Pubblicato il: 16 giugno 2019 alle 8:00 am

Il mercato di Poggioreale: il paradiso delle signore di Napoli! I mercatini rionali: shopping intelligente e anche salvaguardia del patrimonio culturale, sociale ed economico

di Vittoria Maddaloni.

Napoli, 16 Giugno 2019 – Si dice che siamo il Paese nel quale due persone che si trovano fisicamente nello stesso luogo non riescono ad ignorarsi, a differenza di quello che accade nel resto del mondo.

Uno dei luoghi in cui la socialità esplode in rumori assordanti è il mercato rionale, quello nel quale il commerciante urla a prescindere, anche se non c’è nessuno nei paraggi, perché quello è il suo modo di vendere. Un tempo, se volevi comprare prodotti buoni a basso costo, non avevi alternative al mercato del paesino. Oggi, invece, è più facile. Puoi recarti nel più vicino supermercato e approfittare delle offerte della settimana per fare scorta di determinati prodotti. Ma non è la stessa cosa, perché il mercato è un’esperienza sensoriale.

Una volta ci si andava di frequente: nonostante la quantità enorme di persone presenti, non si era mai estranei. Il commerciante sapeva cosa voleva il cliente, ne conosceva i gusti, le idiosincrasie. Anche oggi è possibile dedicarsi, se non si va di fretta, a una passeggiata al mercato, per acquistare prodotti di buona qualità, provenienti da realtà locali, a km 0 o quasi, e per risparmiare, scegliendo tra prodotti freschi, industriali, dagli accessori per la casa ai piccoli elettrodomestici, dall’abbigliamento alle calzature: al mercato rionale puoi trovare di tutto, e quasi sempre è il luogo nel quale riesci a trovare quella cosa che hai cercato ovunque senza successo.

A Napoli, poi, una camminata per i mercati è un’esperienza imprescindibile per capire la città. Oasi di autenticità, dove il tempo ha deciso di non essere tiranno, in cui si consiglia un’immersione per provare a capire qualcosa che difficilmente è possibile descrivere. Ancora oggi nei mercati di Napoli si trova ancora il pesce del Golfo, e poi le primizie provenienti dall’area vesuviana, come al mercato di Porta Nolana, detto anche ’Ncoppa ‘e mmura, dove si viene soprattutto per il pesce e i molluschi, cozze, vongole, maruzzelle (lumache di mare), polpi, calamari, triglie…e dove l’antivigilia, tra il 23 e il 24 dicembre, si può acquistare tutta la notte, per permettere ai napoletani di cucinare per il cenone di Natale.

Per la frutta e la verdura, invece, c’è il mercato di Porta Capuana, mentre a ridosso della centralissima via Toledo, immersa nei Quartieri Spagnoli, c’è una strada che arriva fino alla fermata della funicolare Montesanto e prosegue oltre: è la Pignasecca, sede di un altro dei mercati storici di Napoli, anche se purtroppo oggi molte bancarelle hanno chiuso a favore dei negozietti cinesi. Al Vomero, quartiere collinare, si può fare shopping low cost sui banchi del mercato di Antignano.

Ma per una donna niente è così affascinante come il mercato Caramanico, meglio conosciuto come il mercato di Poggioreale, un grande punto commerciale all’aria aperta dove è ancora possibile fare il buon affare. Si trova a pochi passi da Piazza Garibaldi e dal Centro Direzionale, in un enorme piazzale dove si concentrano bancarelle che offrono prodotti di tutti i tipi.

Il mercatino di Poggioreale è in realtà una vera icona partenopea per gli amanti dello shopping low-cost ed è un posto imperdibile soprattutto per chi ama il mondo delle scarpe. E’ proprio qui infatti che si concentrano le migliori bancarelle che offrono una vastità di calzature per uomo donna e bambino a prezzi veramente stracciati: si va dal made in Italy al made in China, ma indipendentemente dalla scelta è il prezzo ad avere la medesima caratteristica quello di essere basso per entrambe le scelte.

Uno sguardo poi può andare all’abbigliamento, agli accessori, alle stoffe a metraggioormai difficili da trovare. Le bancarelle sono racchiuse all’interno di una sorta di recinto, con un percorso guidato lungo le bancarelle e all’occorrenza fare qualche sosta accanto ai chioschetti dove ci si può ristorare.

I giorni dedicati alla vendita sono Venerdì, Sabato, Domenica e Lunedì dalle ore 6.30 fino alle 14.00, e, siccome è molto frequentato, è consigliabile andare di primo mattino.

Una curiosità: questo mercato ha anche pagine dedicate su Instagram (ad esempio https://www.instagram.com/explore/locations/1015915289/mercato-caramanico-mercato-di-poggioreale/), dove è possibile vedere alcuni prodotti in una specie di catalogo online.

neifatti.it ©