In Campania vaccinate 675.274 persone

Sono 675.274  le persone vaccinate in Campania. I dati sono stati forniti dall’Unita’ di Crisi: 214.391 tra personale sanitario e sociosanitario,  di cui 102mila hanno ricevuto entrambe le dosi.
La prima dose è stata somministrata anche a 71.364 operatori Asl e Ao, e a 17.846 lavoratori che fanno parte del personale non sanitario, di cui 8.658 dei hanno ricevuto anche la seconda dose. Sono 5.718 gli ospiti delle Rsa vaccinati, 209.468, le persone over 80 che hanno ricevuto invece solo la prima dose, 74.544 delle quali hanno effettuato entrambe le dosi. Vaccinati anche 22.843 operatori delle forze dell’ordine, e 121.999 tra docenti e personale scolastico di cui 1.160 dei quali hanno ricevuto entrambe le dosi. Gli over 70 che hanno ricevuto la prima dose sono, invece, 11.645.

 

Covid, 1.862 nuovi positivi in Campania

Positivi del giorno: 1.862 (*)
di cui
Asintomatici: 1.319 (*)
Sintomatici: 543 (*)
* Positivi, Sintomatici e Asintomatici si riferiscono ai tamponi molecolari
Tamponi molecolari del giorno: 18.081
Tamponi antigenici del giorno: 4.672
Deceduti: 62 (**)
Totale deceduti: 5.002
Guariti: 2.994
Totale guariti: 219.030
** 35 deceduti nelle ultime 48 ore, 27 deceduti in precedenza ma registrati ieri.
Report posti letto su base regionale:
Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656
Posti letto di terapia intensiva occupati: 178
Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (***)
Posti letto di degenza occupati: 1.598
*** Posti letto Covid e Offerta privata.

Fiorentina, Cesare Prandelli si è dimesso: “Questo calcio non fa più per me”

Il tecnico della Fiorentina, Cesare Prandelli, ha rassegnato le dimissioni. L’allenatore viola, alla seconda esperienza in Toscana, ha scritto una lunga lettera in cui spiega le ragioni dell’addio: “È la seconda volta che lascio la Fiorentina. La prima per volere di altri, oggi per una mia decisione. Nella vita di ciascuno, oltre che alle cose belle, si accumulano scorie, veleni che talvolta ti presentano il conto tutto assieme. In questo momento della mia vita mi trovo in un assurdo disagio che non mi permette di essere ciò che sono.

Ho intrapreso – continua –  questa nuova esperienza con gioia e amore, trascinato anche dall’entusiasmo della nuova proprietà. Ed è probabilmente il troppo amore per la città, per il ricordo dei bei momenti di sport che ci ho vissuto che sono stato cieco davanti ai primi segnali che qualcosa non andava, qualcosa non era esattamente al suo posto dentro di me. La mia decisione è dettata dalla responsabilità enorme che prima di tutto ho per i calciatori e per la società, ma non ultimo per il rispetto che devo ai tifosi della Fiorentina. Chi va in campo a questo livello, ha senza dubbio un talento specifico, chi ha talento è sensibile e mai vorrei che il mio disagio fosse percepito e condizionasse le prestazioni della squadra. In questi mesi è cresciuta dentro di me un’ombra che ha cambiato anche il mio modo di vedere le cose. Sono venuto qui per dare il 100%, ma appena ho avuto la sensazione che questo non fosse più possibile, per il bene di tutti ho deciso questo mio passo indietro.

Ringrazio Rocco Commisso – conclude Prandelli –  e tutta la sua meravigliosa famiglia, Joe Barone e Daniele Pradè, sempre vicini a me e alla squadra, ma soprattutto ringrazio Firenze che so che sarà capace di capire. Sono consapevole che la mia carriera di allenatore possa finire qui, ma non ho rimpianti e non voglio averne. Probabilmente questo mondo di cui ho fatto parte per tutta la mia vita, non fa più per me e non mi ci riconosco più. Sicuramente sarò cambiato io e il mondo va più veloce di quanto pensassi. Per questo credo che adesso sia arrivato il momento di non farmi più trascinare da questa velocità e di fermarmi per ritrovare chi veramente sono”.

Nel primo pomeriggio è arrivato il comunicato della Fiorentina: “Cesare Prandelli è l’allenatore e l’uomo che in questi mesi ha dato tutto se stesso dimostrando, ancora una volta, il profondo legame e affetto che lo lega alla città di Firenze e alla Fiorentina. Il Presidente Commisso, la Dirigenza, la Squadra e tutto il popolo viola ringraziano Cesare Prandelli, augurandogli di ritrovare al più presto la serenità e le energie necessarie per ottenere le migliori fortune per il suo futuro umano e professionale”.

 

Astrazeneca, gli Stati Uniti: “Forniti dati obsoleti”

Nuove polemica su Astrazeneca. La società, infatti, potrebbe avere incluso dati “obsoleti” nell’informativa inviata alle autorità americane durante le sperimentazioni del proprio vaccino condotte negli Stati Uniti: a renderlo noto, ieri sera. l’Istituto nazionale per le malattie infettive e le allergie.
Non si è fatta attendere la risposta di Astrazeneca che ha fatto sapere che entro le prossime 48 ore fornirà nuovi dati agli Stati Uniti.

Multa da 5mila sterline a chi parte dal Regno Unito

In Gran Bretagna è diventato legge il divieto di viaggiare all’estero se non per ragioni essenziali e giustificate.

La norma prevede una multa da 5mila sterline per chiunque cerchi di lasciare il Regno Unito verso una qualsiasi destinazione estera in assenza di un “giustificato motivo”.

Capri, Faraglioni danneggiati dai cercatori di “datteri”: 19 misure cautelari

La Procura della Repubblica di Napoli e i militari della Guardia di Finanza hanno notificato 19 misure cautelari con l’accusa di devastazione ambientale attuata per scavare dalle rocce del Porto di Napoli e anche dei Faraglioni di Capri per prelevare dalle rocce i “datteri di mare”. Secondo quanto verificato da un pool di esperti che hanno fatto da consulenti agli inquirenti, è emerso le operazioni illegali di prelievo hanno desertificato l’ecosistema che si trovava sul 48% delle pareti dei faraglioni che si trovano sott’acqua.

Draghi: “Fermare divario con il Sud”

“Divenire capaci di spendere i fondi europei a partire da quelli di Next generation Eu e farlo bene è un obiettivo di questo governo. Vogliamo fermare l’allargamento del divario e dirigere questi fondi in particolare su donne e giovani”. Così il premier Mario Draghi intervenendo a “SUD – Progetti per ripartire”.

Blitz dei Carabinieri contro il clan D’Alessandro: 16 arresti

Operazione dei Carabinieri del Comando provinciale di Napoli che, coordinati dalla Dda, hanno arrestato sedici persone ritenute affiliate alla famiglia camorristica D’Alessandro di Castellammare di Stabia. Gli inquirenti ipotizzano, nei loro confronti, l’associazione di tipo mafioso, estorsione continuata e in concorso, detenzione illegale di armi comuni da sparo.

Covid, Merkel: “La situazione è grave”

“La situazione è grave. Il numero di casi sta aumentando in modo esponenziale e i posti in terapia intensiva si stanno riempiendo di nuovo”. Così la cancelliera tedesca Angela Merkel annunciando il prolungamento del lockdown in Germania.

1 2