Pubblicato il: 27 marzo 2018 alle 8:15 am

Biciclette, Italia in volata Oltre 1 milione e settecentomila quelle prodotte nel Paese ed esportate nel mondo, per un valore di 1,26 miliardi

di Fabrizio Morlacchi.

Milano, 27 Marzo 2018 – Non è un Paese attrezzato per soddisfare le esigenze dei ciclisti, il nostro. Non ancora. Ne abbiamo scritto su neifatti.it, riportando, ad esempio, il confronto dati alla mano con altri Stati europei dove esistono politiche ad hoc per le due ruote.

Ma ciò nonostante la passione per la bicicletta ha contagiato anche gli italiani: sono 1.066.000 le persone che la usano per andare al lavoro ed a scuola, pari a 18 utilizzatori ogni 1.000 abitanti. Mentre 2.414.000 persone praticano il ciclismo a livello agonistico e amatoriale. Un fenomeno, quella della passione per la bici, che è sempre esistito in Italia. Con differenze sostanziali riferite alle varie aree geografiche della penisola e anche ai periodi storici.

Di buono c’è che l’industria della bicicletta italiana è riuscita a conquistare proprio quei mercati dove il culto dei pedali è più alto.

Infatti le biciclette italiane conquistano il record europeo di esportazioni: nel 2017 ne sono volate nel mondo 1.729.948, con un aumento del 15,2% rispetto al 2016, a fronte del +2,5% della media Ue a 28. Il rapporto ‘Artibici 2018’ realizzato da Confartigianato e presentato a Milano al forum: “L’economia della bicicletta: numeri, storie e strategie per crescere”, dice che cronometro alla mano, il nostro export corre al ritmo di 3 bici al minuto vendute all’estero durante lo scorso anno. Un primato che conferma la qualità della nostra produzione ad opera di 3.098 imprese con 7.741 addetti. Un piccolo ma agguerrito esercito in cui dominano gli artigiani con 2.062 imprese e 3.862 addetti. Le bici made in Italy ‘staccano’ i competitors europei anche per il valore della produzione, pari a 1.263 milioni di euro, che supera quello di nostri storici rivali come Germania (1.156 milioni), Francia (458 milioni) e Polonia (367 milioni).

Secondo il rapporto di Confartigianato, l’economia delle biciclette made in Italy corre veloce per quanto riguarda il numero di imprese, aumentate del 5,4% negli ultimi 5 anni. E supera i competitor europei nella crescita delle esportazioni di bici complete e componentistica: nel 2017, hanno fatto registrare un balzo del 2,7%, a fronte del +1,6% della media Ue, totalizzando un valore di 600 milioni di euro, di cui 200 milioni per le biciclette complete e 400 milioni per la componentistica. Tra i nostri migliori clienti vi sono il Giappone, dove l’export di bici italiane nel 2017 è aumentato del 24,2%, e la Francia (+14,7%).

Intanto, a Milano è ancora possibile visitare la mostra “The Bicycle Reinassance” allestita grazie a Triennale di Milano e Banca IFIS, presso il Palazzo della Triennale di Milano in viale Alemagna, fino al 2 aprile prossimo.

neifatti.it ©