giovedì, Febbraio 2, 2023
HomeTurismoViaggi e vacanze, Italia tra le 5 mete globali preferite

Viaggi e vacanze, Italia tra le 5 mete globali preferite

di Aurelio Quattrociocchi.

Roma, 7 Luglio 2018 – Rispetto ai primi 5 mesi del 2017, quest’anno fa registrare a Roma un aumento del +3,24% (arrivi) e del +3,12% (presenze). Secondo le stime di EBTL (Ente Bilaterale Territoriale Turismo della Regione Lazio), che confermano il trend positivo del turismo capitolino, da gennaio a maggio, i dati delle strutture ricettive della capitale registrano 5.671.203 arrivi e 13.931.473 di presenze, con un significativo incremento dei visitatori stranieri. Sempre rispetto allo stesso arco di tempo, i flussi dall’estero sono cresciuti complessivamente del +3,5%, a riprova dell’appeal esercitato da Roma nel mondo.

Gli hotel 5 stelle, poi, solo nel mese di maggio hanno totalizzato un aumento di arrivi del +3,49%, e una crescita di presenze pari al + 3,37%. “Abbiamo puntato su qualità e sostenibilità contro i grandi numeri del turismo mordi e fuggi”, ha commentato Carlo Cafarotti, assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale.

Secondo un’indagine di momondo.it, se Roma si conferma “regina d’Italia”, seguita da Venezia e Firenze, sono Sardegna e Campania le regioni preferite. Infatti entrambe hanno due mete nella top 10: rispettivamente Alghero e Cagliari (5° e 8°) e Napoli e Positano (7° e 9°), nonostante l’aumento dei prezzi medi di hotel che queste località hanno fatto registrare rispetto al 2017.

E’ Palermo la destinazione – tra quelle preferite – più economica, con soli 66 euro a notte. Positano rappresenta la scelta più costosa di questa speciale top 10 estiva di momondo.it, con una tariffa media a notte di ben 307 euro, seguita da Alghero (169 euro). Tra le altre città turistiche riportiamo il costo medio a notte di Rimini (69 euro), Milano (93 euro) e Roma (99 euro).

Quanto rende il turismo

Probabilmente i costi ancora accessibili delle mete turistiche italiane, con la ricca e variegata offerta tra arte, mare, montagna e laghi, fa si che l’Italia si confermi sempre più un punto di riferimento sulla mappa turistica internazionale. E l’industria dei viaggi si attesta come una voce di tutto rispetto per quanto riguarda gli incassi. A confermarlo sono i dati diffusi dall’Unwto, che piazzano la Penisola nella top five delle mete in grado di incamerare più fatturato.

Secondo l’infografica diffusa dall’Organizzazione mondiale del Turismo, infatti, l’Italia si piazza al quinto posto tra le mete globali per denaro incamerato. Con 44 miliardi di dollari la Penisola conquista l’ultimo posto della top five, preceduta da destinazioni di tutto rispetto. Il primo posto è conquistato dagli Stati Uniti (con un totale di 211 miliardi di dollari che consegnano loro la palma con un notevole distacco rispetto al resto del gruppo), a seguire c’è la Spagna, con 68 miliardi; terzo posto alla Francia, con 61 miliardi, e quarto alla Thailandia, con 57 miliardi.

Che estate sarà?

Buona, forse ottima. Continua anche nell’estate 2018 la crescita del turismo incoming verso l’Italia. Secondo il monitoraggio Enit, il 74,4% di tour operator internazionali registrano un aumento di prenotazioni per questa summer, un andamento confermato anche dai dati ForwardKeys sulle prenotazioni dei voli.

Secondo questi ultimi, infatti, gli arrivi internazionali negli aeroporti italiani aumenteranno dell’1% nel periodo fra il 23 giugno e il 31 agosto, ma nel solo mese di agosto la crescita prevista è del +4% e nella sola settimana di Ferragosto si arriva a un +7%.

La crescita arriva principalmente dal mercato Usa, che registra un +20% di prenotazione voli, seguita da Spagna e Cina. Risultati in controtendenza, invece, per gli arrivi in aeroporto dalla Germania, che registrano un calo del 32,2%, probabilmente motivato da una diminuzione dei voli diretti sull’Italia.

Al mare? Sì, ma in treno

Per chi si sposterà in treno durante questa estate, per raggiungere i luoghi di vacanza, c’è una utile novità: il nuovo travel book Mare targato Trenitalia, che raccoglie le 61 spiagge italiane, 30 tra Nord e Centro, 31 tra Sud e Isole, comodamente raggiungibili con i treni regionali.

Protagoniste di questo travel book sono litorali e spiagge da amare, tutte distanti poche centinaia di metri, il tempo di una passeggiata, da stazioni ferroviarie servite ogni giorno da oltre 2.500 corse regionali Trenitalia. Corse che confermano sempre di più di possedere anche una forte vocazione leisure, come dimostra il boom del 2017, quando i viaggi per turismo sono aumentati del 7%. E già in questo primo semestre del 2018 il trend prosegue: le 61 stazioni proposte nel book hanno visto crescere di un altro 4,5% il numero di viaggiatori rispetto al 2017.

A incentivare l’uso del treno regionale ci sono anche accordi specifici siglati da Trenitalia, come a Cervia, a Milano Marittima o sulla Costa degli Dei (elenco completo su trenitalia.com), che prevedono sconti per il pernottamento o per il noleggio di ombrelloni e lettini. E in più, a conferma che l’Estate è Trenitalia, ancora altre attenzioni verso i clienti, ad esempio con la gratuità per i piccoli sotto i 4 anni, con la sempre più estesa possibilità di trasportare le bici, mostrandosi sempre più un mezzo di trasporto “pet friendly”.

neifatti.it ©
ARTICOLI CORRELATI

I più recenti