Pubblicato il: 15 febbraio 2019 alle 7:00 am

Un premio per dire no al bullismo Indetto dalla Fondazione AiFOS. Obiettivo: valorizzare le buone prassi di contrasto del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo. Domande entro il 30 maggio

di Francesco Nardone.

Brescia, 15 Febbraio 2019 – Secondo il Rapporto Italia 2018 dell’Eurispes (istituto di studi Politici, Economici e Sociali), oltre la metà dei ragazzi tra gli 11 e i 17 anni è stato vittima di bullismo.

Dati forniti dall’Istituto nazionale di statistica (Istat), poi, ci dicono che gli atti di prepotenza colpiscono in prevalenza le femmine rispetto ai maschi con differenze anche tra Nord e Sud Italia.

Il fenomeno, infatti, è più diffuso nelle regioni settentrionali dove la media dei ragazzi colpiti raggiunge il 23% e supera il 57% se si considerano anche le azioni di bullismo sporadiche.

Di fronte a un’emergenza come questa, sono necessari nuovi strumenti che permettano di prevenire e contrastare il fenomeno del bullismo e il cyberbullismo che può avvenire attraverso la rete.

La legge 29 maggio 2017 n. 17, “Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyber bullismo”, è la prima in assoluto ad affrontare il problema non solo in Italia, ma in tutta Europa e ha il merito di avere dato una definizione di cyber-bullismo.

Uno strumento idoneo di contrasto è la nuova prassi di riferimento UNI/PdR 42:2018, che si applica non solo a tutti gli istituti scolastici e formativi, ma anche alle varie attività assimilabili alla scuola (centri di formazione professionale, centri diurni, convitti, centri sportivi-ricreativi, centri giovanili, e così via).

Di recente la Polizia di Stato ha creato l’app “You Pol”, scaricabile in tutti i capoluoghi di regione d’Italia sia per iOS che per Android, con la quale è possibile segnalare in tempo reale, anche in forma anonima, un reato di bullismo o spaccio con un messaggio e allegare foto o video. È inoltre possibile chiamare rapidamente la Polizia.

Ma, da soli, questi provvedimenti potrebbero non bastare. Come spiegò al nostro giornale lo psicoterapeuta Francesco Rettura: “Bisogna elaborare un sistema integrato di interventi coerenti che devono essere sostenuti dalle istituzioni, dalle agenzie formative, da tutti i soggetti sociali che producono cultura, dalle famiglie, che devono essere assistite perché il loro compito non sarà facile, dai cittadini che devono farsi carico del futuro dei nostri giovani”.

Ecco perché assume particolare importanza il lancio del premio “Bullis-NO!”.

La Fondazione AiFOS – realtà filantropica fondata nel 2016 dalla società cooperativa Aifos Service e da AiFOS (Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro), con il preciso obiettivo di favorire il contrasto del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo nelle scuole e nelle organizzazioni giovanili, ha indetto, con la collaborazione di Bureau Veritas, il concorso attraverso il quale verrà premiata la migliore “buona prassi” di implementazione di un sistema di gestione contro il bullismo e/o il cyberbullismo, sviluppata all’interno di un’istituzione scolastica o di un’organizzazione rivolta ad utenti minorenni, ispirata alla prassi di riferimento UNI/PdR 42:2018.

Destinatari del presente premio sono le istituzioni scolastiche e le organizzazioni rivolte ad utenti minorenni.

Infatti, spiegano gli organizzatori, le principali “agenzie educative” sono le famiglie, le scuole e le altre organizzazioni rivolte ad utenti minorenni che sono chiamate a svolgere il loro compito formativo, individuando i rischi ai quali i minori sono esposti e mettendo in campo buone prassi che abbiano l’obiettivo di eliminarli e/o ridurli, mettendo in pratica il corretto agire per accrescere il livello di benessere di bambini e ragazzi.

Perché non si debba leggere ancora una storia come quella di Carolina Picchio.

E’ possibile scaricare il regolamento sul sito della fondazione. Per informazioni: Fondazione AiFOS – Palazzo CSMT – via Branze, 45 – 25123 Brescia – tel. 030.6595037 – https://www.fondazioneaifos.org

neifatti.it ©