La Campania diventa zona rossa, Speranza ha firmato l’ordinanza: ecco cosa cambia I nuovi provvedimenti in vigore da domenica 15 novembre

La Campania insieme alla Toscana diventa zona rossa. La decisione è stata presa in base ai dati analizzati dal 2 all’8 novembre. Il ministro della Salute Roberto Speranza, ha appena firmato l’ordinanza con i nuovi provvedimenti, che entreranno in vigore da domenica 15 novembre.

“So che stiamo chiedendo ancora sacrifici – afferma Speranza – ma non c’è altra strada se vogliamo ridurre il numero dei decessi, limitare il contagio ed evitare una pressione insopportabile sulle nostre reti sanitarie. Ce la faremo. Ma è indispensabile il contributo di tutti”.

COSA CAMBIA?

Vietato qualsiasi spostamento, in qualsiasi orario, salvo che per comprovati motivi di lavoro, salute e necessità. Chiudono bar e ristoranti sette giorni su sette, mentre restano consentiti l’asporto fino alle 22:00 e la consegna a domicilio senza restrizioni.

Resteranno aperti solo i supermercati, beni alimentari e di necessità, farmacie, tabaccherie, edicole, parafarmacie, lavanderie, parrucchieri e barbieri. Sospese tutte le attività sportive ad eccezione delle manifestazioni di interesse nazionale organizzate dal Coni.

E’ consentita l’attività motoria individuale solo nei pressi della propria abitazione.

SCUOLA

La scuola merita un capitolo a parte. Già chiusa in Campania, nelle prossime ore è attesa un’ordinanza regionale per capire quello che accadrà. Difatti nella zona rossa è prevista la didattica a distanza per le superiori, la terza e la seconda media. In presenza, invece, per la scuola dell’infanzia, le elementari e la prima media.

Covid, 4.079 nuovi positivi in Campania Oltre 25mila i tamponi effettuati

Positivi del giorno: 4.079
di cui:
Asintomatici: 3.570
Sintomatici: 509
Tamponi del giorno: 25.510

Totale positivi: 104.065
Totale tamponi: 1.221.582

Deceduti: 40 (*)
Totale deceduti: 967

Guariti: 878
Totale guariti: 19.878

* Deceduti tra il 7 e il 12 novembre

Report posti letto su base regionale:

Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656
Posti letto di terapia intensiva occupati: 183
Posti letto di degenza disponibili: 3.160
Posti letto di degenza occupati: 2.153

Scambi da fare al Fantacalcio Tutti i consigli utili

di salvatore monaco

Giocatori da prendere e da cedere.

Sottil

L’esterno sinistro del Cagliari in prestito dalla Fiorentina sta facendo molto bene ma è ancora sottovalutato. Potete prenderlo sia dagli svincolati sia provare ad acquistarlo tramite scambio senza eccessive proposte.

Pasalic

Posizione arretrata, un solo gol ed una media voto tutt’altro che invidiabile. Questo inizio di stagione di Pasalic non è tra i migliori e sicuramente chi lo ha al fantacalcio se n’è accorto. Il giocatore può avere un buon valore negli scambi e quindi fa senza dubbio dato via per qualcuno con un rendimento migliore.

Zielinski

Ci si aspettava un inzio di campionato migliore da Piotr e il cambio mudulo ed il Covid sicuramente non lo hanno aiutato. Gattuso però punta su di lui e quindi potete farlo anche voi, se lo avete in rosa tenetelo e se invece avete pensato di scambiarlo avete avuto un’idea giusta.

Boga

L’anno scorso è stato semplicemente devastante, quest’anno ha iniziato con qualche difficoltà causa covid, ma voi potete ancora puntarci. Viene da 3 partite da titolare di fila e sta ritrovando la condizione: fidatevi di lui.

La Campania verso la zona rossa Dopo l'analisi degli ultimi dati

La Campania verso la zona rossa insieme alla Toscana in base ai dati analizzati dal 2 all’8 novembre. Le regioni “arancioni”, invece, salgono a nove. La lista deve essere confermata dal Comitato tecnico scientifico. Il ministro della Salute Roberto Speranza, dopo aver sentito le Regioni, dovrebbe firmare l’ordinanza con i nuovi provvedimenti.

 

Covid, De Luca: “Noi eravamo per chiudere tutto ad ottobre per un mese” Il governatore: "Dal Governo scelte sbagliate"

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha parlato come ogni venerdì sui social: “In questi due mesi c’è stato uno scontro di scelta e di linea politica sul contenimento del contagio. Noi eravamo per chiudere tutto a ottobre per un mese, il governo ha fatto una scelta diversa e totalmente sbagliata – afferma De Luca – questa era la nostra posizione chiara e non semplice da assumere. Lo volevamo per effettuare un’operazione di freno del contagio e arrivare a Natale in condizioni sostenibili. Il governo ha deciso di fare un’altra scelta con iniziative progressive e provvedimenti sminuzzati con la risposta proporzionale. Una scelta totalmente sbagliata perchè il contagio non aumenta in maniera lineare ma esponenziale. Questa scelta ha fatto perdere due mesi preziosi dove c’è stato un incremento drammatico di contagi e decessi. Quelli che non hanno mosso un dito per fermare il governo, e anzi si sono mossi contro le ordinanze della Campania, ora sono diventati tutti rigoristi. Una vergogna”.

Covid, Conte: “Oggi decidiamo sulle regioni” Il premier: "Le scuole non sono focolai"

“Dobbiamo essere franchi sulla scuola, la ricerca e i dati dicono che non sono focolai di diffusione dei contagi. Noi cerchiamo di analizzare i dati, abbiamo un approccio pragmatico. C’è un valore della didattica in presenza”. Così il premier Giuseppe Conte in videocollegamento all’evento “Futura: lavoro, ambiente, innovazione”.

Oggi, inoltre, è previsto un importante aggiornamento sui dati della curva dei contagi: “La comunicazione del sottoscritto, del ministro Speranza, degli altri ministri e del governo tutto è molto univoca. Oggi c’è una cabina di regia all’Iss, ci aspettiamo un aggiornamento sui livelli di rischi delle singole regioni. Questo comporterà che la cabina di regia, condividendo i dati con il Cts, valuterà quali sono le regioni”

Covid, in Campania obbligo di ricetta per effettuare tamponi da privati Nuova disposizione della Regione in vigore da oggi

Da oggi obbligo di prescrizione medica per effettuare il tampone anche nei laboratori privati. Questa la nuova disposizione della Regione Campania, inviata ai direttori generali delle Asl. “Al fine di garantire maggiore appropriatezza dei percorsi di sanità pubblica – si legge nella nota – si dispone che per poter effettuare tampone per la ricerca si Sars-Cov-2, presso un laboratorio privato, senza oneri a carico del Servizio sanitario regionale, è necessaria la prescrizione medica su ricetta bianca con l’indicazione dell’effettuazione della prescrizione”.

Lavoro nero, blitz dei carabinieri a Poggiomarino Sospesa l'attività di un opificio

Operazione dei carabinieri a Poggiomarino, nel napoletano. I militari dell’Arma hanno denunciato a piede libero un 36enne di origini bengalesi, titolare di un opificio, per violazioni alla normativa sul lavoro. Tre i lavoratori in nero, stranieri, identificati. Diverse le violazioni registrate, da macchinari non a norma alla mancata sorveglianza sanitaria degli operai. L’attività è stata sospesa.

1 2