Pubblicato il: 26 febbraio 2018 alle 7:00 am

Una settimana da ridere Notizie della settimana scorsa scelte e commentate (a modo suo) da Antonio Riscetti

di Antonio Riscetti.

Lunedì

Roberto, il figlio del governatore della Campania, indagato per tangenti sui rifiuti. Il padre. “La pagherete”. Ancora, dobbiamo pagare ancora.

 

Ad Agnese Renzi è stato concesso il pass per parcheggiare ovunque. A patto che lasci Matteo dentro con i finestrini chiusi.

 

Berlusconi: “A 8 anni mungevo le vacche”. Poi i ruoli si sono invertiti.

 

Martedì

Roma: archiviata l’inchiesta sulla Raggi per la nomina di Romeo. Creando un buco di 9 colonne in prima pagina a Repubblica.

 

Bologna: rubato un furgone pieno di brioche. Io sospetterei di quelli che stan riempiendo la piscina di caffè e latte.

 

Salvini: a Napoli: “Prima i campani”. A Bari: “Prima i pugliesi”. All’Aquila: “Prima gli abbruzzesi”. È tornato a casa per cena e la moglie: “Prima lavati le mani”.

 

Mercoledì

Berlusconi: “In Italia il razzismo non esiste”. Come le tasse da pagare. Per lui.

 

Massimo D’Alema: “Lunare pensare vinca la sinistra”. Pensare? D’Alema?

 

Scienza: creati i primi ibridi uomo-pecora. Per comodita’, li chiameremo elettori.

 

Giovedì

Renzi ammette che per votare il suo partito bisogna chiudere un occhio. Carminati sarebbe l’elettore ideale.

 

Vicenza: scuola porta alunni di prima superiore a sparare al poligono di tiro. Prima del master negli Stati Uniti.

 

Napolitano: Gentiloni essenziale per la governabilità. Insieme a Mattarella è l’unico che fa sempre quello che dice lui.

 

Venerdì

“No ai vaccini, si ai salvavita”, ha detto Salvini cercando il voto degli elettricisti.

 

In Sicilia scoperto il vino più antico al mondo. Cavernello.

 

Transessuale riesce ad allattare il figlio. Tempo due poppate e diventa uguale a Cicciobello.

 

Sabato

Fabrizio Corona scarcerato torna in comunità. In compenso Don Mazzi ha fatto sapere che piuttosto di accoglierlo di nuovo andrà in galera al posto suo.

 

Madagascar, si allontana per scattare foto, muore colpito da un fulmine. Che flash.

 

Niente arretrati agli statali nello stipendio di febbraio. Prima vediamo come votano.

(Per gentile concessione del Roma)

 

neifatti.it ©