Gattuso: “Troppi errori nel finale, dobbiamo migliorare” “Osimhen? Davvero tanta roba”

“Osimhen è un valore aggiunto ma noi dobbiamo correre e migliorare sulle seconde palle, con la sola qualità non andiamo da nessuna parte”. Così Rino Gattuso a Dazn dopo la vittoria del Napoli contro il Parma: “Victor ha una marcia in più – continua Gattuso – ma al momento dobbiamo cercare i principi giusti, sapevamo che nel finale poteva darci qualcosa di importante. La qualità mi piace ma devo pensare all’equilibrio della squadra, nel primo tempo abbiamo fatto il solletico al Parma, nonostante abbiamo speso tanto. Negli ultimi minuti ho visto diverse disattenzioni che non mi sono piaciute, dobbiamo migliorare in questo”. Poi Gattuso parla degli obiettivi stagionali: “Voglio vedere una squadra ben organizzata, con principi ben chiari in testa. Dobbiamo imparare a metterci a disposizione di ogni compagno, solo così possiamo tornare nei primi quattro posti”. Infine il tecnico del Napoli torna a parlare di Osimhen: “E’ un ragazzo giovane con la testa di un quarantenne. Da quando è arrivato ha dimostrato di essere davvero tanta roba”.

Mertens-Insigne, Napoli padrone al Tardini Gli azzurri battono 2-0 il Parma

Napoli: Ospina, Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Hysaj, Fabian Ruiz (83′ Elmas), Demme (61′ Osimhen), Zielinski (89′ Lobotka), Lozano (83′ Politano), Insigne, Mertens (89′ Petagna). A disp.Meret, Contini, Rrahmani, Luperto, Mario Rui, Maksimovic, Ghoulam. All.Gennaro Gattuso

Parma: Sepe, Darmian, Iacoponi, Alves, Pezzella, Grassi (89′ Siligardi), Brugman (69′ Dezi), Hernani, Kucka, Cornelius, Inglese (69′ Karamoh). All. Fabio Liverani

Arbitro: Mariani di Aprilia
Marcatori: 63′ D. Mertens, 77′ L. Insigne
Note: ammoniti Demme, Darmian, Pezzella, Kucka, Alves.

Il Bomber e il Capitano. Il debutto del Napoli ha un imprimatur iconico che scandisce il primo successo in campionato. La copertina del Tardini declina la virtù di due protagonisti della nostra storia recente, Dries che alza il piedistallo del trono di Re del gol a 126 reti e Lorenzo che festeggia con una griffe celebrativa la sua 350esima partita con la maglia azzurra. Finisce 2-0 e si scatena tutto nell’ultima mezzora travolgente, elettrizzata dalla scossa di Osimhen che, appena entrato, si prende l’Oscar dell’attore non protagonista innescando il red carpet per Insigne e Mertens. Funziona il tridente, funziona il Napoli, funziona l’esordio. E funziona anche la prima di Lozano che brucia l’erba sulla corsia di destra infiammando l’ardore offensivo fino all’ultimo respiro. Tutti in piedi per il Napoli nel Loggione virtuale del Tardini. La prima sinfonia azzurra si alza potente e soave nel cielo della Via Emilia…

fonte sscnapoli