Pubblicato il: 19 novembre 2019 alle 8:00 am

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, l’omaggio di Flegrea Photo FIno al 2 dicembre al Museo archeologico di Napoli mostra delle opere di nove fotografe. Il 25 installazione alla Galleria Principe Umberto

di Massimo Saccone.

Napoli, 19 Novembre 2019 – Quest’anno ricorre la ventesima edizione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Per l’occasione una specifica installazione sarà realizzata dall’associazione Flegrea Photo in memoria delle vittime di femminicidi avvenuti in Italia da inizio anno, finalizzata a sensibilizzare l’opinione pubblica, soprattutto quella maschile, sulla violenza di genere con il patrocinio della Città Metropolitana di Napoli e della Consigliera di parità, del sindaco di Napoli e della delegata alle Pari opportunità, della Fondazione Comunità Centro storico di Napoli; dell’Ordine degli psicologi della Campania in collaborazione con la Fiaf, Federazione italiana associazioni fotografiche.

La mostra fotografica propone al Museo archeologico le opere di Stefania Adami, Daniela Bazzani, Maria Grazia Beruffi, Renata Busettini, Antonella Monzoni, Ilaria Sagaria, Tiziana Mastropasqua, Irene Vitrano, Federica Zucchini.

«Quest’anno, in occasione del 25 novembre, abbiamo voluto riportare l’attenzione sul drammatico problema della violenza di genere attraverso la mostra ospitata dal Mann, che ringraziamo – spiega Francesco Soranno, presidente dell’associazione Flegrea Photo – con immagini realizzate da 9 fotografe donne dedicate al mondo delle donne più che alle violenze subite. La mostra è curata dalla Fiaf alla quale aderiamo, che ci onoriamo di rappresentare a Napoli».

La Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne è una ricorrenza istituita dall’assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1999, con l’intento di invitare a organizzare iniziative e attività volte a sensibilizzare l’opinione pubblica su tale drammatico fenomeno, questa data fu scelta in ricordo del brutale assassinio avvenuto il 25 novembre 1960 delle tre sorelle Mirabal nella Repubblica Dominicana, per mano del regime dispotico di Rafael Leónidas Trujillo. Le tre rivoluzionarie furono bloccate da agenti militari, condotte in un luogo nascosto, torturate e massacrate a colpi di bastone, strangolate e poi gettate in un precipizio, a bordo della loro auto, per simulare un incidente le tre sorelle usarono nella loro militanza il nome in codice mariposas, “farfalle”, simbolo che sarà utilizzato nella giornata del 25 novembre 2019 a Napoli: la farfalla, libera e sensibile come le donne.

L’iniziativa della Flegra Photo, contro il sistema della camorra, gode del sostegno del Museo Archeologico Nazionale di Napoli in collaborazione con Coopculture, con la vicinanza solidale dei centri antiviolenza di napoli, della Casa delle donne di Bologna, della Cooperativa sociale Dedalus di Napoli, del Consultorio familiare Santa Maria di Costantinopoli di Napoli.

neifatti.it ©