Approvato il Decreto sostegni, Draghi: “Dall’8 aprile 11 miliardi alle imprese”

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, in serata, il Decreto sostegni, dopo aver trovato l’intesa per la cancellazione delle vecchie cartelle esattoriali fino a 5mila euro tra il 2000 e il 2010 e solo per chi rientra in un tetto di reddito di 30mila euro.

“Un decreto complesso, si indirizza a una grande platea, i cui pilastri sono il sostegno delle imprese, al lavoro e alla lotta contro la povertà –  ha dichiarato il premier Mario Draghi in conferenza stampa – Il nostro obiettivo è distribuire più soldi e più velocemente possibile. Il decreto vale 32 miliardi e 11 andranno alle imprese. Ci sarà una piattaforma per effettuare questi pagamenti che inizieranno l’8 aprile per chi avrà fatto domanda: se tutto andrà come previsto, 11 miliardi entreranno nell’economia nel mese di aprile”.

Da lunedì Sardegna e Molise in zona arancione

Da lunedì Sardegna (che è bianca) e Molise (che è rossa) passeranno in zona arancione. L’ordinanza sarà firmata in serata dal ministro della Salute, Roberto Speranza. Prorogata, invece, la zona rossa per la Campania.

Variazioni e conferme decise sulla base dei dati e delle indicazioni delle cabina di regia.

Covid, oltre un milione di morti in Europa

I decessi per Covid in Europa hanno superato il milione, secondo un conteggio riportato dalla Reuters sul suo sito online. Il Vecchio Continente, 51 Paesi, tra cui l’Ue, il Regno Unito, la Russia e altri, ha circa il 35,5% dei decessi nel mondo e il 30,5% del totale dei contagi.

Problemi per Whatsapp e Instagram

Problemi per WhatsApp e Instagram da questo pomeriggio. Il malfunzionamento appare esteso globalmente. Migliaia le segnalazioni degli utenti.

Covid, 1.997 nuovi casi in Campania

Positivi del giorno: 1.997 (*)
di cui
Asintomatici: 1.369 (*)
Sintomatici: 628 (*)
* Positivi, Sintomatici e Asintomatici si riferiscono ai tamponi molecolari

Tamponi molecolari del giorno: 18.420
Tamponi antigenici del giorno: 3.415

​Deceduti: 13 (**)​
Totale deceduti: 4.843

Guariti: 1.205
Totale guariti: 209.805

** 11 deceduti nelle ultime 48 ore, 2 deceduti in precedenza ma registrati ieri.

​Report posti letto su base regionale:

Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656
Posti letto di terapia intensiva occupati: 155
Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (***)
Posti letto di degenza occupati: 1.569

*** Posti letto Covid e Offerta privata.

Covid, De Luca: “La situazione della Campania è delicata”

“La situazione della Campania è delicata. Resta qualche piccola area di irresponsabilità, nonostante siamo in zona rossa. L’indice Rt della scorsa settimana è dell’1,65%. Dobbiamo stare attenti. Siamo la regione più a rischio di diffusione del contagio, a causa dell’alta densità abitativa, soprattutto con queste nuove varianti”. Così il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, durante la diretta settimanale sui social.

“Non possiamo scherzare e quello che dobbiamo decidere, dobbiamo deciderlo – continua De Luca –  Perchè bisogna difendere la vita. Abbiamo un alto numero di sintomatici. Stiamo reggendo con le terapie intensive e le degenze in area medica. Non abbiamo chiuso altri reparti per accogliere pazienti Covid. Stiamo cercando di resistere, fino alla fine. Per le terapie intensiva siamo al 27% come percentuale di occupazione. La soglia critica è al 30%. Se andiamo oltre, fino ad arrivare al 35%, saremo costretti a chiudere altri reparti. Abbiamo oggi in Campania anche qualche ragazzo tra i 16 e i 18 anni in terapia intensiva. Quando abbiamo deciso che da noi non si va nelle seconde case, è perchè la situazione è delicata. Qualsiasi spostamento in più, rappresenta un rischio per il contagio, soprattutto nella settimana di Pasqua”.

Poi il governatore fa il punto sulla campagna vaccinale: “Oggi abbiamo chiuso la questione Astrazeneca. Riparte anche in Campania la campagna di vaccinazione. Noi abbiamo già vaccinato 140mila persone con questo vaccino e non abbiamo avuto effetti di particolare rilievo. Bisogna procedere, usando la ragione. Per quanto riguarda le vaccinazioni, abbiamo vaccinato con la prima dose 633mila cittadini. E’ già un dato rilevante. C’è già una forma di barriera che copre al 50%, ma copre. Tutto il personale sanitario ha completato anche la seconda dose, risultato strategico per il sistema ospedaliero. Per gli over 80 in 63mila hanno ricevuto anche la seconda dose. Se ci sarà un vaccino per i giovani, daremo priorità al mondo della scuola, perché capiamo benissimo che tenere le scuole chiuse è un grosso problema. Faremo il possibile, ma abbiamo il dovere di garantire la vita. Ora bisogna proseguire a completare la vaccinazione per gli ultraottantenni che non potevano recarsi presso i centri vaccinali. Per alcune categorie di pazienti fragili, contiamo sulla collaborazione dei medici di famiglia, per consentirci di vaccinare in tempi rapidi”.

 

 

Covid, l’Rt resta fermo a 1,16

L’Rt nazionale è fermo a 1,16, lo stesso valore della scorsa settimana. E’ questo il dato che sarebbe emerso dal monitoraggio settimanale.

Inoltre, si osserva, un ulteriore aumento dell’incidenza a livello nazionale, che supera la soglia di 250 casi settimanali per 100mila.

Ssc Napoli, il report dell’allenamento

Seduta mattutina per il Napoli al Training Center.

Gli azzurri preparano il match contro la Roma in programma domenica all’Olimpico per la 28esima giornata di Serie A (ore 20:45).

La squadra si è allenata sul campo 1 iniziando la sessione con attivazione a secco.

Successivamente torello prima con la rosa al completo e poi divisa in due gruppi.

Di seguito lavoro tecnico tattico per reparti: in una metà campo hanno lavorato centrocampisti e attaccanti e nell’altra i difensori.

Lobotka assente per la tonsillite. Petagna ha svolto lavoro personalizzato sul campo 2. Terapie e palestra per Rrahmani.

fonte sscnapoli

Astrazeneca, Aifa: “Non ci sono controindicazioni”

Dopo l’Ema anche l’Aifa ha dato il via libera al vaccino Astrazeneca. “Il comitato di Aifa – ha dichiarato il direttore generale Nicola Marini – ha ratificato e l’Agenzia ha poco fa revocato il divieto d’uso per il vaccino di AstraZeneca. I benefici del vaccino AstraZeneca superano di gran lunga i rischi, e che il vaccino è sicuro ed efficace per ogni fascia di età. Non è associato a un aumento di rischio tromboembolico né ci sono problemi relativi ad alcuni lotti”.

Sulla stessa lunghezza d’onda, durante la conferenza stampa, anche Gianni Rezza, direttore del Ministero della Salute:  “Di fronte a un rischio molto raro di eventi avversi, abbiamo un’epidemia che circola in modo rapido, con 250 casi ogni 100mila abitanti circa. Sarebbe stato controproducente mantenere la sospensione della campagna vaccinale”.

Covid, altre regioni a rischio zona rossa

Cresce l’attesa verso il report settimanale dei contagi. Alle dieci regioni che già si trovano in zona rossa nelle prossime ore potrebbe aggiungersi anche la Toscana. Il Molise, invece, è l’unica che può sperare nella zona arancione.

1 2