Una slot machine per amica Solitudine ed esclusione sociale spingono a giocare e a trascorrere piu' tempo con le “macchinette mangiasoldi”, lo dimostra una ricerca realizzata dall’Universita' di Milano-Bicocca. Esiste gia' un'app per verificare quanto si "gioca" in ogni comune italiano

di Pierluca Mandelli.

Milano, 6 agosto 2018 – Un’inchiesta del Gruppo L’Espresso, pubblicata a marzo scorso, rivelava che gli italiani buttano un miliardo di euro al mese nelle slot machine; una media di circa 420 euro a testa ogni anno, con una tendenza all’aumento.

Una ricerca dell’Università di Milano-Bicocca Continua a leggere

Un anno neifatti

Oggi neifatti.it compie un anno. Il suo primo anno di vita. Conservo tra i ricordi migliori l’emozione dei giorni che precedevano il lancio.

Un anno in cui personalmente mi sono divertito, ho ritrovato la passione per il mestiere che ho scelto tanto tempo fa e ho riassaporato il gusto di scrivere; ma anche di leggere, grazie a quelle storie che abbiamo pubblicato, che cronisti – per lavoro o per diletto – hanno fiutato, ricostruito e redatto per noi.

Inutile, oggi, parlare di sfida, risultati, obiettivi. Nel Paese in cui si legge pochissimo, con i media tradizionali in crisi (cronica) e il far west dell’online, avere spento la prima candelina è già motivo di grandissima soddisfazione. Questo non vuole essere un bilancio né un elenco di buoni propositi.

Mi piacerebbe, invece, che fosse un modo per ringraziare tutti coloro che dal primo giorno hanno creduto in questa idea, sostenendoci, aiutandoci, collaborando.

Un grazie a ogni singola persona che ha fatto girare gli articoli del nostro magazine attraverso i social e a chi ci ha aiutato a far crescere la pagina facebook di neifatti.it (https://www.facebook.com/neifatti.it/ abbiamo anche l’account twitter @neifatti) condividendo e coinvolgendo amici virtuali.

Grazie a chi ha impreziosito il giornale con il proprio contributo di articoli, foto, video, segnalazioni e a chi continuerà a seguirci, sostenerci, spronarci.

Continueremo a lavorare seguendo questo stile, fatto di notizie e di storie. Il circo dell’informazione lo lasciamo volentieri ad altri. (mdm)

Un anno fa

neifatti.it ©

Gli scienziati analizzano il primo DNA umano antico del Sud-est asiatico Le prime analisi dell'intero genoma dell'antico DNA umano dal Sudest asiatico rivelano che ci sono state almeno tre grandi ondate di migrazione umana nella regione negli ultimi 50.000 anni

di Teresa Terracciano.

Vienna, 28 Maggio 2018 – Il lavoro dei ricercatori illumina un’altra parte della storia delle antiche dinamiche demografiche in tutto il mondo, unendo numerosi studi sul DNA antico dell’Europa e una fiorente ricerca dal Vicino Oriente, dall’Asia Centrale, Isole del Pacifico e Africa.

Un team internazionale guidato da ricercatori dell’Università di Vienna ha estratto e analizzato il DNA dai resti di 18 persone che hanno vissuto tra circa 4.100 e 1.700 anni fa in quello che oggi sono il Vietnam, la Thailandia, il Myanmar e la Cambogia.

I ricercatori hanno scoperto che la prima migrazione è avvenuta circa 45.000 anni fa, coinvolgendo persone che divennero cacciatori-raccoglitori.

Poi, durante il periodo neolitico, circa 4500 anni fa, ci fu un grande afflusso di persone proveniente dalla Cina che introdussero pratiche agricole nel Sud-est asiatico e si mischiavano con i cacciatori-raccoglitori locali.

Oggi le popolazioni con questo mix di antenati tendono a parlare lingue austroasiatiche, portando i ricercatori a proporre che i contadini venuti dal nord ne fossero i primi parlanti.

«Questo studio rivela una complessa interazione tra archeologia, genetica e linguistica, che è fondamentale per comprendere la storia delle popolazioni del Sud-est asiatico», ha detto l’autore Ron Pinhasi dell’Università di Vienna.

La ricerca dimostra che le successive ondate migratorie durante l’età del bronzo, sempre dalla Cina, arrivarono in Myanmar circa 3000 anni fa, in Vietnam di 2000 anni fa e in Thailandia negli ultimi 1.000 anni. Questi movimenti hanno introdotto tipi di discendenza che sono oggi associati a parlanti di lingue diverse.

L’identificazione di tre popolazioni ancestrali – cacciatori-raccoglitori, primi contadini e migranti dell’età del bronzo – riecheggia un modello scoperto per la prima volta negli antichi studi sul DNA degli europei, ma con almeno una delle principali differenze: gran parte della diversità ancestrale in Europa è svanita quando le popolazioni si mescolavano, mentre le popolazioni del Sud-est asiatico hanno conservato molte più variazioni.

«I quasi discendenti diretti di ciascuna delle tre popolazioni di origine vivono ancora oggi nella regione, compresi coloro con significative origini di cacciatori-raccoglitori che vivono in Thailandia, Malesia, Filippine e Isole Andamane», ha detto Reich, professore di genetica presso l’Harvard Medical School e co-autore dello studio.

Reich ipotizza che l’alta diversità del Sud-Est asiatico oggi possa essere in parte spiegata dal fatto che gli agricoltori sono arrivati ​​molto più recentemente che in Europa – circa 4.500 anni fa rispetto a 8000 anni fa – lasciando meno tempo alle popolazioni di mescolarsi e raggiungere certi livelli di variazione genetica.

Le nuove scoperte chiariscono che le molteplici ondate migratorie, ognuna delle quali si è verificata durante un periodo chiave di transizione della storia del Sud-est asiatico, hanno modellato la genetica della regione in misura notevole.

«Il maggior ricambio di popolazione che è arrivato con l’arrivo degli agricoltori non è sorprendente, ma le proporzioni di sostituzione durante l’età del bronzo sono molto più alte di quanto molti avrebbero immaginato», afferma Reich.

Anche inaspettate erano le implicazioni linguistiche sollevate dalle analisi della discendenza delle persone nell’Indonesia occidentale.

«Le prove suggeriscono che i primi agricoltori dell’Indonesia occidentale parlavano lingue austroasiatiche piuttosto che le lingue austronesiane parlate oggi», ha aggiunto Reich. Sembra chiaro, quindi, che le lingue austronesiane, invece, si siano diffuse attraverso arrivi successivi.

Ulteriori campioni dall’Indonesia occidentale prima e dopo 4000 anni fa dovrebbero risolvere la questione, conclude Reich.

Fonte per approfondimenti: AA. VV. Ancient genomes document multiple waves of migration in Southeast Asian prehistory. Science, 2018; eaat3188 DOI: 10.1126/science.aat3188

University of Vienna, Harvard Medical School

neifatti.it ©

Donazione di organi tra pazienti Hiv positivi anche in Italia «Eliminato un fattore di discriminazione senza alterare la sicurezza» ha detto Nanni Costa, direttore Centro Nazionale Trapianti

di Giulio Caccini.

Roma, 10 Marzo 2018 – «Tutti sanno che c’è un’enorme carenza di organi per il trapianto. Ci siamo appellati anno dopo anno alle persone per donare organi quando muoiono o quando muore una persona cara. È importante sollevare questo argomento con i pazienti, giovani e meno giovani. Continua a leggere

Dalle spedizioni marittime alla finanza avanzata: apre a Napoli il polo formativo del Sud Un network tra banche e società di consulenza strategica e 15 università in rete italiane e straniere, 48 business partner per l’erogazione di borse di studio: tutto questo è l’Ipe, che nel 2020 inaugurerà la nuova sede

di Ennio Tomasini.

Napoli, 23 Febbraio 2018 – Un network di 280 soggetti leader di mercato, tra banche e società di consulenza strategica e 15 Università in rete italiane e straniere, 48 business partner per l’erogazione di borse di studio, tre master consolidati (Finanza avanzata, Bilancio e Shipping), due di nuova costituzione (Risorse umane e Marketing), Continua a leggere

27 gennaio, la Germania si ferma a riflettere sugli orrori commessi dai “padri” Il Paese vuole evitare l'oblio delle memoria e in ogni città nascono manifestazioni, incontri, mostre e film. Nelle scuole però non si sente la necessità di racchiudere tutto in un giorno, ma si cerca una sana “prassi” del ricordo

da Berlino, Fritz M. Gerlich.

27 Gennaio 2018 – Sono trascorsi 73 anni dal 27 gennaio 1945, quando l’esercito dell’Armata rossa entrò nel campo di concentramento di Auschwitz, in Polonia. Il mondo in questi giorni si ferma e ricorda. Continua a leggere

Auguri! Che sia Natale tutto l'anno...

di Gianni Rodari *.

«Se ci diamo la mano

i miracoli si faranno

e il giorno di Natale

durerà tutto l’anno!».

*Tratto da Lo zampognaro, 1992

neifatti.it ©

1 2