Pubblicato il: 23 marzo 2020 alle 7:00 am

#Restiamoacasa e partecipiamo al #verapizzacontest E’ già un successo la sfida lanciata dall'Associazione verace pizza napoletana. Possono partecipare tutti inviando la foto della margherita fatta in casa

di Vittoria Maddaloni.

Napoli, 23 Marzo 2020 – Quali sono le attività più gettonate in questi giorni in cui siamo chiusi in casa? Cucinare, leggere, giardinaggio e bricolage, ginnastica da camera. C’è chi si sta specializzando in una o più attività, soprattutto ai fornelli. Allora perché non ingaggiare una sfida culinaria? Ma come fare? Ci ha pensato una associazione di professionisti: l’Associazione verace pizza napoletana che ha creato una vera e propria sfida casalinga: #verapizzacontest.

E’ un contest gratuito, aperto a tutti, amatori e professionisti, per premiare la migliore verace pizza fatta, realizzata e pensata a casa. Ispirandosi al Disciplinare Internazionale dell’associazione, disponibile online sul sito, i partecipanti sono liberi di scegliere se realizzare una margherita, una marinara o una variante creativa con altri ingredienti. Il requisito indispensabile, senza alcune deroga, è la cottura in un forno elettrico di tipo domestico. Ogni partecipante dovrà mandare la sua foto via Messenger alla pagina Facebook dell’Associazione.

Il contest, già iniziato, durerà fino al 20 aprile e sarà il pubblico dei social a votare le pizze preferite con un semplice like. Il regolamento completo è scaricabile dal link: http://bit.ly/39ZEBzH

Le migliori 20 saranno premiate da una giuria di pizzaioli che decreterà la pizza esteticamente più bella e conforme ad un Vera Pizza Napoletana. I risultati saranno visibili sul sito della Associazione già dal 24 aprile. Tre i premi in palio e per il vincitore un corso professionale da pizzaiolo. «La pizza da sempre ha unito le famiglie e gli amici nei locali e oggi più che mai la condivisione è il valore più ricercato – ha detto Antonio Pace, presidente dell’associazione – Vogliamo premiare la creatività e il sentirsi uniti anche a distanza».

neifatti.it ©