Regionali, trionfa De Luca: “L’orgoglio di Napoli e della Campania” "Al centro del programma solo il lavoro, vogliamo fermare l'emorragia di giovani"

Vincenzo De Luca trionfa e si riconferma governatore della Regione Campania. “Questo risultato – sottolinea De Luca in diretta streaming dalla stazione Marittima –  esprime l’orgoglio di Napoli e della Campania per la riconquistata dignità sul piano nazionale e internazionale. Per il futuro abbiamo indicato un programma che ha al centro solo il lavoro, vogliamo fermare l’emorragia di giovani. Grazie ai cittadini di Napoli e della Campania che mi hanno concesso di andare avanti in questa battaglia. Un dovere di onestà intellettuale chiarire che questo dato della Campania non può essere letto in termini di destra e di sinistra, la mia campagna – conclude il governatore – è stata sostenuta anche da tante forze della destra non ideologiche che si sono riconosciute nel lavoro di governo fatto in questi anni”.

Referendum sul taglio dei parlamentari, vince il Si’ Il ministro Di Maio: "Un risultato storico"

Taglio dei parlamentari, ha vinto il Sì, con quasi il 70%. Un dato, che seppur parziale, rende la forbice così ampia da non avere più alcun dubbio. Battuto il fronte del no. L’affluenza per il referendum in Italia è stata pari al 53,8%. Dunque il totale dei parlamentari passerà dagli attuali 945 a 600. I deputati eletti saranno 400, i senatori, invece, saranno 200. Il Movimento cinque stelle, che aveva fortemente voluto il referendum, esulta. Il ministro degli esteri, Luigi Di Maio, parla sui social di: “Un risultato storico. Torniamo ad avere un Parlamento normale, con 345 poltrone e privilegi in meno. È la politica che dà un segnale ai cittadini. Senza il MoVimento 5 Stelle tutto questo non sarebbe mai successo”.

Exit Poll in Campania, De Luca verso la vittoria Il governatore uscente si attesta tra il 54-58%

Elezioni regionali in Campania, gli Exit poll danno in netto vantaggio il governatore uscente, Vincenzo De Luca appoggiato dal centrosinistra, con una percentuale che oscilla tra 54-58% contro il candidato del centrodestra, Stefano Caldoro, che si attesta tra il 23-27%. Il Movimento cinque stelle con Valeria Ciarambino è tra l’11 e il 15%. Dunque De Luca viaggia verso la riconferma. Per quel che riguarda, invece, il referendum per il taglio dei parlamentari, le proiezioni indicano una netta vittoria del Sì con il 66,7% contro il 33,3% del No.

Economia in crisi, Battaglia: “Evitiamo la macelleria sociale” "Incentivi alle imprese che decideranno di non tagliare il personale"

di Massimiliano Guerriero

La pandemia ha messo in ginocchio l’economia globale. Mesi difficili, complicati, che hanno aperto a scenari futuri che lasciano spazio a diversi dubbi. Cosa accadrà? Quali saranno i riflessi del Covid sulle tasche degli italiani? E al Sud come siamo messi? A risponderci il dottor Gianluca Battaglia, commercialista napoletano, con il quale abbiamo parlato anche delle prossime manovre che potrebbe mettere in campo il governo.

Battaglia, partiamo subito dall’attuale stato dell’economia. Che fase stiamo vivendo?

“Stiamo vivendo una fase di forte contrazione dei consumi dovuta prevalentemente ad un approccio di natura psicologica. Se notiamo gli andamenti sia micro che macro economici dal lockdown ad oggi, osserviamo una situazione paradossale: i consumi sono crollati ma la ricchezza media procapite che giace sui conti correnti è aumentata. Questo vuol dire che oggi cosa frena lo sviluppo è questo stato di incertezza che ha due diversi livelli: nelle fasce di livello medio alte, c’è ovviamente l’incertezza legata a quelli che potranno essere gli sviluppi di ripresa dell’economia del nostro paese e quindi l’italiano con disponibilità medio alte preferisce aspettare piuttosto che investire. La fascia, invece, medio bassa lega il suo prossimo futuro a cosa accadrà quando in Italia cadrà il divieto dei licenziamenti che ad oggi è fissato al 31 dicembre 2020”.

Questo il quadro generale, ma al Sud come siamo messi?

“Al Sud si sta risentendo moltissimo la carenza del turismo internazionale: in termini di presenza c’è stato un dato positivo, però il turista italiano non ha la stessa capacità di spesa del turista internazionale. Soprattutto al Sud che, può annoverare delle località che sono molto da turismo internazionale, le isole del Golfo di Napoli, il Salento, le isole siciliane e la Sicilia nella sua interezza, ovviamente questa difficoltà l’avvertono maggiormente. Anche perché in alcuni paesi ancora oggi c’è una forte difficoltà ad entrare, Brasile, Stati Uniti, Arabia Saudita e Russia, e quindi c’è un problema molto rilevante da questo punto di vista. Considerate che, ad esempio, i gestori dei moli turistici stanno registrando un calo di presenze che oscilla tra il 50% e l’80%. Quindi da un punto di vista produttivo c’è stata la svolta, però, i consumi risentono di quello di cui abbiamo parlato prima”.

Quale potrebbe essere la ricetta per non precipitare nel baratro?

“Se dicessi di abbassare le tasse, oggi, sarei demagogico perché dopo aver fatto una manovra a debito da cinquanta miliardi non c’è materialmente la possibilità, almeno fino a che non si avrà l’effettiva disponibilità delle somme del Recovery Fund e quindi nella migliore delle ipotesi per fine 2021. Quindi dobbiamo consentire misure di incentivo che consentano a tutte le imprese che non licenzieranno dal 1° gennaio 2021, agevolazioni concrete in termini fiscali o finanziarie, scongiurare, di fatto, che dopo il termine del divieto di licenziamento, si possa assistere ad una vera e propria macelleria sociale”.

Chi vuole investire in questo momento, su cosa potrebbe farlo?

In questo momento investirei o in attività di natura immobiliare, approfittando del crollo dei prezzi o nel comparto turistico che sarà il primo a beneficiare della ripresa una volta che questo maledetto virus sarà stato debellato”.

Impossibile, non chiudere, con una domanda sul calcio, essendo lei super tifoso del Napoli. Ha fatto le carte all’economia, riesce a farle anche al campionato che sta per iniziare?

“Oggi tutti i top club con i grandi stadi di proprietà stanno soffrendo più del Napoli per le perdite legate, ovviamente, alla mancanza di introiti che prima davano le stesse strutture. Questo è un mercato senza soldi, devo dire che il Napoli, ad oggi, per me è molto incompleto perché mancano sostanzialmente tre grosse figure che sono: il terzino a sinistra, un centrocampista che possa consentirti di cambiare modulo e un esterno alto a destra, dove ad oggi hai solo Politano e laddove dovesse partire Koulibaly, ovviamente un centrale importante.

Quindi Battaglia?

“Mi richiami il 6 ottobre, dopo la chiusura della finestra di mercato”.

Agguato a Sant’Antimo, grave un 21enne Il giovane, incensurato, è stato raggiunto da sei colpi d'arma da fuoco

Agguato la scorsa notte a Sant’Antimo, nel napoletano, dove un 21enne incensurato è stato ferito gravemente con sei colpi d’arma da fuoco. Il giovane è ricoverato all’ospedale di Frattamaggiore.

Stando ad una prima ricostruzione, effettuata dai carabinieri, il 21enne era in compagnia di un amico, anche lui incensurato, quando è stato raggiunto in corso Europa e colpito ripetutamente.

Auto fuori strada, 29enne salvato dai Vigili del Fuoco L'incidente si è verificato sulla Statale 88 a Summonte

Sbanda con l’auto e finisce fuori strada. L’incidente si è verificato questa notte sulla Statale 88, a Summonte, in provincia di Avellino. Il giovane alla guida del mezzo, un 29enne, è rimasto incastrato nell’abitacolo. Provvidenziale l’intervento dei Vigili del Fuoco che lo hanno liberato consegnandolo alle cure dei sanitari del 118. L’uomo è ora ricoverato all’ospedale Moscati per tutte le cure del caso.

Traffico internazionale di droga, 14 arresti nella notte Napoli, maxi operazione della Polizia

E’ in corso, dall’alba, una maxi operazione della Polizia a Napoli. In esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip presso il tribunale partenopeo su richiesta della Procura della Repubblica nei confronti di 14 persone, indiziate di traffico internazionale e spaccio di sostanze stupefacenti. Inoltre, è stato disposto anche il sequestro di beni mobili e immobili.

Presentata al Jambo la II edizione di “Dammi la tua mano, tutto pesa a metà” Lo spettacolo di beneficenza si svolgerà il 25 settembre allo stadio comunale di Aversa

Presentata al Centro Commerciale Jambo di Trentola Ducenta, la seconda edizione di «Dammi la tua mano, tutto pesa la metà», spettacolo di beneficenza a favore della ricerca sui tumori cerebrali infantili con la partecipazione di medici, ricercatori e diversi artisti di fama nazionale, in programma il prossimo venerdì 25 settembre, a partire dalle 20.30, presso lo stadio comunale “Bisceglie” di Aversa (CE).

All’evento, promosso dall’associazione «Il Coraggio dei Bambini», fondata da famiglie di bambini colpiti da tumori cerebrali e da medici, infermieri e biologi che quotidianamente operano a favore della cura e della ricerca nell’ambito della neuro-oncologia pediatrica, hanno aderito i medici dell’ospedale “Bambino Gesù” di Roma (Angela Mastronuzzi, Andrea Carai, Mara Vinci, Antonella Cacchione); le associazioni: Scugnizzi di Nisida, Le Ali di Scampia, Centro Annalisa Durante, (R)esistenza Anticamorra, Il Lucernaio, la Stranormanna Aversana.

Per quanto concerne la parte spettacolare è stato il direttore artistico Tony Figo (comico e attore napoletano, tra i protagonisti di “Made in Sud” e “Colorado”) ad annunciare nel corso della conferenza stampa alcuni degli attesi ospiti della serata: I Ditelo Voi, Maria Bolignano, Massimo Bagnato, Mr Hyde e «tanti altri artisti di grande visibilità e bravura le cui adesioni certe sono attese per le prossime ore». A curare le coreografie invece saranno la Scuola di danza Bayadere della maestra Antonietta Addeo e la International Academy di Tony Figo.

Particolarmente gremita la sala convegni che ha ospitato la conferenza, coordinata dal giornalista Elpidio Iorio. Numerosa la partecipazione di delegazioni di giovani e di rappresentanti dell’associazionismo dell’agro aversano.

Ad aprire la scaletta degli interventi è stato Alfonso Golia, sindaco di Aversa, città che ospiterà lo spettacolo di beneficenza. «La piena vicinanza di Aversa – ha detto Golia – a questo appuntamento che coniuga mirabilmente arte, spettacolo, solidarietà, ricerca scientifica, tutela della salute in particolare quella dei bambini. Un evento che dà un senso al nostro agire, alla nostra missione di amministratori pubblici».

È poi intervenuto Alessandro Cannolicchio, presidente de «Il Coraggio dei Bambini», che ha ripercorso la storia dell’associazione nata a settembre del 2015, per volontà della figlia. «Allora Aurora – ha raccontato – chiese a me e mia moglie Liliana di creare un’associazione, scegliendo il nome, «Il Coraggio dei Bambini», e disegnandone anche il logo. Aurora però, era ormai agli ultimi istanti della sua vita. Nel luglio del 2017 si scoprì che era affetta da un glioma intrinseco del tronco encefalico, un tumore inoperabile che non lasciava scampo. Infatti l’otto ottobre del 2018, Aurora terminò il suo percorso terreno. Da allora l’associazione ha promosso diversi appuntamenti che hanno consentito di raccogliere un bel po’ di fondi a favore della ricerca e cura onco-pediatrica e delle famiglie che vivono ore drammatiche a causa di questo terribile male».

Infine ha portato la sua testimonianza di artista Ludovico Brusco del duo musicale Mr Hyde, che con tono deciso e affabile ha argomentato: «noi artisti non possiamo non aderire con entusiasmo e convinzione ad una iniziativa così profonda, ideata da chi ha avuto la forza di trasformare un dolore inumano in una opportunità di solidarietà e amore per gli altri ovvero per i bambini. Ciascuno di noi è chiamato a prodigarsi affinché in tanti possano aderire alla serata e quindi contribuire al benessere di quanti sono provati da una sofferenza tale che rischia di soffocare qualsiasi possibilità di speranza. Al contrario, vogliamo tutti insieme ribadire che nonostante tutto la speranza non deve mai spegnersi perché ci sono tante persone straordinarie che coraggiosamente non lesinano energie pur di non fermare il sorriso di tanti bambini innocenti e indifesi».