giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeEconomiaCoronavirus: l’aiuto di Federcarrozzieri per la sanificazione delle autovetture

Coronavirus: l’aiuto di Federcarrozzieri per la sanificazione delle autovetture

di Fabrizio Morlacchi.

Roma, 7 Aprile 2020 – Dell’importanza di sanificare la propria autovettura, soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria, abbiamo scritto qualche giorno fa.

L’associazione Federcarrozzieri nei giorni scorsi, pur rispettando la chiusura del servizio che limita la operatività degli associati alle sole emergenze, ha ritenuto opportuno offrire un contributo gratuito a chi lavora per tutti: la sanificazione con l’ozono, dell’abitacolo delle auto, dei mezzi di trasporto.

“In tempi di crisi e di chiusura dei servizi di quotidiana assistenza, la nostra associazione ha ritenuto opportuno proporre un contributo alle comunità in cui operano le nostre aziende – hanno fatto sapere il presidente nazionale Federcarrozzieri Davide Galli e il coordinatore nazionale Mio Carrozziere, Riccardo Melis -. La tecnologia offre da diversi anni, alcune soluzioni all’avanguardia per quanto concerne la sanificazione delle autovetture e dei mezzi di trasporto. La sanificazione all’ozono, imprime un’azione ossidante tale da esercitare un efficace risultato come agente battericida, fungicida e inattivante dei virus”.

Così, da oltre tre settimane, sul territorio nazionale, alcuni associati Federcarrozzieri, appartenenti al circuito d’eccellenza Mio Carrozziere, specie del centro nord, hanno scelto di mettere gratuitamente a disposizione mezzi e strutture, per alleviare i rischi che chi ci aiuta, di chi lavora per il bene di tutti, di chi ha più bisogno.

“Vorremmo evitare che il loro lavoro sia ancora più esposto – aggiungono Galli e Melis -. Abbiamo così offerto il nostro contributo ai Corpi di Polizia Locale, dello Stato, ai Carabinieri, alla Protezione Civile. Abbiamo aiutato tassisti ed associazioni di malati e disabili, sanificando gli abitacoli ed i condotti d’aria sì che ogni batterio ed ogni microrganismo potesse essere annientato dall’ozono. Siamo intervenuti su oltre un migliaio di vetture in meno di due settimane. Non possiamo garantire la certificazione del servizio contro il Covid19 perché ad oggi, così come non si è trovato il vaccino, non si hanno prove scientifiche che avvallino l’ozono come trattamento debellante. Tuttavia, data la vicinanza del COVID-19 ai genomi della SARS sui cui la scienza ha dimostrato che l’ozono può essere risolutivo, anche in virtù dell’applicazione sperimentale dell’ozonoterapia quale cura possibile, auspichiamo sia un trattamento se non decisivo certamente non nocivo. Per questa ragione e nel massimo rispetto delle ordinanze ministeriali in vigore, la nostra associazione si è messa a disposizione di tutti”.

Al momento, compatibilmente con le possibilità di ciascun aderente, 41 carrozzerie del circuito di eccellenza, sono attive per le sole emergenze ed il servizio di sanificazione gratuita dedicata a quanti sono al servizio di tutti. Per ricevere informazioni e per usufruire del servizio: info@federcarrozzieri.it

neifatti.it ©
ARTICOLI CORRELATI

I più recenti