Pubblicato il: 29 novembre 2020 alle 11:11 pm

Maradona, l’omaggio più bello: il Napoli travolge la Roma Gli azzurri battono i giallorossi 4-0: Insigne in gol su punizione

Napoli: Meret, Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui, Demme (83′ Lobotka), Fabian Ruiz, Lozano (67′ Politano), Zielinski (77′ Elmas), Insigne, Mertens (83′ Petagna). A disp.Ospina, Contini, Malcuit, Ghoulam, Maksimovic, Llorente. All.Gennaro Gattuso

Roma: Mirante, Mancini (38′ Juan Jesus), Cristante, Ibanez, Karsdorp, Veretout (46′ Villar), Pellegrini (79′ Borja Mayoral), Spinazzola, Pedro, Mkhitaryan, Dzeko (71′ Perez). All. Paulo Fonseca

Arbitro: Di Bello di Brindisi
Marcatori: 31′ L. Insigne, 64′ F. Ruiz, 81′ D. Mertens, 87′ M. Politano
Note: ammoniti Di Lorenzo, Ibanez.

La fascia di capitano sul braccio, la 10 di Diego nel cuore, il pallone che parte col balsamo di un incantesimo e disegna una bisettrice inarrivabile evocando suggestive parabole d’altri tempi. Quello di Insigne non è semplicemente un gol, ma una citazione. Una magia che apre Napoli-Roma con una punizione che illumina d’immenso la notte del Mito. Lorenzo poi corre ad afferrare la maglia dedicata a Maradona e più che una esultanza sembra una invocazione. E’ la scena più eloquente e pregante di questa serata che sprigiona emozioni a catena. E’ l’input che prelude alla sinfonia azzurra ispirata da una melodia celestiale. Fabian poco dopo l’ora infila l’angolo di precisione. Poi Dries mette la sua griffe d’autore che non può mancare nell’agenda del cuore. E Politano al 90esimo segna saltando pure il portiere, e si capisce che nell’aria c’è la più sublime ispirazione. Finisce 4-0. Senza storia sul campo ma con la Leggenda che si è appena battezzata nello Stadio Diego Armando Maradona.

fonte sscnapoli