Haiti, uccisi quattro presunti assassini del presidente

I presunti assassini del presidente haitiano, Jovenel Moise, sono stati arrestati dalla polizia. Il direttore generale ha annunciato che quattro mercenari coinvolti nell’omicidio sono stati uccisi e altri due sono stati arrestati. Liberati, invece, tre poliziotti che erano stati presi in ostaggio.

 

Haiti, ucciso il presidente Moise

Il presidente di Haiti, Jovenel Moise, è stato ucciso. Moise è stato assassinato nella sua abitazione da un commando formato da “elementi stranieri”, ha detto il primo ministro uscente Claude Joseph, aggiungendo che da questo momento ha assunto egli stesso le redini del Paese.

Russia, aereo con 28 persone a bordo sparisce dai radar

Un aereo con 28 persone a bordo è sparito dai radar mentre sorvolava la Russia Orientale.

Secondo quanto riportato dalle agenzie russe, le autorità hanno riferito di aver perso i contatti con un aereo sul quale viaggiavano 28 persone, tra cui sei membri dell’equipaggio e due bambini.

 

Filippine, precipita aereo militare con 85 persone a bordo

Tragedia nelle Filippine dove un aereo militare filippino è precipitato nel Sud del Paese, con a bordo almeno 85 persone. Lo ha reso noto il capo delle Forze armate spiegando che finora 40 persone sarebbero state tratte in salvo dai rottami del C-130.

Caldo assassino in Canada

Caldo assassino in Canada. Le temperature continuano ad aumentare causando centinaia di morti.

Il caldo record sta favorendo anche gli incendi boschivi, causati forse: sono diversi i roghi che hanno costretto il governo federale a inviare gli aerei militari per aiutare i soccorritori nella Columbia Britannica.

Caldo estremo in Canada, decine di morti

Canada nella morsa del caldo. Stabilito ieri un nuovo record: per il terzo giorno consecutivo sono stati registrati 49,5 gradi a Lytton, un villaggio a nordest di Vancouver, nel bel mezzo di un’ondata di calore che sarebbe all’origine di decine di morti improvvise segnalate negli ultimi giorni nella regione.

Variante Delta, in Francia il 20% dei casi

“La variante Delta rappresenta circa il 20% dei nuovi casi diagnosticati in Francia e diventa progressivamente dominante. Progredisce rispetto ad altri virus. Occorre restare molto vigili”. Così il ministro francese della Salute, Olivier Véran, intervenendo a radio France Info.

1 2 3 34