Pubblicato il: 1 gennaio 2020 alle 12:10 am

Buon anno nuovo, in versi con due bellissime poesie napoletane Le poesie di Eduardo e Totò e gli auguri di neifatti.it

Ncopp’ a sta terra

di Eduardo De Filippo.

Te pare luongo n’anno

e passa ambressa;

quann’è passato se ne va luntano;

ne passa n’ato

e quanno se n’è gghiuto

corre pur’isso nziem’ a chillo ‘e primma,

e nzieme a n’ati cinche

vinte

trenta

se ne vanno pe’ ll’aria

ncopp’ ‘e nnuvole.

E ‘a llà tu siente comm’ a nu frastuono

ch’è sempe ‘o stesso

‘a quanno ‘o munno è munno

ncopp’ a sta terra:

comme si fosse ‘a banda d’ ‘o paese

ca scassèa mmiez’ ‘o vico

e s’alluntana.

Trase int’ ‘e rrecchie quanno sta passanno

e nun ‘a siente cchiù quann’è passata.

Ma na cosa te resta:

sa che te rummane?

Te rummane ‘o ricordo ‘e nu mutivo

comme fosse na musica sperduta

‘e nu suonno scurdato,

ca t’è paruto vivo

chiaro cchiù d’ ‘o ccristallo

dint’ ‘o suonno

e nun ‘o puo’ cunta’ quanno te scite

manc’a te stesso,

tanto è fatto ‘e niente.

 

Calannario

di Antonio De Curtis.

Mo accumencia l’anno nuovo,

è Jennaro, ch’alleria!

Cu ‘a speranza e ‘a fantasia,

tu te pienze ca chist’anno

forse è cchiù meglio ‘e chill’ato…

quanno è a fine t’he sbagliato.

A Febbraio nce sta ‘o viglione:

chi se veste d’arlecchino,

pulcinella o colombina…

e me fanno tanta pena

chesti ggente cu sti facce:

ma songh’uommene o pagliacce?!

 

Quanno vene ‘o mese ‘e Marzo

pure ‘e ggatte fanno ammore,

ch’aggia fa? Me guardo a lloro?

‘Mmiezo ‘e grade cu ‘a vicina,

faccio un anema e curaggio

e m’acchiappo nu passaggio.

 

Comme è ddoce ‘o mese Abbrile,

tutta ll’aria è profumata!

P’ ‘e ciardine quanno è ‘a sera

cu na femmena abbracciata,

musso e musso, core e core…

tutta smania e tutto ammore.

 

Quant’è bello ‘o mese ‘e Maggio

quanno schioppano sti rrose!

Che prufumo int’a stu mese

pe Pusiileco addiruso!

Stongo ‘nterra o ‘mparaviso

quanno tu staje ‘mbraccio a mme?

 

Quanno è Giugno la stagione

vene e trase chianu chiano:

s’ammatura pure ‘o ggrano,

s’ammatura tutte cose…

Pure ‘a femmena scuntrosa

tu t’ ‘a cuoglie cu nu vaso.

 

Quanno è Luglio ‘mmiezo ‘o mare,

‘ncopp’ ‘a spiaggia, ‘nterra ‘a rena

mamma mia, quanta sirene!

Io cu ll’uocchie m’ ‘e magnasse;

guardo a chesta, guardo a chella,

ma pe mme tu si ‘a cchiù bella!

 

Quanno è Austo che calore!

lo nun saccio che me piglia…

Chistu sole me scumpiglia!

E te guardo cu passione:

volle ‘o sango dint’ ‘e vvene

e nisciuno me trattene.

 

è chest’aria settembrina

ca te mette dint’ ‘e vvene

tanta smania ‘e vulè bbene!

Nu suspiro, ciente vase

mille cose e ‘o desiderio

ca st’ ammore fosse serio.

 

Vene Uttombre, int’ ‘a stu mese

ll’aria è fresca p’ ‘a campagna.

Chisto è tiempo d’ ‘a vennegna,

si t’astrigne a na cumpagna

zittu zittu dint’ ‘a vigna,

nun se lagna e lass’a fà.

 

Chiove, nebbia, scura notte.

Stu Nuvembre porta ‘mpietto

nu ricordo fatto a llutto:

nu canisto ‘e crisanteme…

chistu sciore, che tristezza,

mette ‘ncore n’amarezza!

 

A Natale, ‘o zampugnaro,

‘e biancale, ‘e spare, ‘e bbotte,

‘o presebbio a piede ‘o lietto.

Quann’ è ‘mpunto mezanotte

cu mugliereta tu miette

‘o Bambino dint’ ‘a grotta…

neifatti.it ©