Scuola, Conte: “Aprirà il 14 settembre nella massima sicurezza” Il premier: “In ruolo ci saranno 160mila nuovi docenti”

A palazzo Chigi il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e la ministra Lucia Azzolina hanno tenuto una conferenza stampa sulla scuola:”L’anno scolastico – ha affermato il premier – partirà regolarmente dal 14 settembre, anche se alcune regioni hanno scelto di posticipare. Ci saranno nuove regole, ma il rientro sarà in piena sicurezza. Abbiamo fatto investimenti che non sono stati fatti in tanti anni”. Poi Conte ha parlato del personale scolastico: “In ruolo ci saranno altri 160 mila nuovi docenti e 77 mila insegnanti e amministrativi a tempo determinato”. Infine il premier ha voluto rassicurare i genitori: “Daremo undici milioni di mascherine, gratis, ogni giorno. I bambini sotto i dieci anni non avranno obbligo di indossare la protezione. Le famiglie misureranno la temperatura ai propri ragazzi, abbiamo capito che è la cosa migliore. Se ci sono i sintomi del contagio è bene che l’alunno rimanga a casa. L’orario d’ingresso potrà essere scaglionato, anche questo lo decideranno i dirigenti scolastici. Vi direi una bugia se dicessi che tutto sarà meglio di prima”.

Scuola, Azzolina: “Il rischio zero non esiste” La ministra: “Rispettare le linee guida”

“Siamo consapevoli del fatto che il rischio zero non esista, anche a scuola. Proprio per questo sarà fondamentale il senso di responsabilità di ciascuno e il rispetto delle Linee guida e dei Protocolli emanati insieme alle competenti autorità sanitarie. Sono stati mesi, quelli appena trascorsi, di intenso lavoro. In campo non c’è stato solo il Governo. Il Parlamento ha svolto un ruolo determinante”. Lo ha detto la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina nell’informativa in corso in Senato.

fonte ansa

Scuola, arrivano 40mila docenti La ministra Azzolina ha firmato l'ordinanza per la ripartizione degli insegnanti nelle regioni

Scuola, c’è la svolta. La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha firmato l’ordinanza per la ripartizione degli insegnanti nelle regioni. Si tratta di 40mila docenti e 10mila amministrativi. L’ordinanza stabilisce i criteri di riparto delle risorse per l’organico aggiuntivo previste dal Decreto rilancio. I 977 milioni già a bilancio saranno assegnati per il 50 per cento sulla base del numero degli alunni presenti sul territorio e per il 50 per cento secondo le richieste avanzate dagli Uffici scolastici regionali che hanno fatto la rilevazione delle esigenze delle scuole. “Potremo finalmente – ha dichiarato la ministra – cominciare a superare quelle norme, nate in epoca di tagli feroci alla scuola, che hanno portato al sovraffollamento delle classi”.

Scuola, concorso straordinario ad ottobre L'annuncio della ministra Lucia Azzolina

Scuola, c’è la svolta che molti docenti aspettavano da tempo: il concorso straordinario per 32mila posti si svolgerà a ottobre. Lo ha dichiarato la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina a “Uno Mattina” aggiungendo che “In un Paese civile i concorsi andrebbero fatti ogni due anni, come succede in Europa. Il nostro obiettivo è svolgere questi concorsi e programmare il fabbisogno. Il concorso straordinario è per 32mila posti e verrà fatto a breve, entro la prima settimana di ottobre o giù di lì”.