Coronavirus, atteso oggi il nuovo Dpcm del Ministro Speranza Ecco le principali novità

d Valerio Chiusano

Si attende oggi in Parlamento il nuovo Dpcm del Ministro Speranza, che proroga fino al 31 luglio le misure restrittive per contenere e arginare la diffusione del Coronavirus.

Dpcm: ecco le novità

Tutte le misure previste nel Dpcm di giugno saranno prorogate fino alla fine di luglio, comprese le norme che regolano lo smart working.

La novità principale del nuovo Dpcm riguarderà il divieto di ingresso nei confronti di coloro che hanno soggiornato, negli ultimi 14 giorni, in Paesi con gravi lacune sotto l’aspetto della sicurezza sanitaria e con un preoccupante quadro epidemiologico interno. I Paesi, indicati nel Dpcm di giugno, non in grado di gestire l’incidenza dei contagi erano tredici ma il numero sembra essere aumentato. Si prevede anche la possibilità di rimpatrio immediato in casi d’emergenza.

Lo smart working resta confermato, in questo modo le impellenze lavorative possono essere svolte ancora nel proprio domicilio o in modalità a distanza. Si prorogano al 31 luglio anche la possibilità di “incentivare le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti” e l’obbligo di adottare “protocolli di sicurezza anti-contagio. Permane, inoltre, l’obbligo di sanificare i luoghi di lavoro.

Ospedali, cliniche e case per anziani

Nelle strutture ospedaliere vigeranno ancora i divieti, per coloro che accompagnano i pazienti, di fermarsi nelle sale d’attesa, nelle accettazioni e nei pronto soccorso. Le visite ai pazienti, sia negli ospedali sia nelle residenze per gli anziani, restano limitate “ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura, che è tenuta ad adottare le misure necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione”.

Proroga stato di emergenza

È previsto, da parte del governo, la proroga dello stato di emergenza fino al 31 ottobre. Tale proroga permetterà così di poter agire in tempi brevi, nel caso in cui tornasse una nuova curva di contagi in autunno.

Fantacalcio, i consigli per la 33esima giornata Vincere ora diventa fondamentale

di Salvatore Monaco

Atalanta-Brescia

La Dea è a caccia dell’Inter per soffiargli il secondo posto e per raggiungere l’obbiettivo si affiderà ai suoi gioielli, di fatto è impossibile lasciare fuori Ilicic, Zapata e GomezMuriel ha avuto un incidente di conseguenza difficilmente entrerà, attenzione a Pasalic che dovrebbe partire dall’inizio e può regalare bonus. Gollini si può schierare tranquillamente sperando nel clean sheet, al contrario Andreacci è assolutamente da evitare come del resto tutto il Brescia.

Bologna-Napoli

Una partita interessante che potrebbe vedere una gran quantità di bonus. Nel Napoli dovrebbero partire titolare MilikLozano Insigne: sono tutti e tre da schierare, attenzione al solito Mertens che subentrando può far male. Koulibaly sembra tornato quello che tutti conosciamo e quindi scommettere su di lui è facile, della difesa partenopea tutti sono affidabili tranne Hysaj che è quello che da meno sicurezze. Zielinski e Fabian si possono schierare, un passo indietro Demme che è solito ricevere ammonizioni. Del Bologna gli unici che si possono schierare e che possono dare fastidio a Meret sono Barrow Orsolini, occhio a Soriano che vorrà ripetere il gol della scorsa giornata.

Milan-Parma

Il Milan è in grande forma, si possono schierare tutti i giocatori rossoneri tranne Bennacer, che rischia il solito cartellino giallo, e Kjaer che pare meno pronto degli altri difensori. Nel Parma Kucka viene da 2 gol nelle ultime 3 ed è una buona scommessa, inoltre Gervinho e Kulusevski con il loro strappi possono essere pericolosi. I portieri da evitare poiché è prevedibile una partita ricca di gol.

Sampdoria-Cagliari

Il Cagliari è senza Nainggolan fuori per infortunio, e senza il Ninja i sardi potrebbero trovare difficoltà contro una Samp in cerca di punti per la salvezza. Proprio per questo oltre le sicurezze cagliaritane, quindi Simeone, Joao Pedro e Nandez, è meglio non rischiare nessuno. La Samp ha bisogno di vincere e di conseguenza Quaglierella e Gabbiadini sono da mettere. Un pensiero si può fare anche a Ramirez che dovrebbe entrare dalla panchina.

Lecce-Fiorentina

Chiesa è in cerca di riscatto e questa potrebbe essere la partita giusta, insieme a Federico da schierare Ribery, che fa sempre la differenza, e CutroneMilenkovic ormai è una sicurezza e si può puntare su di lui, attenzione a Dalbert che spinge parecchio e potrebbe portare a casa un assist. Dragowski si può mettere al contrario di Gabriel che potrebbe avere qualche malus. Per quanto riguarda il Lecce è da segnalare Mancosu che può essere pericoloso e Saponara che sembra in forma.

Roma-Verona

La Roma che scenderà in campo con un 3-4-2-1, per l’assenza di Smalling, Cristante sarà titolare in difesa e quindi da evitare, Kolarov giocherà come quarto di sinistra ed è assolutamente consigliato, così come Dzeko, che torna titolare, e Mkhitaryan che forse è il più in forma dei capitolini. Pau Lopez è schierabile tenendo conto però la possibilità del meno uno. Il Verona viene da due pareggi e quindi cercherà la vittoria, per farlo si affiderà ovviamente ai suoi pilastri: RhamaniKumbullaLazovic e  Miguel Veloso. Attenzione anche a Pessina che può portare bonus.

Sassuolo-Juventus

Il Sassuolo segna sempre parecchio e la Juve in queste ultime partite soffre difensivamente, quindi Boga, Caputo e Berardi si possono mettere. Szczesny si può schierare ma è prevedibile il malus, De Ligt e Bonucci sono affidabili soprattutto se in giornata. Inutile dire che Dybala Ronaldo sono da schierare e Bentancur che dovrebbe giocare mezzala.

Udinese-Lazio

Ormai il campionato è chiuso ma i biancocelesti non vincono da troppo, Immobile e Caicedo devono riscattarsi e si deve puntare su di loro, così come si può giocare la carta Luis Alberto  che sembra più in forma di Milinkovic che comunque può essere messo. Da non sottovalutare Lazzari Strakosha, il primo è spesso il più positivo della compagine guidata da Inzaghi, mentre il secondo può portare a casa un clean sheet. Gli unici dell’Udinese su cui puntare sono Lasagna e De Paul ma occhio a Fofana che in contropiede può fare male.

Torino-Genoa

Il Toro sembra in ripresa nonostante la sconfitta contro l’Inter, per questo Verdi, Belotti e Ansaldi, che sono i giocatori i più pericolosi, sono da inserire. Sirigu è sempre affidabile e si può schierare, Izzo è in ripresa ed è da mettere. Il Genoa deve fare punti quindi Pinamonti e Pandev possono essere buone scommesse, Radu da evitare dato che rischia di prendere gol.

Spal-Inter

Partita che molto probabilmente sarà a senso unico, quindi semplicemente tutta l’Inter può essere schierata, in particolare i giocatori più offensivi e in cerca di bonus. La Spal ormai aspetta la prossima stagione che disputerà in Serie B e quindi nessuno dei ferraresi è da inserire.

Covid, l’Asl Napoli 2: “Più positivi tra i viaggiatori” Un report dettagliato fornito dall'azienda sanitaria

Tra i 3977 viaggiatori in arrivo nei 32 comuni dell’Asl Napoli 2 dall’8 marzo al 5 maggio, che si sono autodenunciati, l’incidenza dei positivi al Covid è stata quattro volte più alta che tra i cittadini residenti stanziali. I dati sono stati raccolti dall’Asl Napoli 2 Nord. Un report dettagliato. “La percentuale – sottolinea l’Asl – dei residenti nei 32 comuni risultati positivi al tampone per Covid, in rapporto alla popolazione – è stata circa dello 0,084%. Tra i viaggiatori che si sono auto segnalati la percentuale, invece, è dello 0,33%”.

Contrabbando di sigarette dall’Est Europa: 4 arresti La Guardia di Finanza ha sgominato un gruppo criminale

In data odierna il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ed in particolare il Gruppo di Nola ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia napoletana, nei confronti di quattro soggetti gravemente indiziati di far parte di una associazione a delinquere, con base nel capoluogo partenopeo, dedita al contrabbando di tabacchi lavorati esteri. Nel corso dell’indagine la polizia giudiziaria aveva già proceduto al sequestro di 2 tonnellate di sigarette ed aveva tratto in arresto in flagranza di reato altri due soggetti.Le attività investigative, avviate nel 2018 sotto il coordinamento della Procura della Repubblica – D.D.A. di Napoli, hanno portato alla ricostruzione dell’operatività di un gruppo criminale, con base prevalente a Napoli, storicamente dedito al contrabbando di sigarette e capace di introdurre sull’intero territorio campano ingenti quantitativi di sigarette di contrabbando. Le consegne avvenivano in orari notturni o alle prime luci dell’alba, confidando in un numero minore di controlli da parte delle Forze dell’Ordine, e mediante la “bonifica” degli itinerari da parte di apposite “staffette”. La merce, proveniente dall’Est Europa, raggiungeva il territorio campano a bordo di autoarticolati e, successivamente, il carico veniva parcellizzato su autoveicoli intestati a “prestanome”, in modo da frazionare il quantitativo trasportato e, conseguentemente, ridurre il rischio di subire grossi sequestri. Nonostante le cautele adottate dai contrabbandieri, le indagini delle Fiamme Gialle hanno consentito di individuare il luogo di stoccaggio degli illeciti carichi, un garage privato situato a Grumo Nevano e di sequestrare 2 tonnellate di sigarette del tipo “cheap white”, marchi Regina, Marble e D&B.

 

 

 

 

 

Maxi sequestro di cannabis sui monti Lattari Operazione dei carabinieri, trovati 500 fusti

Ancora una piantagione di cannabis indica individuata nell’area dei Monti Lattari. Nel versante montuoso che circonda la cittadina di Gragnano  – in località Monte Megano – i carabinieri della Compagnia di Castellammare di Stabia, supportati dall’alto da un velivolo del 7° Nucleo Elicotteristi di Pontecagnano, hanno scoperto numerosi filari di cannabis, destinati alla produzione di marijuana e hashish.
Scovate grazie alla capillare conoscenza del territorio dei militari e alle potenti telecamere installate sull’elicottero dell’Arma, le piante ricoprivano una vasta e scoscesa area, difficilmente raggiungibile con mezzi convenzionali.
Quasi 500  i fusti sequestrati, campionati e distrutti in loco. Le infiorescenze, introdotte nel mercato nero della droga avrebbero fruttato sotto forma di marijuana o hashish guadagni milionari ai narcotrafficanti.
Quella di oggi è solo l’ultima delle molteplici operazioni antidroga del Comando Provinciale di Napoli, volte a contrastare il fenomeno del traffico di stupefacenti.
Dal 28 maggio ad oggi (solo un mese e mezzo) sono quasi 2mila le piante localizzate, sequestrate e sottratte al mercato della droga che avrebbe fruttato – una volta commercializzate –  circa 5 milioni di euro.