Procida, lite in aliscafo: aggredito Sal Da Vinci Coinvolta anche Fatima Trotta

Violenta lite a bordo di un aliscafo in partenza da Procida verso Napoli e che ha visto, suo malgrado, protagonista Sal Da Vinci. L’artista, si era esibito ieri con Fatima Trotta e il suo staff, a conclusione della sagra del mare. Tutto è iniziato poco prima della partenza quando Sal Da Vinci è intervenuto per difendere Fatima Trotta e una corista. A far esplodere la lite il posizionamento di alcuni bagagli nell’apposito vano.
“L’uomo ha inveito in modo sguaiato e volgare contro le due donne, alzandosi e sbraitando. – ha denunciato Sal Da Vinci – Tornando al posto ha incrociato me. Gli ho chiesto se fosse quello il modo giusto per trattare due donne. Lui è rimasto in silenzio e mi ha sferrato un cazzotto al volto”. Da qui la lite, alla quale avrebbe preso parte anche Francesco, figlio di Sal Da Vinci, “che ha rimediato il secondo pugno per difendermi, mentre mia moglie ha evitato che io reagissi”, dichiara il cantante. Sulla vicenda indagano, ora, i carabinieri e gli uomini della Guardia Costiera.
“Quel che è certo – conclude Da Vinci– è che Fatima Trotta ha rimediato un ematoma nelle colluttazioni, mio figlio ha preso un colpo al labbro e io, che odio la violenza e non litigo mai, sono ancora sotto choc. Ho l’impressione che l’aggressore cercasse un pretesto per aggredirmi, dopo avermi riconosciuto. Naturalmente quanto accaduto non inficia minimamente il rapporto privilegiato che ho Procida, isola che amo, ma spero che si faccia giustizia su quanto accaduto: non voglio neanche immaginare che finisca tutto come in una bolla di sapone”.