Pubblicato il: 27 giugno 2019 alle 8:00 am

‘N.6 Collaborations Project’ Ed Sheeran condivide nuovi dettagli su tracklist e collaborazioni

di Domenico Izzo.

Roma, 27 Giugno 2019 – Filantropo, polistrumentista (nonostante la chitarra sia il Suo strumento), multimiliardario in visualizzazioni sulla piattaforma YouTube, quasi 15 anni di attività musicale, nonostante la giovane età (28 anni) e 7 album pubblicati, reduce dalle tre date italiane di Firenze, Roma e Milano Edward Christopher Sheeran, in arte Ed Sheeran, ha aggiunto un nuovo sold out alla lista dei suoi già numerosi record personali, quello di San Siro: la serata è stata aperta da James Bay, non esattamente un signor nessuno, poi alle 21.00 entra Ed, il palco spartano senza grandi artifici, di compagnia al rosso solo la sua amata chitarra e la loopstation, a dimostrazione che non c’è bisogno di grandi eccessi per regalare grandi emozioni.

Il signor Sheeran, ha condiviso sul social network Instagram un post con la tracklist e le collaborazioni del suo futuro album, ‘N.6 Collaborations Project’, in uscita il 12 luglio, probabilmente degno successore del precedente album “ ÷ ” (Divide), in perfetta coerenza con gli annunci dei precedenti album in major.

Sorprendente, sicuramente, è la portata artistica evidenziata dalla tracklist, che lo vede impegnato nel mixare stili musicali anche diametralmente opposti in un unico progetto. Tra gli altri nomi faranno parte del progetto a impronta ‘collaborativa’ quelli di Cardi B, 50 cent, Eminem, Bruno Mars e Justin Bieber, con il quale ha registrato il primo singolo inedito dell’album, “I don’t care”, che ha esordito al numero 1 in Europa e al numero 2 negli States ,e un secondo inedito, “Cross me”, è stato pubblicato in collaborazione con Chance the Rapper e PnB Rock, di minor impatto mediatico, sicuramente, ma con un significato diverso e profondo, rispetto alla spensieratezza scanzonata del primo inedito.

Il ‘N.6 Collaboration Project’ è il naturale prosieguo del ultimo EP indipendente di Ed, il ‘N.5 Collaboration Project’, pubblicato nel 2011, con il quale diventa uno dei pochi artisti, all’epoca, ad entrare in classifica esclusivamente con le vendite online, che sancisce il suo passaggio dalla musica indipendente alla prima major, che ancora lo segue, la Asylum Records e la Atlantic Records. Da allora la strada lo ha portato a 63 dischi di platino, 231 singoli di platino e ben 3 di diamante, mica briscole!

A due anni dalla pubblicazione dell’ultimo album, il disco si annuncia ricco di sorprese, sennonché per la ricchezza stilistica che pare porterà con sé, date le collaborazioni così varie e particolareggiate che si sposteranno tra rap, R&B, soul, dubstep, pop, funk, ma anche rock e altri.

Senza dubbio l’innovativa matrice di disco “in collaborazione” renderà questo ‘N.6 Collaboration Project’, fruibile a tutti gli appassionati di musica e non solo. Nonostante tutto resterà difficile battere il record del precedente album, che lo aveva visto primo in classifica in Inghilterra, Stati Uniti, Italia, Australia, Canada, Danimarca, Germania, Irlanda e Paesi Bassi e secondo solo in Francia, e i record dei soldout, anche se si prevede un tour, data la natura del disco, colmo di interventi artistici dei ‘collaboratori di Ed’.

neifatti.it ©