martedì, Dicembre 6, 2022
HomeFoodLa storia della cioccolata calda fino ai nostri giorni

La storia della cioccolata calda fino ai nostri giorni

Di Alessandra Orabona

Durante una fredda e piovosa giornata invernale non c’è niente di meglio che sorseggiare una fumante cioccolata calda, la bevanda che da sempre incontra il gusto delle civiltà di tutto il mondo.

Sembra proprio che si debbano ringraziare addirittura i Maya per la sua invenzione, anche se la loro versione, per loro una vera prelibatezza da consumare solo durante le ricorrenze speciali, era decisamente troppo piccante e amara per i nostri palati moderni: la bevanda, ribattezzata “xocoatl”, veniva, infatti, ricavata dalla miscela di cacao, fagioli, acqua e un pizzico di pepe.

In Europa si incominciò a parlare di cioccolata calda già nel XVI secolo, quando i pionieri alla scoperta dell’America raccontavano di aver assistito alla preparazione di un miscuglio a base di cacao macinato a pietra, messo in tazza e disciolto in acqua, talvolta con un poco di pepe o di spezie. Tuttavia, fu solo a partire dal XVII secolo che divenne una delle bevande più in voga nei salotti dell’aristocrazia spagnola, nei quali veniva preparata con una miscela di cacao, acqua, zucchero, vaniglia e cannella. Da lì a poco, negli ambienti aristocratici italiani si sperimentarono diverse modifiche, aggiungendo a piacere aromi floreali (come il gelsomino) o fruttati, come il cedro o il limone.

Alla fine del XVII secolo la variante giamaicana, definita la “bevanda degli dei” e composta da polvere di cacao pura sciolta in acqua bollente, fu introdotta nel Regno Unito con l’aggiunta del latte caldo, che conquistò il palato dell’aristocrazia locale. Bisognerà attendere la fine dell’800 per assistere alla produzione industriale del cacao in polvere, confezionato per la prima volta nei Paesi Bassi, cui è seguita la lavorazione delle prime barrette in stato solido.

Una menzione a parte merita il “champurrado”,  la golosa versione messicana a base di cioccolato, acqua, latte, cannella  e farina di mais bianco locale, che viene solitamente servita in apposite tazze di ceramica colorata.

 

ARTICOLI CORRELATI

I più recenti