Sappiamo cosa c’è negli smartphone dei nostri ragazzi? Uno su tre ha materiale discutibile. Nei giorni scorsi scoperta la chat degli orrori. L’indagine di Skuola.net che ha intervistato quattromila giovani tra gli 11 e i 25 anni

di Armando Pannone.

Roma, 23 Ottobre 2019 – L’85% dei ragazzi tra gli 11 e i 17 anni usa quotidianamente lo smartphone. Il dato non avrebbe nulla di strano se non fosse che circa il 60% del campione considerato, la prima cosa che fa al risveglio è controllare lo smartphone. Il primo sguardo Continua a leggere

Todos los motivos de la revuelta en Chile Una larga lista de injusticias y desigualdades. El precio del transporte público fue solo la chispa. El testimonio de un profesor de la Universidad de La Frontera

Da Temuco (Chile), Rodrigo Monteiro Pessoa*.

23 Ottobre 2019 – Chile es una olla de presión. Esta olla estalló, y estalló por una chispa que fue el alza del precio del transporte público en Santiago. ¿Por qué decimos que Chile es una olla de presión? Porque desde el Golpe Militar, instaurado el 11 de septiembre de 1973, Continua a leggere

Tutti i motivi della rivolta in Cile Un lungo elenco di ingiustizie e diseguaglianze. Il prezzo del trasporto pubblico è stata solo la scintilla. La testimonianza di un docente dell’Università de la Frontera

Da Temuco (Cile), Rodrigo Monteiro Pessoa*

23 Ottobre 2019 – Il Cile è una pentola a pressione. Questa pentola è esplosa, ed è esplosa da una scintilla che fu l’aumento del prezzo del trasporto pubblico a Santiago. Perché diciamo che il Cile è una pentola a pressione? Perché dal colpo di stato militare, istituito l’11 Continua a leggere

L’Italiano sul palcoscenico, ma non in Italia Siamo sommersi da centinaia di termini stranieri ma ignoriamo l’esistenza dei corrispettivi italiani. In Cina (ma non solo) un evento mondiale celebra la Lingua Italiana mentre, come denuncia il linguista Sabatini, la nostra scuola ha smesso di insegnarla

di Fabrizio Morlacchi.

Chongqing (Cina), 23 Ottobre 2019 – Location, brand, lunch, outsourcing, d-day, e via così, per centinaia di termini anglosassoni che sono entrati prepotentemente nella nostra quotidianità. Li abbiamo adottati non per mancanza di corrispettivi nella nostra lingua, bensì Continua a leggere