Pubblicato il: 24 ottobre 2020 alle 7:36 pm

Nuovo Dpcm, si va verso lo stop di palestre e cinema Chiusura anticipata dei ristoranti. Serrande abbassate la domenica

Emergenza Coronavirus, in queste ore il premier Conte e i capi delegazione della maggioranza sono al lavoro sul nuovo Dpcm con misure più stringenti.

“Repubblica” anticipa quelli che potrebbero essere i provvedimenti.

RISTORAZIONE

Si va verso la chiusura anticipata in tutto il settore della ristorazione, alle 18:00 o alle 20:00. Ristoranti, locali e bar, inoltre, la domenica dovranno restare chiusi per tutta la giornata.

PALESTRE E PISCINE

Stop tra domani e dopo domani delle attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali.

 

SALE GIOCO E BINGO

Sospese anche le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò. Come anche quelle dei parchi tematici e di divertimento.

CINEMA E TEATRI

Sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto e sale cinematografiche. Restano chiuse le discoteche.

VIETATE LE FESTE

Vietate le feste sia al chiuso che all’aperto. Nelle abitazioni private è fortemente raccomandato di non ricevere persone diverse dai conviventi. Vietate anche sagre e fiere.

LA SCUOLA RESTA APERTA. ALLE SUPERIORI DAD AL 75%

La scuola resta aperta. Novità ci sono per le superiori. L’attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione continuerà a svolgersi in presenza mentre le istituzioni scolastiche secondarie di secondo gradi adotteranno forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica incrementando il ricorso alla didattica digitale integrata, per una quota pari al 75% delle attività.

COMPETIZIONI SPORTIVE NON AGONISTICHE

Sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo sia pubblico che privato.

BLOCCO DI CONCORSI PUBBLICI E PRIVATI

Sospese le procedure concorsuali sia pubbliche che private. Dalla sospensione sono esclusi i concorsi per il personale sanitario e per quello della protezione civile.

Si tratta della bozza del nuovo Dpcm che, però, potrebbe ricevere delle modifiche, anche sostanziali.