19 anni fa l’attacco alle Torri Gemelle A New York la commemorazione delle 2977 vittime

Martedì 11 settembre 2001, nulla sarebbe stato come prima. Due aerei dirottati si schiantano contro le Torri gemelle, la Nord e la Sud del World trade center, a New York. Nel giro di 102 minuti entrambi gli edifici crollano. I detriti e gli incendi provocano, poi, la distruzione parziale o totale, di tutti gli altri edifici del complesso situato a Manhattan. Un terzo aereo viene fatto schiantare contro il Pentagono. Un quarto aereo, invece, viene inizialmente dirottato verso Washington ma precipita, invece, in un campo nei pressi di Shanksville in Pennsylvania, a seguito della rivolta dei passeggeri. 2977 le vittime e 6mila i feriti degli attacchi terroristici di Al-Qaida. Da allora, come ogni anno, si è svolta a New York la commemorazione delle vittime alla presenza dei familiari che hanno letto i nomi delle persone che 19 anni fa hanno perso la vita.

Accordo storico tra Israele ed Emirati Arabi Uniti Un piano di pace il Medio Oriente

Svolta storica per la pace nel Medio Oriente. E’ stato elaborato un piano con Israele che sarebbe pronto a rinunciare alla discussa sovranità sulla Cisgiordania, territori occupati ormai da oltre 50 anni. L’accordo è stato annunciato dal presidente degli States, Donald Trump, che ha dato conto dell’inizio delle relazioni diplomatiche tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti. Si tratta di “un accordo storico” secondo i partecipanti all’intesa, che hanno rilasciato una dichiarazione congiunta.

Covid, Putin: “La Russia ha registrato il primo vaccino” Il presidente ha rivelato che alla figlia è già stato somministrato

Il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato che il ministero della Sanità ha registrato il primo vaccino contro il coronavirus nel mondo e che sua figlia ne ha già ricevuto una dose. Lo riferiscono alcune fonti di stampa locali. Il vaccino è stato sviluppato dall’Istituto Gamaleya di Mosca. Putin, inoltre, ha rivelato che alla figlia è già stato somministrato il vaccino, che le ha procurato una leggera febbre, sparita poco tempo dopo. “Stamattina è stato registrato il vaccino contro il coronavirus per la prima volta al mondo”, ha dichiarato il presidente russo in una riunione di governo. “So che il vaccino funziona in modo abbastanza efficace, garantisce un’immunità stabile e, ripeto, ha superato tutti i controlli”.

Coronavirus: America più divisa che mai sulle misure da adottare Orrore in una casa di riposo nel New Jersey. Morti e contagi continuano a crescere. Insorgono Texas e Virginia

da New York, Loredana Speranza.

27 Aprile 2020 – I casi di contagio accertati da COVID-19, in America, sono saliti a oltre 870mila ed i decessi a più di 50mila, superando così l’Italia e la Spagna. Le zone più colpite sono la città di New York, con 15mila morti, e lo stato del New Jersey, con quasi 4mila Continua a leggere

Passaggio a nord-est: tornano alla normalità i Paesi della Mitteleuropa Più risparmiata rispetto al resto del continente, l'Europa centrale inizia il suo ritorno alla normalità, dai brico-center allo sport

da Berlino, Fritz M. Gerlich.

22 Aprile 2020 – Il coronavirus ha cambiato le nostre vite e limitato enormemente le nostre attività quotidiane. In Germania la cancelliera Merkel ha di recente annunciato quali misure potrebbero essere allentate in futuro. Anche qui il mondo è rimasto fermo per settimane a Continua a leggere

Israele, il Paese sempre in guerra, piegato alle ragioni del coronavirus La Pasqua ebraica si celebra in un’atmosfera surreale al punto che tutti i tradizionali appuntamenti sono saltati. Per la cena di Seder, che dà inizio e chiude la festa di Pesach, gli smartphone e i computer erano al centro della tavola, eccezionalmente autorizzati dai rabbini

da Gerusalemme, Nello Del Gatto*.

20 Aprile 2020 – E’ una Pasqua silenziosa e strana quella che sta vivendo Gerusalemme. La città del libro, dei tre libri (considerando il Vangelo uno di questi), delle tre religioni e numerose fedi, la città di Davide, di Gesù e di Maometto da giorni vive, come il resto del mondo, in un tempo sospeso. Continua a leggere

La lettera di Conte alla Von Der Layen: UE alla prova dell’ordalia «Guardiamo il futuro con gli occhi della solidarietà e non col filtro degli egoismi». Al di là delle pompose affermazioni di alcuni governi, nessuno può ritenersi salvo

di Antonio Aghilar.

Roma, 7 Aprile 2020 – L’ordalia (pronunciato: ordàlia orˈdalja alla latina o ordalìa ordaˈlia alla francese, dal latino medievale ordalium e dal longobardo ordaïl che significa “giudizio di Dio) è un’antichissima credenza giuridica, ampiamente praticata anche dai popoli Continua a leggere

Yemen, la minaccia del coronavirus nel paese piegato dal colera e dai conflitti Oxfam: vicina una catastrofe irreversibile. Negli ultimi 5 anni bombardate più di 140 strutture sanitarie

di Danilo Gervaso.

Roma, 2 Aprile 2020 – A cinque anni dall’inizio della guerra non sembra esserci fine alla sofferenza dello Yemen, con l’inasprimento dei combattimenti nelle ultime settimane, l’arrivo della stagione delle piogge, la chiusura dei confini dovuta alla pandemia da Covid19. Continua a leggere

Coronavirus, il ‘nemico invisibile’ che fa tremare gli USA Medici e posti letto non sono sufficienti a fronteggiare il picco. Lentezza nei test. La più grande potenza mondiale mostra tutta la sua fragilità. Lockdown per molte città

da New York, Loredana Speranza.

23 Marzo 2020 – Credo che la maggior parte degli americani considerasse il coronavirus solo come una crisi d’oltreoceano, e che una volta chiuse le frontiere il problema si sarebbe risolto da sé. I discorsi del Presidente Trump, nelle settimane precendenti, non avevano di Continua a leggere

1 2 3 26