Pubblicato il: 26 agosto 2018 alle 9:00 am

Da Milano si sale sull’Everest Fino al 30 settembre ogni weekend al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia sarà possibile raggiungere la vetta più alta del mondo con la realta’ virtuale

di Pierluca Mandelli.

Milano, 26 Agosto 2018 – Nel 2007, dopo aver scalato il tetto del mondo cinque volte, l’alpinista e regista statunitense David Breashears, decise di dedicare il suo tempo a documentare della scomparsa dei ghiacciai. E tra le altre iniziative, pubblicò alcune delle foto scattate durante le sue avventure. Una in particolare: il panorama dell’Everest e del ghiacciaio Khumbu fissato da un eccezionale e privilegiato punto vista: il bellissimo Pumori.

Il ghiacciaio Khumbu si trova nella regione di Khumbu nel nord-est del Nepal e occupa la valle omonima, nella parte finale del percorso che porta al campo base dell’Everest. Ed è uno dei soggetti in mostra al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano.

Grazie al suo successo nei mesi di luglio e agosto che ha visto esauriti tutti i posti disponibili, l’attività virtuale Everest VR continuerà a essere proposta fino a domenica 30 settembre.

Ogni sabato e domenica i visitatori, accompagnati da animatori scientifici del Museo, potranno mettersi alla prova affrontando la montagna più alta del mondo con uno zaino da 10Kg sulle spalle e, una volta giunti in vetta, godere di uno spettacolo unico.

Indossando il visore PlayStation®VR, adulti e ragazzi potranno rivivere in prima persona i momenti più eccitanti e rischiosi dell’ascesa, attraverso il ghiacciaio Khumbu fino al Colle Sud e oltre il mitico Hillary Step, superando cascate di ghiaccio, crepacci e pareti verticali ricostruiti con la tecnica fotorealistica della fotogrammetria.

L’attività viene proposta in occasione del 65° anniversario della prima ascesa all’Everest del neozelandese Edmund Hillary e dello sherpa Tenzing Norgay e del 40° anniversario della prima scalata senza ossigeno di Reinhold Messner.

Tornati nel mondo reale, i visitatori potranno ammirare dalle balconate superiori del padiglione aeronavale l’esposizione di grandi navi, aerei storici e del deltaplano Stratos, con il quale Angelo d’Arrigo nel 2004 riuscì a sorvolare l’Everest superando gli 8900 metri di quota.

Continua inoltre fino a domenica 9 settembre MuseoEstate, il programma estivo di attività del Museo.

Con il biglietto d’ingresso, tutti i pomeriggi adulti e bambini possono intraprendere un viaggio dentro la scienza, sperimentando diverse attività nei laboratori interattivi. Le settimane rimanenti sono dedicate ai temi della Genetica e di Leonardo. Diverse le attività dedicate ai bambini dai 3 ai 6 anni, con Bolle di sapone, Ombre e pianeti, Matematica in equilibrio.

Ogni weekend si sperimentano attività in Tinkering Zone, dove bambini e adulti creano robot e fanno volare oggetti di materiali e forme diverse.

Con il biglietto del museo si possono visitare anche le mostre temporanee, tra cui Leonardo da Vinci Parade, la prima iniziativa realizzata in preparazione del palinsesto di celebrazioni vinciane del 2019 Milano e Leonardo.

Il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” si trova a Milano in via San Vittore, 21. Info: 02.48555330 – www.museoscienza.org. Per l’attività Everest VR, è obbligatoria la prenotazione online.

neifatti.it ©