Campania, da mercoledì riaprono le scuole dell’infanzia e la prima elementare A breve sarà firmata l'ordinanza

“L’Unità di Crisi  – si legge in una nota della regione Campania – si è riunita per esaminare i risultati dello screening a campione, su base volontaria, relativo alla popolazione scolastica. Sulla base della percentuale dei positivi riscontrati e della curva dei contagi rilevata nella scorsa settimana a livello regionale con riferimento alle fasce d’età interessate (0-6 anni), è stato deciso che a partire da mercoledì 25 novembre 2020 è consentito il ritorno a scuola in presenza per i servizi educativi e la scuola dell’infanzia, nonché per la prima classe della scuola primaria, fatta salva l’adozione di misure restrittive da parte dei Comuni in relazione all’andamento epidemiologico nel singolo contesto territoriale.
Alle ore 16:00 di oggi sono stati effettuati 10.590 test antigenici nell’ambito dello screening volontario. I test risultati positivi e per i quali viene effettuato l’esame del tampone molecolare, sono 35 (per una percentuale dello 0,33%)”.

Covid, 2.158 nuovi positivi in Campania Oltre 2mila guariti nelle ultime 24 ore

Positivi del giorno: 2.158
di cui:
Asintomatici: 1.931
Sintomatici: 227
Tamponi del giorno: 15.739

Totale positivi: 138.431
Totale tamponi: 1.447.867

Deceduti: 39 (*)
Totale deceduti: 1.309

Guariti: 2.091
Totale guariti: 33.613

* Deceduti tra il 14 e il 22 novembre

Report posti letto su base regionale:

Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656
Posti letto di terapia intensiva occupati: 201
Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (*)
Posti letto di degenza occupati: 2.331

* Posti letto Covid e Offerta privata

Torre del Greco, uccide la madre con un cacciavite Sulla vicenda indaga la Polizia

Un 33enne ha ucciso con un cacciavite la madre, 55enne. La tragedia si è consumata in un appartamento a Torre del Greco. Stando alle prime ricostruzioni, l’omicidio si è consumato a seguito di una violenta lite. A lanciare l’allarme alcuni vicini. Sul posto gli agenti della Polizia di Stato che hanno fermato il giovane ed effettuato tutti i rilievi per ricostruire l’esatta dinamica della vicenda.

Covid, Ricciardi: “In un mese 27mila contagi tra medici e infermieri” Il consulente del ministero della Salute: "Limitare al massimo la mobilità"

“In questo momento la pressione in tutta Italia sugli ospedali è terribile: solo in un mese si sono contagiati in 27mila tra medici e infermieri, 900 al giorno, se continua questa pressione non solo rende impossibile curare i pazienti ma sguarnisce la prima linea. E’ assolutamente necessario limitare al massimo la mobilità e fare solo le cose che veramente servono, tutto il resto per il prossimo mese deve essere assolutamente limitato”. Lo ha dichiarato Walter Ricciardi, consulente del ministero della Salute, durante la trasmissione Agorà, in onda su Rai 3.

Ssc Napoli, il report dell’allenamento: terapie per Osimhen Gli azzurri preparano la sfida di Europa League contro il Rijeka

Dopo la gara contro il Milan, il Napoli ha ripreso questa mattina gli allenamenti al Training Center di Castel Volturno.

Gli azzurri preparano il match contro il Rijeka per la quarta giornata di Europa League in programma giovedì al San Paolo (ore 21:00).

La squadra si è divisa in due gruppi. Coloro che sono andati in campo ieri hanno svolto lavoro di scarico in palestra.

Gli altri uomini della rosa sono stati impegnati in una prima fase di riscaldamento e torello seguiti da esercizi di passing drill.

Successivamente lavoro di possesso a tema e partitina a campo ridotto.

Terapie e lavoro in palestra per Osimhen. Lavoro in palestra per Ospina.

fonte sscnapoli

Il ministro Speranza sospende attività degli allevamenti di visoni Su tutto il territorio fino a fine febbraio

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza ha firmato un’ordinanza che dispone la sospensione delle attività degli allevamenti di visoni su tutto il territorio italiano fino alla fine del mese di febbraio 2021 quando verrà effettuata una nuova valutazione sullo stato epidemiologico.

“La misura aggiunge l’infezione da SARS CoV-2 nei visoni d’allevamento all’elenco delle malattie infettive e diffusive degli animali soggette a provvedimenti sanitari secondo il “Regolamento di polizia veterinaria (D.P.R. 8 febbraio 1954, n. 320)”.

Pur essendo il numero degli allevamenti in Italia molto ridotto rispetto ad altri paesi europei si è valutato di seguire il principio della massima precauzione in osservanza del parere espresso dal Consiglio Superiore di Sanità”.

Secondo l’ordinanza, “in caso di sospetto di infezione, le autorità locali competenti dispongono il sequestro dell’allevamento, il blocco della movimentazione di animali, liquami, veicoli, attrezzature e l’avvio di una indagine epidemiologica.

In caso di conferma della malattia, i visoni dell’allevamento sono sottoposti ad abbattimento”.

Rapporto Censis: tenore di vita peggiora per 7,6 milioni di italiani "Cinque milioni hanno difficoltà a mettere in tavola un pasto decente"

“Cinque milioni di italiani hanno difficoltà a mettere in tavola un pasto decente, 7 milioni e 600mila hanno avuto un peggioramento del tenore di vita. Il 60% degli italiani ritiene che la perdita del lavoro, o del reddito, sia un evento possibile che lo può riguardare nel prossimo anno”. È lo scenario emerso dal Secondo Rapporto Censis-Tendercapital sui Buoni Investimenti.

Terremoto in Irpinia, De Luca: “Una vicenda che ha portato alla luce un grande paese” Il ricordo del presidente della Regione: "Ci sono stati ritardi burocratici clamorosi"

“Ricordiamo in Campania una data che ha segnato profondamente la vita della nostra regione, delle nostre comunità. Ricordiamo quell’evento catastrofico, il terremoto di quarant’anni fa. Migliaia i morti, danni immensi, intere comunità sconvolte. Come sempre, in Italia, di fronte alle grandi tragedie è emerso il meglio e il peggio del nostro paese.

Sono emersi nel corso degli anni successivi, comportamenti non lineari, non limpidi, elementi di speculazione, ritardi burocratici clamorosi. Ma è stata anche una vicenda che ha portato alla luce un grande paese, la grande generosità di migliaia e migliaia di volontari, di cittadini normali, di giovani, che ha registrato un’onda di solidarietà da parte di tanti nostri concittadini, di tante regioni d’Italia, tanti cittadini del nord del paese, del centro, sono venuti a darci una mano, a volte a darci anche una parola di conforto.

Ci sono state migliaia e migliaia di famiglie che hanno pianto i propri caduti. Ricordiamo quegli episodi, ricordiamo quelle immagini, ricordiamo quei paesi distrutti, ricordiamo il dolore di quei mesi, ricordiamo anche il sacrificio di tanti. Noi rivolgiamo ancora una volta il nostro pensiero a quelli che hanno perduto la vita, ai loro familiari.

Abbiamo fatto di tutto, in queste settimane per portare a conclusione, sembra incredibile dopo quarant’anni, problemi amministrativi che erano rimasti sospesi.

In questo momento dobbiamo solo rivolgere il pensiero a quelli che hanno perduto la vita allora”. Così il presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, ha ricordato il terremoto del 1980 in Irpinia.

Camorra, piazza di spaccio contesa: tre arresti Nel mirino esponenti dei clan De Luca Bossa e Mazzarella

Operazione dei carabinieri del comando provinciale di Napoli che hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del tribunale partenopeo su richiesta della Dda, nei confronti di tre soggetti,  affiliati a due clan contrapposti, accusati a vario titolo dei reati di estorsione, porto e detenzione illegale di armi, tutti aggravati dalla circostanza del metodo mafioso.

Inquirenti ed investigatori hanno raccolto prove nei confronti di due persone appartenenti al clan De Luca Bossa che il 12 gennaio del 2018 avevano commesso una tentata estorsione nei confronti del titolare di una piazza di spaccio nel quartiere mercato che a sua volta, affiliato al clan Mazzarella, aveva reagito esplodendo diversi colpi d’arma da fuoco e mettendoli in fuga.

1 2