Pubblicato il: 18 agosto 2019 alle 7:00 am

Campionato Mondiale del Fungo, aperte le iscrizioni Gara tra chi trova il maggior quantitativo in peso di funghi porcini, il fungo più grande e il più bello. Ma la competizione prevede anche premi a chi raccoglie il maggiori quantitativo di rifiuti nei boschi

di Aldo Morlando.

Bologna, 18 Agosto 2019 – Sia che abbiate una provata competenza micologica, sia che vi definite cercatori di funghi della domenica, il consiglio è sempre quello di rivolgervi a veri esperti per riconoscere la bontà e la commestibilità di Pioppini, Cornucopiae e così via. Pensate che un volume specializzato come l’Atlante delle principali specie di funghi commestibili e velenosi, funghi simbionti, saprofiti e parassiti, elenca oltre 600 specie di funghi.

Detto questo, se siete appassionati di questo mondo non lasciatevi sfuggire l’appuntamento con la VII edizione del Campionato Mondiale del Fungo che si svolgerà il 12 e 13 ottobre 2019 a Cerreto Laghi (RE). Campionato che nasce da un’idea di Frà Ranaldo, il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano e I Briganti di Cerreto, in collaborazione con Passione Funghi e Tartufi e con l’associazione A Passeggio nel Bosco.

L’obiettivo della manifestazione è quello di creare un evento interamente dedicato al fungo porcino: Porcini da cercare; Porcini da raccogliere; Porcini da studiare; Porcini da raccontare; Porcini da fotografare; Porcini da cucinare.

E, come recita il Regolamento, i principi cardine sono: favorire attività outdoor che rafforzino il legame uomo – natura; favorire forme di turismo rispettose dell’ambiente; promuovere attività fisiche outdoor che abbiano un influsso benefico sulla salute umana; formare i ricercatori e raccoglitori su tecniche sostenibili di ricerca e raccolta dei funghi porcini.

Per partecipare alla gara che avrà luogo domenica 13 ottobre è obbligatorio prendere parte alla serata formativa di sabato 12 ottobre.

Le iscrizioni vanno effettuate online entro il 30 settembre prossimo, per un numero massimo di 500 partecipanti; inoltre è possibile, attraverso le pagine web dedicate all’evento, prenotare il soggiorno presso una delle 272 strutture elencate.

La gara individuale “Mondiale combinata Appenninica 2019, fonde i seguenti campi di sfida:

1) La Sfida ambientale: ad ogni concorrente, al momento dell’iscrizione, verranno consegnati due distinti ed uguali sacchetti in rete forata, nel primo dei quali egli dovrà riporre i rifiuti trovati durante la ricerca fino e non oltre al completo riempimento dello stesso, senza riempire sacchetti di altro tipo; il limite massimo di raccolta rifiuti è la massima capienza del sacchetto; si specifica a riguardo che la tipologia dei rifiuti dovrà essere assimilabile al rifiuto solido urbano (sacchetti, vasetti e bottigliette di vetro o plastica, scatolette e lattine di metallo, confezioni di carta o similari, tutti completamente svuotati del loro contenuto, ecc.), il tutto compatibile alla tenuta del sacchetto; e’ inoltre fatto divieto iniziare la raccolta degli stessi all’interno del centro abitato e nei suoi immediati dintorni, in quanto la raccolta ha come oggetto i rifiuti abbandonati nei boschi.

2) La Sfida fungina: la presente disciplina risulta parte trainante della competizione: i concorrenti dovranno impegnarsi nel ricercare e raccogliere, nel rispetto delle prescrizioni dettate dal presente regolamento nonché dalle vigenti norme, oltre a quanto verrà comunicato durante la serata formativa del 12 ottobre 2019, il maggior quantitativo in peso di funghi porcini, il fungo più grande ed il più bello; ciascun concorrente dovrà dotarsi di cestino a mano, rigido, in vimini o materiale vegetale (non sono ammesse gerle a spalla o zaini portafunghi); al momento della registrazione, dei due sacchetti uguali consegnati, il secondo sarà destinato al ricovero dei funghi (ed appoggiato all’interno del cestino) ove non dovranno essere riposti più di 3 kg di funghi; è ammesso portare con sé uno zainetto contenente unicamente indumenti od oggetti da escursionismo; sarà comunque facoltà dei giudici di settore richiedere di visionare il contenuto degli stessi. Si raccomanda, pena la squalifica, l’obbligo della pulizia del fungo prima di riporlo nell’apposito sacchetto. Al termine delle quattro ore di gara i concorrenti dovranno fare ritorno al punto di partenza per la sigillatura dei due sacchetti: chi arriverà oltre il termine di fine gara sarà squalificato.

neifatti.it ©