Pubblicato il: 11 dicembre 2019 alle 8:00 am

Francia: la nascita dei bambini per strada aumenta in modo allarmante I numeri senza precedenti riflettono una vera crisi umanitaria. Nel dipartimento di Seine-Saint-Denis 54 madri senzatetto, che avevano appena avuto un bambino, sono state cacciate dall’ospedale e costrette a dormire per strada

da Parigi, Sylvie Pasquier.

11 Dicembre 2019 – Se molti Paesi hanno introdotto nelle loro legislazioni i principi sulla tutela della maternità e il sostegno ai lavoratori con responsabilità familiari, nella pratica la mancanza di queste tutele resta una delle principali sfide di oggi in materia di maternità (e paternità) nel lavoro. I Paesi civili proteggono davvero la maternità?

In Francia, il 40% dei senzatetto (in alloggi, rifugi di fortuna, hotel, ecc.) sono donne, peraltro difficili da identificare, e sempre più numerose. Dal 2012, il numero di famiglie con bambini e donne single che usano il 115 (il 118 in Italia) è aumentato del 16%, secondo un recente rapporto.

Donne che sono fuggite da un paese in guerra, rom o provenienti dalla disgregazione della famiglia. Chi è stata vittime di violenza domestica, chi licenziata dopo l’annuncio di una gravidanza, chi senzatetto per motivi finanziari, spesso dopo aver perso un lavoro. Nel 2014, l’associazione Medici del mondo ha ricevuto 700 donne in gravidanza, quasi un terzo delle quali viveva per strada, la maggior parte di origine straniera e alcune erano irregolari in attesa di asilo.

Per mancanza di conoscenza o paura di consultare un medico, queste donne perdono tempo prezioso, e in questa situazione precaria avvengono il triplo di nascite premature. Ma c’è un numero crescente di donne senza fissa dimora che partorisce per strada. Una volta arrivate nell’Ile-de-France o in un’altra grande città della Francia, queste donne sono lasciate a se stesse. Se chiedono aiuto o un alloggio di emergenza non ottengono risposta, perché le strutture sono piene e spesso non possono accogliere nessuno. Le strutture ricettive sono sature nell’Ile de France – la regione di Parigi- e nelle principali città: «Stimiamo che 146 bambini sono nati per strada quest’anno, mentre erano 100 nel 2018 e 49 nel 2017. La progressione è sbalorditiva» ha detto Gilles Petit-Gats, Direttore del coordinamento dell’accoglienza delle famiglie richiedenti asilo.

Le associazioni non hanno soluzioni per aiutare queste donne: «Nelle ultime settimane abbiamo sempre più mamme che dormono fuori con i loro bambini». ha spiegato Samra Seddik, ostetrica e presidente dell’associazione Un petit bagage d’amour al quotidiano Le Monde.

Fino a qualche tempo fa alcuni ospedali ospitavano madri senzatetto con i loro neonati, costrette a dormire sul pavimento con i loro bambini accanto. Sempre meglio che in strada. E’ il caso dell’ospedale Lariboisière, nel decimo arrondissement di Parigi. La situazione di estrema precarietà dura ormai da un anno in questo ospedale. A ciò si aggiunge il problema del parto in strada, causando anche l’aumento dei bambini senzatetto. Ormai da diversi mesi molte associazioni hanno chiesto allo stato di affrontare questa “crisi umanitaria”.

Anche se riescono a partorire in ospedale, è il dopo il momento più terribile. Dove vanno queste madri che hanno da poco dato alla luce i loro piccoli?

Nel dipartimento di Seine-Saint-Denis 54 madri senzatetto, che avevano appena avuto un bambino, sono state cacciate dall’ospedale e costrette a dormire per strada, come denuncia l’associazione Interlogement 93 con i loro bambini. Così la scorsa settimana gli ospedali di maternità nella regione hanno lasciato due donne per strada con i loro bambini di tre settimane e quattro mesi. I bambini vengono messi sul marciapiede con evidenti rischi per la salute ma – si difende l’ospedale – devono pur accogliere le donne che devono partorire, e di posto non ce n’è.

Un caso a parte le immigrate. In Francia sono molto dure le leggi contro l’immigrazione clandestina: c’è la detenzione amministrativa e l’espulsione, anche di famiglie con minori.

Nel marzo dello scorso anno, una donna nigeriana incinta che insieme al marito e due figli piccoli stava cercando di recarsi in Francia dall’Italia è stata fatta scendere dal treno, insieme alla sua famiglia, marito e i figli di due e quattro anni e mezzo, in mezzo alla neve, nei pressi del passo del Monginevro, a 1.900 metri d’altezza. Lì fortunatamente sono stati trovati da una guida alpina italiana che li ha caricati in auto per portarli all’ospedale di Briançon, in Francia.

neifatti.it ©