Gattuso: “C’è rammarico ma anche orgoglio” "Adesso dobbiamo dare tutto in campionato"

“C’è tanto rammarico per questa eliminazione, ma anche orgoglio per aver lottato stasera”. Gennaro Gattuso analizza il match contro il Granada.

“Purtroppo anche stasera abbiamo preso un gol assurdo ed evitabile. Però poi non ricordo nessun altro pericolo creato dal Granada. Noi invece abbiamo avuto varie occasioni per rimettere la qualificazione in gioco.

Anche con l’assenza di tanti uomini abbiamo dimostrato di avere qualcosa in più di loro e questo è certamente un motivo di orgoglio per come si è espressa oggi la squadra.

Adesso non bisogna deprimersi. Bisogna guardare avanti, attendere che si rimettano in sesto alcuni uomini importanti per essere al completo e dare il massimo in campionato.

Mancano ancora 16 partite e la strada è lunga. Ci sono obiettivi in ballo e noi possiamo essere competitivi se abbiamo la rosa al completo.

Stasera  – conclude Gattuso – sono arrabbiato per la direzione di gara. Si è giocato pochissimo per perdite di tempo degli spagnoli. L’arbitro doveva tutelarci, ci vuole rispetto a questi livelli”.

fonte sscnapoli

Europa League, la vittoria non basta: Napoli eliminato Allo stadio Maradona finisce 2-1 per gli azzurri

Napoli: Meret, Maksimovic (46′ Ghoulam), Koulibaly, Rrahmani, Di Lorenzo, Fabian Ruiz, Bakayoko, Elmas (60′ Mertens), Zielinski, Insigne, Politano. A disp.Contini, Idasiak, Zedadka, Labriola, Mario Rui,  Lobotka, D’Agostino, Costanzo, Cioffi. All.Gennaro Gattuso

Granada: Rui Silva, Folquier, German, Duarte, Neva (46′ Perez), Montoro (83′ Vallejo), Brice Eteki, Machis, Gonalons (46′ Diaz), Kenedy, Molina (83′ Soldado). All. Diego Martínez Penas

Arbitro: Siebert (Russia)
Marcatori: 3′ P. Zielinski, 25′ Montoro, 59′ F. Ruiz
Note: Politano, Kenedy, Montoro, Duarte, Maksimovic, Bakayoko, Koulibaly, Foulquier, Herrera

NAPOLI – Il Napoli batte il Granada ma non basta per passare il turno. Gli azzurri vincono 2-1 e sono gli spagnoli a qualificarsi per gli ottavi forti del 2-0 conquistato in Andalusia. Il match si apre bene con il bellissimo quanto fulmineo gol di Zielinski. Piotr si inventa una penetrazione palla al piede e poi infila un sinistro potente e preciso. Il Granada però pareggia prima della mezzora con uno stacco di Montoro. Da lì è tutto Napoli. Traversa di Insigne al 35′, occasione per Elmas al 52′, gol del 2-1 di Fabian all’ora di gioco. Poi assalto all’arma azzurra con l’area spagnola sotto attacco. Al 90esimo colpo di testa di Ghoulam che Rui Silva respinge sulla linea. Poteva essere lo sprint per i 7 minuti di recupero finale. Resta la generosità e l’orgoglio. Napoli fuori dalla Europa League. Si ricomincia domenica con la corsa in campionato nel derby contro il Benevento.

fonte sscnapoli

Covid, 2.385 nuovi casi in Campania Su quasi 24mila tamponi

Positivi del giorno: 2.385 (di cui 278 casi identificati da test antigenici rapidi)
di cui
Asintomatici: 1.959
Sintomatici: 148
* Sintomatici e Asintomatici si riferiscono ai soli positivi al tampone molecolare
Tamponi del giorno: 23.649 (di cui 3.897 antigenici)
Totale positivi: 260.324 (di cui 5.072 antigenici)
Totale tamponi: 2.865.932 (di cui 94.787 antigenici)
Deceduti: 29 (*)
Totale deceduti: 4.248
Guariti: 1.214
Totale guariti: 183.104
* 15 deceduti nelle ultime 48 ore, 14 deceduti in precedenza ma registrati ieri
Report posti letto su base regionale:
Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656
Posti letto di terapia intensiva occupati: 131
Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (**)
Posti letto di degenza occupati: 1.305
** Posti letto Covid e Offerta privata.

Bcc, Manzo: “Ecco la mia idea di economia sostenibile” Intervista al presidente della Banca di Credito Cooperativo di Napoli

E’ l’artefice di un miracolo economico. Un pioniere delle new economy, della banca di prossimità, dell’istituto di credito vicino ai cittadini. Senza più distanze, senza barriere, con quel rating umano che ormai è diventato un must, una filosofia creditizia. I risparmiatori, i loro interessi, prima di tutto. A prescindere dalla capacità economica, a prescindere dagli investimenti. Pari dignità a tutti. Una sorta di banca del popolo. Nessuno slogan o spot, i fatti parlano chiaro. La Banca di Credito Cooperativo di Napoli, del gruppo Iccrea, ormai da anni è una realtà in crescita, nonostante la crisi, i bilanci, in tutte le loro voci, sono positivi. Lungimiranza, passione, professionalità e amore per la propria terra. Questa la ricetta di Amedeo Manzo, presidente della Bcc di Napoli. Una vita spesa per rendere l’istituto di credito vicino e accessibile ai cittadini.

Presidente, quale, in questo momento, lo stato di salute dell’economia?

“Viviamo un momento epocale nel quale la condizione sanitaria si è trasformata in patologia economica. E dove la classe imprenditoriale è chiamata a fare i conti con una nuova economia, con nuove regole, con scenari diversi. In quest’ambito, il Credito Cooperativo Nazionale in Campania e a Napoli, ha deciso di continuare a sostenere l’economia reale, lasciando da parte quella virtuale, schierandosi nettamente dalla parte di chi fa, di chi soffre, di chi costruisce. Senza paura del futuro, rischiando di proprio, ma con al centro l’interesse della comunità”.

Dunque, si può parlare di economia sostenibile?

“Certo. Per poter essere vicini alle famiglie, alle piccole e piccolissime imprese, le start up, i giovani, è necessario rispettare i sempre più rigidi parametri che la vigilanza Europea prevede per le banche, di qualsiasi dimensione esse siano. Pertanto, un modello di banca di comunità per poter continuare a sostenere il territorio, deve porre in essere, un sempre più accentuato processo di efficienza. Come dire, che per essere “una banca buona bisogna essere una buona banca”, quindi bisogna sempre più privilegiare, un modello di banca proiettato ai servizi ma senza perdere l’obiettivo principale che è quello di sostenere l’economia”.

Quali i progetti futuri della Bcc di Napoli?

“Il programma che la Bcc di Napoli porterà avanti nei prossimi anni è quello di essere sempre più vicini alle persone, considerando importante e centrale il rapporto con l’uomo e quindi l’applicazione del rating umano. Ciò si realizzerà attraverso l’apertura di nuove ed ulteriori filiali che andranno ad aggiungersi alla sede storica di via Cervantes e alla nuova apertura della filiale di Chiaia. Apriremo ancora al centro, al Vomero, in provincia, sia a Nord che a Sud, perché pensiamo che al processo di digitalizzazione vada accompagnato un progetto “di umanizzazione del credito”, l’uomo guida i processi utilizzando, sicuramente l’innovazione, ma non facendosi guidare dalle macchine”.

Presidente, per chiudere, quali consigli si sente di dare ai risparmiatori in questo momento di grandissima crisi?

“I risparmiatori devono pensare di conservare il proprio capitale abbandonando gli ideali di profitto rischiosi, ma, soprattutto, investendo in banche di comunità che possano alimentare la spirale positiva dello sviluppo delle economie locali, che guardano al mondo ma che devono avere radice nelle comunità locali poiché bisogna fare in modo che i nostri giovani dopo aver studiato e fatto esperienza nel mondo possano sviluppare impresa nella nostra Italia”.

Gelmini: “Nuove regole anti covid in vigore da lunedì” La ministra delle Autonomie: "Per agevolare la programmazione delle attività economiche"

“Il sistema dei parametri si può affinare, ma probabilmente non con il decreto in arrivo, ci vorrà un tavolo tecnico. In ogni caso, per rendere più agevole la programmazione delle attività economiche, le chiusure non entreranno più in vigore di domenica ma di lunedì”. Così la ministra delle Autonomie Mariastella Gelmini, durante il vertice in corso tra governo ed enti locali.

Molesta e minaccia una donna, arrestato Un 35enne già detenuto ai domiciliari

I Carabinieri della Stazione di Atripalda hanno dato esecuzione all’ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio di Sorveglianza del Tribunale di Avellino, nei confronti di un 35enne del posto, già detenuto ai domiciliari.

Tale provvedimento è scaturito per avere, con condotta reiterata, molestato e minacciato una donna, procurandole un fondato timore per la sua incolumità.

La puntuale refertazione all’Autorità Giudiziaria ha fatto dunque scattare la sostituzione della misura cautelare in corso con quella maggiormente restrittiva della custodia in carcere.

Successivamente alla notifica del provvedimento, il 35enne è stato tradotto alla Casa Circondariale di Bellizzi Irpino.

Il risultato operativo è strettamente collegato alla capillare attività di controllo del territorio quotidianamente svolta, tesa a garantire sicurezza e rispetto della legalità.

Attacco in Congo, funerali di Stato per Attanasio e Iacovacci Il vicario del Papa durante l'omelia: "Strappati da questo mondo da artigli di una violenza feroce"

Funerali di Stato per l’ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci uccisi in un agguato in Congo. I feretri, avvolti nel tricolore, sono stati trasportati nella chiesa dai carabinieri del 13/o reggimento. Presenti il presidente del Consiglio Mario Draghi, i ministri Lorenzo Guerini, Luigi Di Maio, Luciana Lamorgese, Giancarlo Giorgetti e i presidenti di Camera e Senato Roberto Fico e Maria Elisabetta Casellati, oltre alle famiglie degli scomparsi.

“Luca Attanasio e Vittorio Iacovacci sono stati strappati da questo mondo da artigli di una violenza feroce, che porterà altro dolore. Dal male viene solo altro male”. Così il vicario del papa Angelo De Donatis durante l’omelia.

1 2