Gattuso: “Errori sui gol, ma abbiamo reagito bene” "Bisogna tenere su la testa e guardare avanti"

“Abbiamo reagito bene, un’altra squadra stasera poteva subire 4-5 gol”. Gennaro Gattuso commenta la sconfitta del Napoli a Bergamo in semifinale di Coppa Italia.

“All’inizio sono stati nettamente superiori loro, noi abbiamo sbagliato sui gol e siamo andato sotto per 2-0. A quel punto avremmo potuto soccombere e invece siamo stati bravi a reagire e rientrare in partita. Nella ripresa ci siamo espressi bene, potevamo anche pareggiare, poi nel finale l’Atalanta ha segnato il terzo gol. Adesso bisogna tenere alta la testa e guardare avanti. Bisogna recuperare uomini e condizione e pensare già alla Juventus”.

Sul rientro dall’inizio di Osimhen: “Non è facile essere al top dopo 94 giorni di stop. Gli manca ancora lo scatto, sua dote principale, ma sta progredendo gradualmente. Può fare molto di più”.

fonte sscnapoli

 

Coppa Italia amara, Napoli eliminato Azzurri battuti 3-1 dall'Atalanta

Napoli: Ospina, Di Lorenzo, Maksimovic, Rrahmani, Hysaj (42′ Mario Rui), Elmas (46′ Politano), Bakayoko (64′ Demme), Zielinski (64′ Lobotka), Lozano, Insigne, Osimhen (79′ Petagna). A disp.Meret, Contini, Fabian Ruiz, Zedadka, Cioffi, Costanzo. All.Gennaro Gattuso

Atalanta: Gollini, Toloi, Palomino (72′ Caldara), Djimsiti, Gosens, De Roon, Freuler, Sutalo, Pessina (90′ Pasalic), Muriel (56′ Ilicic), Duvan Zapata. All. Gian Piero Gasperini

Arbitro: La Penna di Roma
Marcatori: 10′ Duvan Zapata, 16′ Pessina, 53′ H. Lozano, 78′ Pessina
Note: ammoniti Palomino, Zielinski, Di Lorenzo, Insigne

Bergamo – L’Atalanta batte il Napoli per 3-1 e va in finale di Coppa Italia. La Dea in meno di 20 minuti mette le mani sulla partita con un diagonale di Duvan e un sinistro in area di Pessina. Gli azzurri devono correre in salita per tutta la serata ma non mollano il manubrio e si rimettono in pista poco prima dell’ora di gioco con un guizzo di Lozano, tra i migliori in campo in assoluto. E a un quarto d’ora dalla fine la palla buona arriva sul tracciante di Demme che crossa per Osimhen: spaccata in area e gran riflesso di Gollini che chiude la porta e salva il risutato. Nel finale la Dea chiude la storia con la doppietta, pregevole, di Pessina per il 3-1. Atalanta in finale di Coppa Italia. Napoli che ricomincia in campionato con il match contro la Juventus sabato allo Stadio Maradona.

fonte sscnapoli

Covid, 1.635 nuovi casi in Campania Su oltre 20mila tamponi

Positivi del giorno: 1.635 (di cui 129 casi identificati da test antigenici rapidi)
di cui
Asintomatici: 1.421
Sintomatici: 85
* Sintomatici e Asintomatici si riferiscono ai soli positivi al tampone molecolare
Tamponi del giorno: 20.912 (di cui 2.898 antigenici)
Totale positivi: 236.231 (di cui 2.462 antigenici)
Totale tamponi: 2.589.633 (di cui 50.231 antigenici)
Deceduti: 26 (*)
Totale deceduti: 3.954
Guariti: 1.191
Totale guariti: 166.526
* 14 deceduti nelle ultime 48 ore, 12 deceduti in precedenza ma registrati ieri.
Report posti letto su base regionale:
Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656
Posti letto di terapia intensiva occupati: 103
Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (**)
Posti letto di degenza occupati: 1.486
** Posti letto Covid e Offerta privata.

Terra dei fuochi, il report: tumori legati ai rifiuti C'è una relazione causale, o anche di concausa, tra la presenza di siti di rifiuti incontrollati e l'insorgenza di alcune patologie

Terra dei fuochi, i tumori sono legati ai rifiuti. La conferma arriva direttamente nel report elaborato dalla Procura e dall’Istituto Superiore di Sanità. Difatti c’è una relazione causale, o anche di concausa, tra la presenza di siti di rifiuti incontrollati sul territorio dei comuni delle province di Napoli e Caserta ricompresi nella cosiddetta Terra dei Fuochi, e l’insorgenza di alcune patologie, come il tumore alla mammella, l’asma, le varie forme di leucemie, le malformazioni congenite. Il dato è stato confermato dal rapporto conclusivo dei lavori dell’accordo che la Procura di Napoli Nord – l’ufficio giudiziario ha sede ad Aversa (Caserta) – stipulò nel giugno 2016 con l’Istituto Superiore di Sanità.

Il report è stato presentato in un incontro on line al quale hanno partecipato il procuratore di Napoli Nord Francesco Greco, il Procuratore Generale di Napoli, Luigi Riello, e il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro.

Frana sul raccordo Avellino-Salerno Traffico bloccato in entrambi i sensi di marcia

Nella tarda mattinata  i Vigili del Fuoco di Avellino sono intervenuti sul raccordo autostradale Avellino – Salerno, al Km. 28,600, per una frana che ha interessato entrambi i sensi di marcia, tra Serino ed Atripalda. La squadra del Comando di via Zigarelli prontamente giunta sul posto, ha immediatamente verificato che non vi fossero persone coinvolte, e ha messo in sicurezza l’area, facendo intervenire gli enti preposti per avviare i lavori per il ripristino delle carreggiate sia in direzione Avellino che Salerno.

Crescita record per la Bcc Terra di Lavoro Il presidente Ricciardi: "Merito della nostra grande squadra"

Il Consiglio di Amministrazione della BCC Terra di Lavoro “S. Vincenzo de’ Paoli”, presieduto dal Dott. Roberto Ricciardi, nella seduta dell’8 febbraio ha approvato il Bilancio Consuntivo 2020 che conferma l’impegno dell’Istituto bancario a favore del territorio. Crescita a doppia cifra per le masse che hanno superato i 700 milioni di euro registrando un incremento rispetto al 2019 del 14,6%. Gli Impieghi Lordi (vale a dire i finanziamenti alla clientela) hanno raggiunto i 243,7 milioni di euro (+7,44%), la Raccolta Diretta 387 milioni di euro (+20,95% rispetto al 2019 e +28,31% rispetto al 2018), la Raccolta Indiretta (al valore di mercato) 86,5 milioni di euro (+9,8 sul 2019). Un anno storico non solo per la pandemia. Nonostante l’esigenza di accantonamento, per i rischi sul credito deteriorato, ulteriormente elevato per gli effetti congiunturali dovuti al COVID-19 per oltre 3,5 milioni di euro, l’esercizio 2020 è stato chiuso con risultato positivo. Contro ogni previsione della Capogruppo ICCREA che stimava per l’intero gruppo (132 BCC in tutta Italia) una perdita di circa 90 milioni di euro e per la Terra di Lavoro circa 900mila euro per l’esigenza di un coverage sul deteriorato di maggiore entità, la BCC di Casagiove ha conseguito un utile ante imposte di 930mila euro e netto di 835mila euro. La straordinarietà dell’esercizio chiuso, oltre alla pandemia che nello scorso mese di ottobre colpì duramente anche la stessa struttura bancaria con circa 13 casi di cui addirittura 2 ospedalizzati, è stato il recupero realizzato nel secondo semestre dell’anno. Qualche numero per comprendere meglio: il Margine di Intermediazione nel 2020 ha sfiorato i 14 milioni di euro rispetto al 2019 (+9,4%) e rispetto al 2018 (+19,36%). Questo dato esprime la capacità reddituale della banca fondamentale in un periodo di tassi che sfiorano lo zero. Le spese amministrative si sono ridotte del 2% rispetto all’anno precedente con il positivo risvolto di un Cost Income (rapporto tra costi amministrativi e margine d’intermediazione) del 68,56%, tra i più bassi della categoria. Anche questo dato esprime in sintesi la bontà e l’estrema oculatezza della gestione. Per comprendere meglio basti pensare che questo rapporto era del 75,59% nel 2018 e del 74,68% nel 2019. Il Cost Income è uno dei principali indicatori dell’efficienza gestionale della banca: minore è il valore espresso da tale indicatore, maggiore è l’efficienza della banca. Altro dato da cui è possibile valutare un istituto bancario è l’entità del credito deteriorato ed il relativo coverage. La classificazione stabilita dalle autorità prevede tre gradi di gravità: scaduto, inadempienze probabili e sofferenze. La BCC Terra di Lavoro ha contenuto il valore complessivo delle partite deteriorate in 18 milioni di euro rispetto ai 23,8 del 2019 (-24,20%) e rispetto al 2018 (-34,24) con un tasso di copertura sulle sole sofferenze del 69,69%, in linea con le indicazioni della Capogruppo. Le sofferenze al netto degli accantonamenti rappresentano solo lo 0,7% degli impieghi vivi. Mai raggiunti dati di tale efficienza. Tutto ciò senza rinunciare alla nostra principale missione: sostenere il territorio. Questi i principali dati di sostegno a famiglie e imprese nel 2020: moratorie concesse a 383 famiglie per un valore di 22,9 milioni di euro e a 334 imprese per 31,6 milioni di euro; numero 1.260 pratiche finanziamenti di cui al Decreto Liquidità (garanzia Medio Credito Centrale) per un’erogazione complessiva di 40,4 milioni di euro. Neanche l’aspetto sociale, che risalta il nostro essere cooperativa che persegue il bene comune è stato trascurato: abbiamo donato all’Ospedale di Caserta attrezzature sanitarie (un posto di terapia intensiva completo), ai medici di famiglie distribuito nei primissimi giorni della pandemia i dispositivi di protezione individuale, ad alcune scuole i tablet per la didattica a distanza per gli alunni meno abbienti. “Tutto ciò è stato possibile – sottolinea il Presidente della banca Dott. Roberto Ricciardi –  a una Direzione Generale magistralmente rappresentata dal Dott. Antonio Francese e a una squadra di collaboratori nella quale ciascuno profonde impegno e dedizione alla banca, ma anche grazie alle decisioni e strategie di una governance all’altezza delle sfide che i tempi richiedono. Infine è doveroso riconoscere il prezioso supporto della Capogruppo ICCREA che, seppur nel rispettoso confronto, a volte anche duro, ma sempre costruttivo, conferisce alle BCC affiliate strumenti per renderle sempre più efficienti ed attrezzate ad operare in un sistema iper regolamentato e sempre più complesso. Adesso – conclude il Presidente Ricciardi – siamo nuovamente ai nastri di partenza per un 2021 nel quale la banca festeggerà il centenario (1921-2021) di vita sociale. Ci si augura solo che le restrizioni sociali non impediscano la realizzazione di eventi per celebrare l’importante ricorrenza”.

Furto in un centro di accoglienza, quattro denunce I ladri fermati dai Carabinieri

Non si ferma la controffensiva posta in essere dal Comando Compagnia dei Carabinieri di Solofra per il contrasto ai reati predatori.

A finire questa volta nella rete dell’Arma, quattro persone (di età compresa tra i 30 ed i 65 anni e residenti nel capoluogo irpino) denunciate perché ritenute responsabili del reato di furto aggravato.

I fatti si sono verificati ieri pomeriggio a Sorbo Serpico.

Sfortunatamente per loro, l’azione delittuosa è stata notata da una persona che, a testimonianza dell’inestimabile valore aggiunto offerto dalla partecipazione della collettività al bene comune della sicurezza e della legalità, non ha esitato ad allertare il “112”.

Ricevuta la segnalazione, i militari in servizio alla Centrale Operativa hanno subito disposto l’invio di una pattuglia della Stazione di Salza Irpina, già impegnata in quell’area nell’ambito di un normale servizio di perlustrazione.

L’equipaggio della “Gazzella”, tempestivamente giunto sul posto, blocca i quattro soggetti mentre stanno caricando su un autocarro degli arredi da cucina industriale appena asportati da un centro di accoglienza in disuso.

Alla luce delle evidenze emerse, per i quattro soggetti è scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

La refurtiva, interamente recuperata, è stata restituita all’avente diritto.

Si sensibilizzano i cittadini a continuare a segnalare tempestivamente al “112”, Numero Unico Europeo per le Emergenze, situazioni inconsuete nonché veicoli o persone sospette.

Abitazione in fiamme, donna in salvo Paura questa mattina a Sperone

Questa mattina i Vigili del Fuoco di Avellino sono intervenuti nel comune di Sperone in via Santa Croce, per un incendio che si è sviluppato all’interno di un’abitazione residenziale. Due le squadre inviate sul posto dalla sala operativa del Comando di via Zigarelli, le quali hanno avuto non poche difficoltà a raggiungere la casa ubicata in un vicolo stretto. Le fiamme localizzate in una stanza, sono state spente mettendo in sicurezza la struttura. La donna presente al momento dell’accaduto, non ha subito conseguenze.

Maltempo, situazione drammatica a Celzi di Forino La frazione è completamente allagata

Da ieri mattina Avellino e l’intera provincia sono oggetto di una perturbazione a carattere temporalesco, che ha provocato allagamenti e disagi in molti comuni. I Vigili del Fuoco di Avellino sono impegnati in diversi interventi. La situazione più critica si è registrata alla frazione Celzi, nel comune di Forino, dove si sta dando assistenza alle persone del posto, per l’allagamento dell’intera frazione.

1 2