Pubblicato il: 11 gennaio 2020 alle 8:00 am

I nostri nonni, meno social dei coetanei europei Secondo uno studio dell’Università Bicocca, solo il 7% degli over 65 italiani ha un profilo su Facebook o Instagram, rispetto al 16% del resto d’Europa

di Pierluca Mandelli.

Milano, 11 Gennaio 2020 – Qualche testolina imbiancata pure si trova tra le foto dei profili Facebook. Spunta, timida e riservata, tra pose che ostentano labbra a cuoricino o muscoli da fitness. In genere, i frequentatori più anziani di social, postano foto dei nipoti, link di giornali, aforismi.

Eppure gli anziani in Italia sono molto meno ‘social’ dei loro coetanei europei: secondo uno studio condotto nell’ambito del progetto Ageing in a Networked Society, coordinato da Emanuela Sala, docente del dipartimento di Sociologia e ricerca sociale di Milano-Bicocca, e sostenuto da Fondazione Cariplo, infatti, solo il 7% degli over 65 nel 2016 utilizzava i social network, contro il 16% di media europea.

I risultati della ricerca saranno presentati il 13 gennaio all’Università Bicocca, un’occasione per presentare anche altri studi sul rapporto fra anziani e nuove tecnologie. Grazie a una App di monitoraggio, ad esempio, che ha permesso di analizzare l’uso dei social network da parte di 30 volontari Auser di Monza fra i 65 e i 75 anni, si è visto che in media gli anziani consultano lo smartphone 127 volte al giorno per un totale di un’ora e 8 minuti e un tempo medio di 32 secondi per volta. I social più seguiti sono in primis WhatsApp (52%), seguito da Facebook (36%), YouTube (10%), LinkedIn (1%) ed Instagram (1%).

neifatti.it ©