Giornata mondiale del teatro, Franceschini: “Gli aiuti non si fermano” Il ministro: "Continueremo a sostenere le arti di scena"

“Oggi in tutto il modo si celebra il teatro e lo spettacolo dal vivo. In Italia doveva essere una giornata di festa, una data di una prima ripartenza. Purtroppo non è così: la grave emergenza sanitaria non ha consentito la riapertura di teatri e cinema, già prevista nelle zone gialle, essendo purtroppo tutta Italia in zona rossa o arancione. Questo non ha consentito le consuete celebrazioni e per il secondo anno consecutivo la giornata mondiale del teatro viene ricordata in tutto il mondo con i teatri chiusi. Ma arriverà presto il momento in cui riapriranno e fino ad allora quel momento continueremo a aiutare gli artisti, le maestranze e tutti gli operatori dello spettacolo e a sostenere con misure straordinarie le arti di scena”. Così il ministro della Cultura, Dario Franceschini, in occasione della giornata mondiale del Teatro.

Dantedì, tante le iniziative per una giornata speciale Alle 19:10 Roberto Benigni leggerà un canto della Divina Commedia al Quirinale

Tante le iniziative messe in campo nel giorno del “Dantedì” nell’anno in cui si celebrano i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri. Questa sera alle 19:10, in diretta su RaiUno, Roberto Benigni leggerà un canto della Divina Commedia al Quirinale.

“Dante – ha dichiarato il ministro Franceschini – ci insegna anche ad avere fiducia e credo che per quest’anno dovremo avere in mente davvero l’ultimo viaggio dell’Inferno e quindi uscimmo a riveder le stelle”.

Al via Sanremo, Amadeus: “L’ho fatto per il paese reale che sta cercando di ritrovarsi” Prima serata della 71esima edizione del Festival

Al via il 71esimo festival di Sanremo con Amedeus che è entrato in scena leggendo subito una lettera in cui ha spiegato i motivi che lo hanno spinto a fare il festival nonostante le tante difficoltà legate alla pandemia: “Mai avrei pensato che fosse possibile – ha affermato il conduttore e direttore artistico – Il festival è stato fatto pensando al paese reale, quello che sta lottando per ritrovarsi. Abbiamo scoperto che la normalità è una cosa straordinaria, e per ritrovarne un po’ abbiamo lavorato in maniera straordinaria”.

Pompei, altra straordinaria scoperta Il carro da parata di Civita Giuliana

“Il Parco Archeologico di Pompei e la Procura della Repubblica di Torre Annunziata, annunciano il rinvenimento di un reperto straordinario, emerso integro dallo scavo della villa suburbana in località Civita Giuliana, a nord di Pompei, oltre le mura della città antica, nell’ambito dell’attività congiunta, avviata nel 2017 e alla luce del Protocollo d’Intesa sottoscritto nel 2019, finalizzati al contrasto delle attività illecite ad opera di clandestini nell’area.

Un grande carro cerimoniale a quattro ruote, con i suoi elementi in ferro, le bellissime decorazioni in bronzo e stagno, i resti lignei mineralizzati, le impronte degli elementi organici (dalle corde a resti di decorazioni vegetali), è stato rinvenuto quasi integro nel porticato antistante alla stalla dove già nel 2018 erano emersi i resti di 3 equidi, tra cui un cavallo bardato.

Un ritrovamento eccezionale, non solo perché aggiunge un elemento in più alla storia di questa dimora, al racconto degli ultimi istanti di vita di chi abitava la villa, e più in generale alla conoscenza del mondo antico, ma soprattutto perché restituisce un reperto unico – mai finora rinvenuto in Italia – in ottimo stato di conservazione”. Così in un comunicato sul sito del Parco Archeologico di Pompei.

fonte sito parco archeologico di Pompei

Al via la seconda edizione del festival Francesco Durante L'evento organizzato dall'Istituto di Studi Atellani di Frattamaggiore

Si apre domani la seconda edizione del Festival Francesco Durante, uno dei più importanti compositori della Scuola Musicale Napoletana del ‘700.
Il Festival, con la direzione artistica di Lorenzo Fiorito, è organizzato dall’Istituto di Studi Atellani di Frattamaggiore (città natale di Durante) di cui è presidente Francesco Montanaro. Nel 2019, la prima edizione del Festival ha riscosso un grande successo di pubblico.
Francesco Durante è tra i massimi esponenti della scena musicale europea del Settecento. Jean Jacques Rousseau lo definì “il più grande armonista d’Italia, vale a dire del mondo”. È stato tra i protagonisti di una generazione di grandi maestri napoletani che comprendeva Leonardo Leo, Nicola Porpora, Francesco Feo e Leonardo Vinci.
Insegnò in tre dei quattro conservatori di Napoli, e sotto di lui si formarono musicisti che poi ebbero fama europea come Pergolesi, Traetta, Jommelli, Piccinni, Fenaroli, Paisiello.
Quest’anno il Festival si avvale di importanti patrocini: oltre al Comune di Frattamaggiore, l’Università Mercatorum, l’Università Telematica Pegaso, i conservatori di Salerno, Benevento e Avellino, la Rassegna nazionale di Teatro Scuola PulciNellaMente.
Il Festival si aprirà con il workshop Francesco Durante: il Maestro e i suoi allievi, diviso in due sessioni, a cui parteciperanno critici, musicologi, musicisti e docenti di varie università e conservatori. Continuerà con la presentazione del terzo volume della trilogia Il secolo d’Oro della Musica a Napoli, edito da Diana Edizioni.
Ci saranno poi due concerti: nel primo, I duetti di Francesco Durante, canteranno il soprano Anna Corvino e il mezzosoprano Raffaella Ambrosino, accompagnate al piano da Luigi del Prete; quest’ultimo parteciperà anche all’Omaggio dei musicisti frattesi a Francesco Durante, insieme al soprano Marianna Calli Capasso e al clavicembalista Sossio Capasso.
Chiuderà il Festival un evento molto atteso: un forum tra i direttori artistici dei Festival dedicati in Italia ai compositori della Scuola Napoletana, finalizzato alla costituzione di una rete per condividere progetti, proposte, idee.
Gli eventi saranno svolti, per il rispetto delle regole anti-Covid, in diretta streaming sulla pagina Facebook dell’Istituto di Studi Atellani.
Domani, la prima sessione del workshop Francesco Durante: il Maestro e i suoi allievi, sarà incentrata sul tema “La fortuna critica ed esecutiva di Durante”. Parteciperanno tra gli altri: Dario Ascoli, critico musicale del Corriere del Mezzogiorno; Stefano Valanzuolo, critico musicale de Il Mattino e di Radio 3 Rai; Carlo Vitali, critico e musicologo del Centro Studi Farinelli di Bologna; Nicola Cattò, critico musicale, direttore della rivista Musica; Carlo Centemeri, direttore dell’Astrarium Consort; Elsa Evangelista, musicista, già direttore del Conservatorio di Napoli; Giovanni Acciai, direttore del Collegium vocale “Nova Ars Cantandi”.
1 2 3 10