Pubblicato il: 13 luglio 2019 alle 7:00 am

Non solo Oktoberfest Guida alle leggendarie birrerie famose in tutto il mondo e tutto l’anno da non perdere quando si passa per Monaco

da Monaco, Fritz M. Gerlich.

13 Luglio 2019 – Monaco è senza dubbio la prima città che viene in mente se pensiamo alla birra. È anche molto altro, in realtà, ma quello della birra per i bavaresi un vero e proprio culto! Le birrerie a Monaco sono luoghi che non dovete assolutamente perdere se volete conoscere l’enogastronomia e la cultura tipica della Baviera, e anche la storia.

Ci sono ad esempio i famosi Biergarten, letteralmente “giardini della birra”: sono tantissimi in città e offrono la possibilità di acquistare ma anche portarsi da casa del cibo, e accompagnarlo con la preziosa birra che da secoli viene conservata in botti poste al fresco di alberi di castagno. E non prendetevela se vi faranno accomodare ad un tavolo occupato già da altre persone… funziona così e bisogna lasciarsi andare all’atmosfera conviviale di questa città e delle persone che la vivono o la visitano.

La più antica è l’Augustiner: risale infatti al 1328 ed è prodotta tutt’oggi secondo il cosidetto “Editto della purezza”, che obbliga ad utilizzare solo acqua, malto d’orzo e luppolo (e lievito, naturalmente), emanato dal Duca di Baviera Guglielmo IV nel 1516. Il locale si trova non molto distante dalla centralissima Marienplatz.

La Löwenbräu risale alla fine del 1300 ed è davvero grandissima: la sua “Sala delle Feste” può contenere più di 2000 persone!

La birreria Paulaner venne fondata nel 1634 dai monaci Paolini, da cui il nome; oggi è possibile visitare la fabbrica, in Kapuziner Platz, e degustare i diversi tipi di birra che vi si producono, compresa quella che viene realizzata esclusivamente per il grande evento dell’Oktoberfest, in autunno, la Paulaner Oktoberfest Bier.

Ma a parer mio la più bella e particolare è la Hofbräuhaus, la birreria più conosciuta di Monaco, nonché una delle più note al mondo, dalla lunga storia, con un locale in centro e anche un tendone ogni anno all’Oktoberfest.

Hofbräuhaus è stata costruita nel 1589 per volere del duca Guglielmo V, che si rifiutava di acquistare la birra per il suo esercito al di fuori del regno. L’apertura al pubblico risale solamente al 1828, con Luigi I di Baviera. Al finire della monarchia è diventata proprietà dello stato bavarese. Col tempo la fabbrica di birra è stata spostata in periferia, per lasciare spazio alla birreria che è ancora visitabile. In realtà, parte dell’edificio è stato ricostruito dopo il 1944, anno in cui fu bombardato dall’aviazione inglese. Una seconda riapertura al pubblico dopo la riedificazione ha avuto luogo nel 1958.

La fabbrica è stata sempre un pezzo di Monaco, quasi un monumento, tanto che perfino Hitler nel 1920 vi tenne uno dei suoi primi comizi. Per fortuna l’hanno frequentata anche altri personaggi, come Louis Armstrong e Mozart.

Appena entrati sarete travolti dall’atmosfera trascinante con orchestrina al centro, birra ottima, cibo buono, camerieri veloci e gentili: è bello anche soltanto vedere il movimento di tutto il locale, sentire il tipico odore di birra, quello del cibo. Ma se alzate gli occhi al cielo sarete colpiti dalla bellezza delle volte, tutte affrescate a colori vivaci, lunghe tavolate di legno massiccio nella sala principale, la Schwemme. Cibo e birra, ora anche vegetariano, viene servito da camerieri e cameriere in perfetto stile bavarese.

neifatti.it ©