Pubblicato il: 6 marzo 2018 alle 8:00 am

Dimmi come stai, ti dirò di quale vitamina hai bisogno E’ importante scoprire quali sono gli alimenti indispensabili a risolvere ciascuna carenza perché il nostro corpo ci invia continuamente segnali e campanelli d’allarme

A cura della dottoressa Teresa Esposito*

I repentini e soprattutto continui cambi di temperature e stagione ormai impazzite portano il nostro corpo a non riuscire più a rispondere nel modo adeguato agli stimoli esterni né tantomeno a quelli interni. Costantemente il nostro corpo ci invia segnali e campanelli d’allarme, che si traducono come un momentaneo malfunzionamento dell’organismo. A volte questi segnali sono impercettibili, altre volte percettibili, ma spesso limitano le nostre attività quotidiane. Cos’è a questo punto veramente indispensabile per il buon funzionamento di questa orchestra meravigliosa che è il corpo umano? Le vitamine sono piccole molecole ma di grande impatto! Le nostre cellule sono perennemente affamato di vitamine. Ne hanno bisogno continuamente. Non un solo giorno a settimana o una volta al giorno. Sono dei composti che si trovano in piccole quantità in alimenti che derivano da piante e animali e sono indispensabili. La maggior parte delle vitamine il nostro organismo non è capace di produrle quindi, dovremmo poterle assimilare regolarmente dal cibo e se questo non è sufficiente o non è sufficientemente e nutrizionalmente corretto, dovremmo assumere anche degli integratori alimentari. Il termine vitamina risale la scoperta del chimico polacco K. Funk della tiamina vitamina B1. Attualmente conosciamo circa 20 vitamine importante dal punto di vista nutrizionale e le loro funzioni sono strettamente collegate e si completano a vicenda, contribuendo in questo modo al mantenimento della salute punto ma il nostro corpo invia segnali che indicano carenza di vitamine? Riusciamo in qualche modo a percepire cosa ci sta chiedendo il nostro corpo? Come possiamo integrare una carenza vitaminica? Spesso segnali che possono apparire di poco di poco conto sono invece espressione di una carenza vitaminica ed ogni vitamina, se carente, emette il proprio segnale. Scopriamo i segnali che ci inviano per farci capire che esiste una carenza.

Vitamina A

Contribuisce nello sviluppo delle ossa, della pelle e delle mucose, genera pigmenti necessari per il funzionamento della retina. Segnali della mancanza di vitamina A: unghie e capelli deboli, insonnia, stanchezza, mancanza di appetito, occhi irritati, acne. Alimenti che contengono vitamina A: spinaci, peperoni rossi, cereali integrali, pomodori, kiwi, asparagi, frutta secca, broccoli, carote, latte e uova.

Vitamina C

Partecipa alla formazione di collagene, ossa, denti e globuli rossi. Favorisce l’assorbimento del ferro dagli alimenti, ed è un potente antiossidante. Segnali di carenza di vitamina C: problemi alle ossa e ai denti, stanchezza, infezioni, gengive sensibili, pelle secca, cicatrizzazione lenta. Alimenti ricchi di vitamina C: limone, arancia, pompelmo e agrumi in generale, kiwi, fragole, spinaci crudi, lenticchia, prezzemolo.

Vitamina D

Aiuta ad assorbire calcio, uno dei minerali più importanti nella formazione delle ossa.

Segnali di carenza di vitamina D: deterioramento ossa e denti, perdita di forza muscolare, stanchezza e debolezza, crampi.

Alimenti ricchi di vitamina D: olio d’oliva, funghi champignon, latte e formaggio.

Vitamina K

E’ fondamentale nei processi di coagulazione del sangue e della formazione di globuli rossi. Segnali della carenza di vitamina K: anemia, cicatrizzazione lenta.

Alimenti ricchi di vitamina K: verdure a foglia verde, erbe come timo a basilico, cavoli, broccoli, asparagi.

Vitamina E

Ha una funzione antiossidante, che ci protegge dai danni dei radicali liberi. Inoltre, rinforza il sistema immunitario e contribuisce alla formazione di globuli rossi.

Segnali della carenza di vitamina K: riduzione dell’attività neuromuscolare, stanchezza, anemia. Alimenti ricchi di vitamina E: germe di grano, farina integrale, lattuga, mandorle, semi di girasole, nocciole, noci, olio di soia, olio d’oliva e mais.

Vitamine del gruppo B

Sono vincolate al metabolismo cellulare. Comprendono le vitamine B1, B2, B3, B5, B6, B8, B9 e B12. Segnali di carenza delle vitamine del gruppo B: anemia, problemi alla pelle, costipazione, malattie epatiche, stanchezza, mancanza di appetito, labbra secche o screpolate, capelli secchi, unghie fragili. Alimenti ricchi di vitamine del gruppo B: semi di girasole, crusca di riso, piselli, prezzemolo, broccoli, avena, farina di mais, lievito vergine, aglio, ortaggi verdi, miele e latticini. A tavola, quindi, variare sempre la scelta degli alimenti puntando sulla qualità.

*medico chirurgo – dietologa

neifatti.it ©