Covid, in arrivo nuove misure di contrasto in Campania Si valuta l’istituzione di zone rosse

“È in programma in queste ore – così in una nota l’Unita di crisi – in sintonia con quanto si sta attuando in altre Regioni (Emilia, Veneto e Friuli), l’adozione di una serie di nuove ordinanze restrittive per incrementare le misure destinate al contrasto all’epidemia da Covid.

Si ricorda che nella giornata di ieri è stato fatto invito al Prefetto di Napoli – e di tanto sono stati informati il Ministro per l’Interno e il Ministro della Salute – di procedere all’adozione di misure restrittive nelle aree di maggiore assembramento nel territorio di Napoli e della provincia.
Occorre dare priorità al controllo sul lungomare di Napoli e su alcune strade del Centro storico cittadino, dove si sono verificati fenomeni di assembramenti illegali, irresponsabili e pericolosi sotto il profilo sanitario.
Si sta decidendo in queste ore l’istituzione di zone rosse nelle città della Campania dove si registra un livello alto di contagi e dove è indispensabile una drastica riduzione della mobilità, in coordinamento con le Prefetture competenti e con i Comuni per garantire l’indispensabile impiego delle Forze dell’Ordine per il controllo sui territori. È già cominciata nella seduta dell’Unità di crisi regionale di questa sera e proseguirà domani la verifica e valutazione per alcuni Comuni.
Si stanno anche definendo misure di limitazione, per attività commerciali non essenziali, nei fine settimana. Tali decisioni saranno assunte sulla base della valutazione tecnica dell’Unità di crisi regionale e degli epidemiologi che ne fanno parte”.

Covid, a Napoli accessi contingentati sul lungomare e a piazza del Plebiscito Nuova stretta a partire dal fine settimana

Nuova stretta sui controlli a Napoli per contenere l’emergenza Covid. “Si informa che nel pomeriggio odierno – si legge in una nota della prefettura –  all’esito della riunione di coordinamento interforze svoltasi stamani presso il Palazzo di Governo, è stata completata  la valutazione dei luoghi della città di Napoli ove, nel corso del prossimo fine settimana, saranno attuati, ad opera delle Forze dell’ordine, presidi per il contingentamento delle presenze e la regolamentazione dell’ accesso, in attuazione delle misure di prevenzione per il contrasto all’emergenza epidemiologica da C-19. I presidi intesseranno le seguenti aree cittadine: Piazza del Plebiscito, Via Partenope, Piazza S. Domenico Maggiore e Largo San Giovanni Maggiore Pignatelli”.

Alvino: “Violazione del protocollo? Napoli in una botte di ferro” "Il club è assolutamente tranquillo"

“Violazione del protocollo. Napoli in una botte di ferro. Il club rispetta le regole! A beneficio di chi anticipa per il Napoli un possibile deferimento alla Procura federale, sulla mancata applicazione del protocollo, vale la pena far sapere che il club è assolutamente tranquillo e non ha nulla da temere dalla parallela indagine della Federcalcio. Per la società azzurra le due questioni sono distinte e separate ed il club ha sempre rispettato le regole”. Così Carlo Alvino.

Covid, in Campania 4.065 nuovi positivi Quasi 24mila i tamponi effettuati

Positivi del giorno: 4.065
di cui:
Asintomatici: 3.779
Sintomatici: 286
Tamponi del giorno: 23.840

Totale positivi: 99.986
Totale tamponi: 1.196.072

​Deceduti: 31 (*)
Totale deceduti: 927

Guariti: 645
Totale guariti: 19.000

* Deceduti tra il 7 e l’11 novembre novembre

​Report posti letto su base regionale:

Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656 (**)
Posti letto di terapia intensiva occupati: 192
Posti letto di degenza disponibili: 3.160
Posti letto di degenza occupati: 1.944

** Ad oggi la dotazione dei posti letto di terapia intensiva della Regione Campania è costituita dalla somma dei 590 posti letto realizzati pre-emergenza e dei posti letto in più temporaneamente attivati per i Covid: 66 (Covid hospital).

Ssc Napoli, tutti negativi i tamponi effettuati al gruppo squadra Stamane seduta d'allenamento per gli azzurri al Training Center

“Tutti negativi al Covid-19 i tamponi effettuati ieri mattina ai componenti del gruppo squadra”. Così con una nota ufficiale la Ssc Napoli.

Intanto questa mattina seduta d’allenamento per gli azzurri, quindici sono impegnati con le rispettive nazionali, al Training Center di Castel Volturno in vista della sfida di domenica 22 novembre al San Paolo contro il Milan.

La squadra ha svolto una prima fase dedicata al torello. Successivamente esercitazione tecnica e lavoro sulla velocità.

Di seguito seduta finalizzata al possesso palla e chiusura con partitina a campo ridotto.

foto sscnapoli

Covid, De Luca: “Nessun ospedale da campo in Campania” Il governatore: "La nostra unica richiesta è stata l'invio di medici"

“Continua lo sciacallaggio contro la Campania. Prosegue una intollerabile campagna contro la sanità della Campania. Si sta diffondendo la notizia che l’Esercito verrà a montare un ospedale da campo nella nostra regione. Nessun ospedale da campo verrà in Campania. L’unica nostra richiesta è da tempo l’invio di medici, e da questo punto di vista le risposte non sono arrivate. Il resto è sciacallaggio”. Così con una nota, il governatore della Campania, Vincenzo De Luca.

Tenta il suicidio lanciandosi in un dirupo, 40enne salvato dai carabinieri L'uomo è ricoverato all'ospedale Moscati di Avellino

Tenta il suicidio, 40enne salvato in extremis. È accaduto ieri a Solofra, nell’avellinese.

Il 40enne ha parlato delle sue intenzioni al suo medico curante, che prontamente ha allertato i Carabinieri della Compagnia di Solofra. Dopo ore di angoscia e ricerche è stato così tratto in salvo.

La cabina di regia dell’intervento è stata la Centrale Operativa del Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino.

Ricevuta la notizia, è stato applicato il protocollo previsto per queste emergenze: è stato quindi aperto un canale di comunicazione con il gestore del telefono dell’uomo, che a distanza di qualche minuto ha fornito le coordinate per la geolocalizzazione le quali, elaborate dai Carabinieri grazie al sistema in dotazione, hanno permesso di circoscrivere la zona ove si era diretto il soggetto.

Nella tarda serata di ieri, in una località impervia ai confini con la provincia di Salerno, all’esito delle ricerche a cui hanno preso parte anche i Vigili del Fuoco e personale del Club Alpino Italiano di Avellino, il 40enne grazie al risolutivo intervento di un elicottero dell’Aeronautica Militare con base in Pratica di Mare  è stato recuperato in un vallone nei pressi del Pizzo di San Michele.

Politraumatizzato ed in stato di ipotermia, l’uomo è stato trasportato dal servizio 118 all’ospedale “Moscati” di Avellino, dov’è tuttora ricoverato.

Ricatta l’ex con video a sfondo sessuale, arrestato Bloccato un quarantenne che ormai da mesi perseguitava la donna

In data odierna, a seguito di una mirata ed articolata attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, i Carabinieri della Compagnia di Ariano Irpino, con la collaborazione dei Carabinieri della Compagnia di Palermo San Lorenzo, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misura cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Benevento, su richiesta della Procura della Repubblica di Benevento, nei confronti di un quarantenne palermitano attinto da gravi indizi di colpevolezza in ordine ai delitti di atti persecutori, diffusione illecita di immagini e video sessualmente espliciti (cd. revenge porn) e tentata estorsione ai danni di una donna dell’avellinese.

Le indagini, avviate nel mese di gennaio 2020 e conclusesi nel mese di ottobre, hanno consentito di accertare gravi indizi di colpevolezza a carico del destinatario del provvedimento cautelare, in ordine alla sistematica attività di persecuzione perpetrata nei confronti della ex compagna: lo stesso, con condotte reiterate, consistite in minacce verbali, nonché nell’invio di messaggi telefonici, molestava la donna cagionandole un perdurante stato d’ansia e di paura ed ingenerando nella stessa un fondato timore per l’incolumità propria e dei propri cari. Le condotte persecutorie si concretizzavano attraverso l’invio di numerosi messaggi e di telefonate, dal contenuto minaccioso per la vittima e per la figlia minorenne della stessa, nonché mediante la diffusione di immagini e video che ritraevano la vittima in atteggiamenti sessualmente espliciti, servendosi di strumenti informatici e di numerosi account sui principali social network, mediante i quali l’indagato diffondeva i predetti contenuti a sfondo sessuale. Lo stesso, inoltre, poneva in essere richieste estorsive ai danni della ex compagna, sempre con l’intento di controllarla e di riallacciare la relazione sentimentale con la stessa. L’indagato, infine, anche di recente da Palermo si è recato nel comune irpino per rintracciare la vittima e riallacciare con la stessa contatti. 

Nel corso dell’attività di indagine è stato anche già disposto il sequestro preventivo mediante oscuramento dei profili social utilizzati dall’indagato. 

Il G.I.P. presso il Tribunale di Benevento ha ritenuto sussistenti i gravi indizi di colpevolezza e le esigenze cautelari a carico dell’indagato, accogliendo la richiesta della Procura di applicazione della misura della custodia cautelare in carcere.

1 2