Rezza: “Per l’immunità di gregge vanno vaccinati 42 milioni di italiani” "Almeno il 60-70% della popolazione"

“Grosso modo almeno tra il 60% e il 70% della popolazione dovrebbe essere vaccinata contro il SarsCov2 per ottenere l’immunità di gregge. Ciò vuol dire vaccinare 42 milioni di italiani e questa è una grande sfida. Ma ci sarà un progressivo incremento delle dosi di vaccino a partire dal 2021 e avere più di un vaccino è un vantaggio”. Così Gianni Rezza, direttore della Prevenzione del ministero della Salute durante la conferenza stampa sulla situazione epidemiologica.

Covid, 1.764 nuovi positivi in Campania Boom di guariti: 2.344

Positivi del giorno: 1.764
di cui:
Asintomatici: 1.437
Sintomatici: 327
Tamponi del giorno: 13.744

Totale positivi: 140.195
Totale tamponi: 1.461.611

​Deceduti: 78 (*)
Totale deceduti: 1.387

Guariti: 2.344
Totale guariti: 35.957

* Deceduti tra il 20 e il 23 novembre

​Report posti letto su base regionale:

Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656
Posti letto di terapia intensiva occupati: 201
Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (*)
Posti letto di degenza occupati: 2.274

* Posti letto Covid e Offerta privata

Napoli, 24 novembre​ 2020

Avellino, rimossi tubolari pericolanti sul viadotto della Variante L'intervento dei Vigili del Fuoco

Questo pomeriggio i Vigili del Fuoco di Avellino sono intervenuti sulla SS 7 BIS, all’altezza dello svincolo per il quartiere di San Tommaso, per la rimozione dei tubolari in ferro che costituiscono il parapetto del piccolo viadotto sulla Variante, poiché fortemente ossidati, muovendosi dal loro alloggiamento con conseguente pericolo di caduta sulla sottostante carreggiata. Chiusa al traffico la statale durante le operazioni di rimozione, e subito riaperta ad intervento ultimato.

Covid, bando medici per la Campania: molte rinunce Solo 27 in servizio di cui 3 anestesisti

Non è positivo il bilancio del bando della Protezione Civile per l’invio di medici nella Regione Campania. Ne servono 600, in particolare anestesisti e 800 infermieri. “Il totale delle domande arrivate – fa sapere la Regione – è di 156. In servizio 27 medici, di cui 3 anestesisti.

Si fa presente che molti candidati, a seguito di chiamata hanno rinunciato, altri a seguito di verifiche sono risultati non in possesso dei requisiti di ammissione (mancanza di specializzazione), altri ancora sono risultati inesistenti, ovvero hanno dato nomi, comunicazioni di telefono o mail errate”.

Scuola, De Magistris: “La Regione invii i dati dei test antigenici” Il sindaco di Napoli: "E' necessario fare una operazione di chiarezza"

“È necessario fare una operazione di chiarezza anche e soprattutto per tranquillizzare la comunità scolastica tutta. Stamane abbiamo immediatamente scritto al presidente della Regione, all’Unità di Crisi e, per conoscenza, anche al direttore dell’Ufficio scolastico provinciale allo scopo di farci avere, ad horas, anche perché l’ordinanza entra in vigore domani, i dati dei test antigenici effettuati e i dati sul contagio della città di Napoli suddivisi per quartiere e per luoghi in cui insistono le scuole. Solo in questo modo potremo verificare se ci sono situazioni di particolare criticità su cui eventualmente intervenire, soprattutto in stretta correlazione coi dirigenti scolastici che, a loro volta, come previsto dall’ordinanza regionale, possono nella loro autonomia predisporre alternative rispetto all’apertura dei plessi scolastici interessati, fino alla prima elementare, unica classe della scuola dell’obbligo compresa nell’ultima ordinanza”. Così il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris.

 

Ricatto a sfondo sessuale, tre arresti Vittima un giovane di Montefalcione

Nella mattinata odierna, i Carabinieri della Compagnia di Mirabella Eclano hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione degli arresti domiciliari, emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Avellino su richiesta di questa Procura della Repubblica, nei confronti di un 29enne e di una 49enne di Melito di Napoli e di una 34enne di Taranto, identificati quali autori della tentata estorsione in concorso nei confronti di un giovane di Montefalcione.

Questi ultimi, in concorso tra loro, dopo aver pubblicato sul sito internet “bakecaincontrii.com” un annuncio pubblicizzante prestazioni sessuali da parte di una donna, adescavano il giovane al quale, dopo aver trattato tramite whatsapp una videochiamata a sfondo sessuale, tentavano di estorcere del denaro che avrebbe dovuto accreditare su una carta postepay intestata ad una delle donne dietro minaccia di divulgare il contenuto della chat alla fidanzata e sui social network. 

Le indagini effettuate dai Carabinieri della Stazione di Montefalcione, avviate in seguito alla denuncia della parte offesa, hanno permesso di risalire agli intestatari ed utilizzatori del telefono e della carta di pagamento ricaricabile utilizzati dagli arrestati che venivano peraltro rinvenuti nel corso di perquisizione domiciliare.

I gravi indizi di colpevolezza raccolti nel corso dell’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Avellino, hanno così portato all’emissione dell’odierno provvedimento.

L’attività eseguita dal Carabinieri della Compagnia di Mirabella Eclano si va ad aggiungere ai numerosi risultati conseguiti nel contrasto ai reati contro la persona ed il patrimonio da parte del Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino.

Buoni spesa Covid, scoperti 75 “furbetti” a Salerno L'operazione della Guardia di Finanza

Operazione della Guardia di Finanza di Salerno, in collaborazione con il Comune, contro i “furbetti” dei buoni spesa Covid, ottenuti durante lo scorso lockdown per l’acquisto di generi di prima necessità. Sono 75 le persone scoperte e segnalate. Tutte le richieste accolte dal Comune sono state poi passate alle Fiamme Gialle che hanno effettuato i successivi accertamenti.

Scuola dell’infanzia e prima classe, da domani si riapre: ecco l’ordinanza E' consentita ai sindaci l'adozione di provvedimenti di sospensione delle attività

Da domenica didattica in presenza per la scuola dell’infanzia e la prima classe delle scuole primaria.

Di seguito l’ordinanza numero 92, firmata ieri dal presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca.

“Con decorrenza dal 25 novembre 2020, è consentita la ripresa delle attività in presenza dei servizi educativi e della scuola dell’infanzia (sistema integrato di educazione e di istruzione 0-6 anni) nonché l’attività didattica in presenza della prima classe delle scuole primarie. E’ demandato alle ASSL territorialmente competenti il monitoraggio dell’andamento dei contagi e la comunicazione ai Sindaci dei dati di rispettivo interesse. E’ consentito ai Sindaci, sulla base di situazioni di peculiare criticità accertate con riferimento ai territori di competenza, l’adozione di provvedimenti di sospensione delle attività in presenza o di altre misure restrittive. Resta demandata ai dirigenti scolastici la verifica delle ulteriori condizioni, anche relative al personale in servizio, per l’esercizio in sicurezza dell’attività didattica in presenza;
1.2. per quanto non previsto dal presente provvedimento, resta confermata l’Ordinanza n.90 del 15 novembre 2020, ivi compresa la programmazione di screening su base volontaria relativi al personale, docente e non docente, e agli alunni delle classi dalla seconda alla quinta della scuola primaria e della prima classe della scuola secondaria di primo grado, e relativi familiari. E’ dato altresì mandato all’Unità di crisi regionale di programmare periodiche misure di screening relative al mondo della scuola, con modalità tali da consentirne la capillarità sul territorio”.

1 2