suolo.

Il lavoro di revisione è iniziato a settembre scorso con audizioni pubbliche iniziali in tutti i quartieri, per raccogliere informazioni su ciò che la commissione dovrebbe esaminare in maniera più approfondita. A gennaio, quelle riunioni si sono concluse. Successivamente la commissione ha pubblicato un elenco di aree su cui si sta concentrando, parzialmente basato sul feedback che ha ricevuto dai cittadini. I forum di esperti sono iniziati a febbraio e la scorsa settimana la commissione ha pubblicato il suo “Rapporto preliminare” di 80 pagine contenente possibili raccomandazioni.

L’attenzione del rapporto comprende le elezioni e la riorganizzazione, il Civilian Complaint Review Board, i conflitti di interesse, l’ufficio del Public Advocate, gli uffici dei Borough Presidents, il budget della città, i potenziali cambiamenti ai processi di utilizzo della terra della città e l’esplorazione della creazione di un Chief Diversity, Ufficiale nell’ufficio del sindaco. Ora, un’altra serie di audizioni pubbliche in tutti e cinque i quartieri è in corso per raccogliere altri input su proposte specifiche prima che le proposte finali vengano redatte a giugno e poi presentate al City Clerk in luglio. La commissione a disposizione altri mesi prima delle elezioni generali di novembre per educare gli elettori sulle proposte che avranno la possibilità di votare nell’election day.

neifatti.it ©